Normativa e prassi

1 Giugno 2018

Sanzioni da remissione in bonis:stessi codici, ma altro modello

Normativa e prassi

Sanzioni da remissione in bonis:
stessi codici, ma altro modello

I contribuenti che dimenticano, omettono o giungono in ritardo a un appuntamento con il fisco possono continuare a rimediare, servendosi però di una diversa delega di pagamento

Sanzioni da remissione in bonis:|stessi codici, ma altro modello
I codici tributo 8114 e 8115, istituiti nel 2012 per versare, tramite modello F24, le sanzioni conseguenti a specifiche inadempienze sanate tramite l’istituto della remissione in bonis (vedi “Tre sanzioni e tre codici tributo per “sanare” alcune irregolarità”) cambiano casa: dal prossimo 11 giugno, infatti dovranno essere utilizzati esclusivamente nell’F24 Elide.

Il “trasloco” arriva con la risoluzione 42/E del 1° giugno 2018.
 
In particolare, nella delega di pagamento “F24 Versamenti con elementi identificativi” andranno riportati nella sezione “Erario ed altro”, nell’omonimo campo “codice”.

pubblicato Venerdì 1 Giugno 2018

Condividi su:
Sanzioni da remissione in bonis:stessi codici, ma altro modello

Ultimi articoli

Normativa e prassi 6 Ottobre 2022

Cessione dei bonus edilizi, le novità dei decreti “Aiuti” e “Aiuti-bis”

Pronti i chiarimenti interpretativi dell’Agenzia sulle novità che hanno interessato la cessione o lo sconto in fattura dei bonus edilizi dopo la conversione in legge dei decreti “Aiuti” (Dl n.

Normativa e prassi 6 Ottobre 2022

Nuovi bonus gas e carburanti, dal 6 ottobre via alle cessioni

Il provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate di oggi, 6 ottobre 2022 estende alla cessione degli ulteriori crediti d’imposta introdotti dai decreti legge “Aiuti” e “Aiuti-bis”, a favore di determinati settori, per l’acquisto di energia elettrica, gas e carburanti, le modalità operative già definite con il provvedimento dello scorso 30 giugno (vedi articolo “Cessioni bonus imprese energivore, comunicazioni a partire dal 7 luglio”).

Normativa e prassi 6 Ottobre 2022

Gruppo Iva, per la controllante estera occhio al volume d’affari e ricavi

Con la risposta n. 487 del 5 ottobre 2022, l’Agenzia precisa che, ai fini dell’identificazione del rappresentante del gruppo Iva, occorre far riferimento al valore più elevato tra i due dati (il volume d’affari e i ricavi) cui fa rinvio il disposto normativo di riferimento, come risultante dalle dichiarazioni presentate ai fini Iva e ai fini delle imposte sui redditi, relative al periodo d’imposta precedente la costituzione del gruppo Iva.

Normativa e prassi 5 Ottobre 2022

Nell’Archivio dei comuni, spazio a Calliano Monferrato

Il comune di Calliano, della provincia di Asti, Piemonte, cambia nome e diventa Calliano Monferrato con decorrenza 12 agosto 2022.

torna all'inizio del contenuto