Attualità

14 Aprile 2018

Richiesta dei 730 precompilati:il software per le comunicazioni

Attualità

Richiesta dei 730 precompilati:
il software per le comunicazioni

È disponibile sul sito delle Entrate la versione 1.0.0 del programma che deve essere utilizzato da centri di assistenza fiscale (Caf), professionisti e sostituti d’imposta

Richiesta dei 730 precompilati:|il software per le comunicazioni
Sul sito dell’Agenzia delle entrate è stato pubblicato il software Richiesta 730 Precompilato 2018 (versione 1.0.0), attraverso il quale i Caf, i professionisti e i sostituti d’imposta possono compilare le comunicazioni di richiesta dei 730 Precompilati e predisporre il relativo file da trasmettere in via telematicamente all’Agenzia. È possibile eseguire il download sul proprio pc direttamente dalla pagina dedicata del sito.
 
Per eseguire il programma è necessario utilizzare la versione più aggiornata disponibile di Java Virtual Machine.
 

Questi i sistemi operativi con cui è possibile utilizzare il software:

  • Windows 10, 8 e 7
  • Linux
  • Mac OS X 10.7.3 e superiori. 

In ogni caso, è necessario installare anche un programma per leggere e stampare i file pdf.

pubblicato Domenica 15 Aprile 2018

Condividi su:
Richiesta dei 730 precompilati:il software per le comunicazioni

Ultimi articoli

Attualità 30 Gennaio 2023

Tempi stretti per le spese sanitarie del secondo semestre 2022

Strutture e operatori sanitari, medici, farmacie e veterinari non possono più rimandare.

Normativa e prassi 27 Gennaio 2023

“Tregua fiscale”, l’Agenzia delinea il perimetro applicativo

Dopo la circolare n. 1/2023 con la quale l’Agenzia delle entrate ha fornito i primi chiarimenti relativi alla definizione agevolata delle somme dovute a seguito del controllo automatizzato delle dichiarazioni (vedi articolo “Definizione degli avvisi bonari, tutte le novità sulla misura di favore”), con la circolare n.

Normativa e prassi 27 Gennaio 2023

Versione finale per il 770/2023 e specifiche tecniche per l’Iva

Con due distinti provvedimenti del 27 gennaio 2023, siglati dal direttore dell’Agenzia, sono approvati, in via definitiva, il modello 770, che i sostituti d’imposta dovranno utilizzare per comunicare i dati relativi alle ritenute operate nel 2022, e le specifiche tecniche, che consentiranno l’invio delle dichiarazioni Iva e Iva base, già approvate lo scorso 13 gennaio (vedi articolo “Modelli Iva e Iva base 2023: on line insieme alle istruzioni”).

Normativa e prassi 27 Gennaio 2023

Pensione di invalidità australiana a italiano: è esentasse ovunque

La “Disability support pension” erogata dall’amministrazione australiana a un contribuente in possesso sia della doppia cittadinanza sia della doppia residenza italiana e australiana, vista la natura assistenziale dell’emolumento, non è imponibile nel Paese d’oltreoceano e nemmeno in Italia.

torna all'inizio del contenuto