Normativa e prassi

1 Giugno 2018

Una nuova causale contributo:è per l’ente bilaterale Enbisit

Normativa e prassi

Una nuova causale contributo:
è per l’ente bilaterale Enbisit

In sede di compilazione del modello di versamento F24, deve essere indicata nella sezione “Inps”, in corrispondenza, esclusivamente, della colonna “importi a debito versati”

Una nuova causale contributo:|è per l’ente bilaterale Enbisit
Esit” è la causale contributo, istituita con la risoluzione 41/E del 1° giugno 2018, che occorre indicare nel modello F24 per indirizzare i contributi riscossi tramite l’Inps nelle casse dell’Ente nazionale bilaterale sicurezza, investigazioni e tutela (Enbisit), al quale sono effettivamente destinati.
 
Il sistema di riscossione si basa sulla convenzione siglata dai due enti il 9 aprile scorso, che a sua volta si fonda sulla precedente convenzione stipulata il 18 giugno 2008 (e più volte rinnovata), tra Agenzia delle entrate e Istituto nazione di previdenza sociale, che regola il servizio di riscossione, mediante il modello F24, per il versamento dei contributi di spettanza dell’Istituto, nonché di quelli previsti dalla legge 311/1973.
 
La causale “Esit”, dunque, deve essere esposta nella sezione “Inps”, nel campo “causale contributo” del modello F24, in corrispondenza, esclusivamente, della colonna “importi a debito versati”, indicando, negli appositi campi, il codice della sede Inps competente e la sua matricola, il periodo di riferimento dei contributi versati nella colonna “da mm/aaaa” e lasciando, invece, in bianco l’altra colonna “a mm/aaaa”.
 

pubblicato Venerdì 1 Giugno 2018

Condividi su:
Una nuova causale contributo:è per l’ente bilaterale Enbisit

Ultimi articoli

Normativa e prassi 19 Aprile 2021

Ok alla fruizione del bonus affitti per i canoni pagati tardi, nel 2021

La società che nel corso del 2021 versa i canoni di un contratto d’affitto relativi al 2020 matura il diritto alla fruizione del credito d’imposta per canoni di locazione a uso non abitativo e affitto d’azienda, purché sussistano tutti gli ulteriori requisiti di legge.

Normativa e prassi 19 Aprile 2021

Rilevanza del codice Ateco nei benefici dei “decreti Ristori”

La sospensione dei termini dei versamenti in scadenza nel mese di dicembre 2020 è fruibile anche dalle imprese e dai professionisti che non esercitano le attività economiche limitate dal Dpcm 3 novembre 2020, purché a novembre 2020 abbiano subìto una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 33% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

Vendite a distanza Ue con doppia Iva, le regole per ottenere il rimborso

Una ditta che effettua vendite online di videogiochi, alla quale viene notificato dal Paese estero di destinazione dei beni un avviso di versamento Iva, in quanto ha superato la soglia di 100mila euro, potrà chiedere il rimborso per gli anni accertati, cioè 2015 e 2016, presentando istanza entro due anni dal ricevimento dell’avviso.

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

“Affitti”: il fatturato dell’acquirente nella cessione d’azienda con riserva

Una società che nel 2019 cede un bar con riserva e nel 2020 lo riacquisisce dal gestore inadempiente, per la riduzione del fatturato che dà diritto alla fruizione del bonus locazioni dovrà computare la quota del medesimo fatturato derivante dell’azienda oggetto di trasferimento per i mesi di riferimento del credito.

torna all'inizio del contenuto