Normativa e prassi

1 Giugno 2018

Sanzioni da remissione in bonis:stessi codici, ma altro modello

Normativa e prassi

Sanzioni da remissione in bonis:
stessi codici, ma altro modello

I contribuenti che dimenticano, omettono o giungono in ritardo a un appuntamento con il fisco possono continuare a rimediare, servendosi però di una diversa delega di pagamento

Sanzioni da remissione in bonis:|stessi codici, ma altro modello
I codici tributo 8114 e 8115, istituiti nel 2012 per versare, tramite modello F24, le sanzioni conseguenti a specifiche inadempienze sanate tramite l’istituto della remissione in bonis (vedi “Tre sanzioni e tre codici tributo per “sanare” alcune irregolarità”) cambiano casa: dal prossimo 11 giugno, infatti dovranno essere utilizzati esclusivamente nell’F24 Elide.

Il “trasloco” arriva con la risoluzione 42/E del 1° giugno 2018.
 
In particolare, nella delega di pagamento “F24 Versamenti con elementi identificativi” andranno riportati nella sezione “Erario ed altro”, nell’omonimo campo “codice”.

pubblicato Venerdì 1 Giugno 2018

Condividi su:
Sanzioni da remissione in bonis:stessi codici, ma altro modello

Ultimi articoli

Normativa e prassi 7 Febbraio 2023

Aggiornato il modello Iva 74-bis, va presentato dal 2023

Debutta il nuovo modello Iva 74-bis riservato ai curatori della liquidazione giudiziale e ai commissari liquidatori per dichiarare le operazioni effettuate nella frazione d’anno antecedente la dichiarazione di liquidazione.

Normativa e prassi 7 Febbraio 2023

Imprese energivore neocostituite. Per il bonus criterio di calcolo forfetario

Le imprese cosiddette “energivore” che autoconsumano l’energia prodotta, anche neocostituite, possono accedere al “credito d’imposta prodotti energetici” facendo riferimento ad un parametro  forfetario nella verifica dell’incremento del costo medio utilizzando i valori correlati all’acquisto del combustibile usato per la produzione di energia.

Normativa e prassi 7 Febbraio 2023

Il regime delle accise fa posto a destinatari e speditori certificati

Dall’evoluzione normativa che ha interessato il regime generale delle accise, spiccano due nuovi attori, il “destinatario certificato” e lo “speditore certificato”, introdotti dalla direttiva (Ue) 2020/262 e recepiti dall’ordinamento nazionale con il Dlgs n.

Analisi e commenti 7 Febbraio 2023

Tregua fiscale 5: conciliazione agevolata delle liti fiscali pendenti

La procedura (articolo 1, commi 206-212, legge 197/2022) riguarda le vertenze in cui è parte l’Agenzia delle entrate e prevede la sottoscrizione di un accordo conciliativo fuori udienza, fruendo della riduzione potenziata delle sanzioni (un diciottesimo del minimo edittale) e della possibilità di dilazionare il pagamento del dovuto in venti rate trimestrali.

torna all'inizio del contenuto