Attualità

30 Marzo 2018

Dove finiscono le tue imposte:la precompilata può dirtelo

Attualità

Dove finiscono le tue imposte:
la precompilata può dirtelo

L’Agenzia, sulla base dei dati analitici elaborati dal ministero dell’Economia, pubblica una tabella e un grafico di sintesi che illustrano la distribuzione delle somme per voci di spesa

Dove finiscono le tue imposte:|la precompilata può dirtelo
Sanità, previdenza, istruzione, sicurezza, ordine pubblico, trasporti, cultura, ambiente, quota parte del debito pubblico, contribuzione al bilancio Ue, pubbliche amministrazioni. Dalla seconda metà di aprile, i contribuenti, che si collegheranno al sito dell’Agenzia delle entrate per consultare la loro dichiarazione dei redditi precompilata o il cassetto fiscale, potranno conoscere come sono state distribuite le imposte versate relative al 2016 e, quindi, alla dichiarazione dei redditi presentata nel 2017. È un’opportunità di cui potranno usufruire i circa 30 milioni di cittadini che utilizzano i modelli 730 e Redditi persone fisiche preconfezionati dal Fisco: 20 milioni i primi, circa 10 milioni i secondi.
 
È un’iniziativa dell’Agenzia delle entrate volta a rafforzare il senso di partecipazione dei cittadini che, in questo modo, potranno seguire il percorso del loro contributo economico all’amministrazione e gestione dello Stato, diventandone più consapevoli. L’intenzione è riassunta nel messaggio che ogni contribuente potrà leggere aprendo la sezione dedicata al servizio: “Nella speranza di fare cosa gradita, Agenzia delle entrate desidera fornirti alcune informazioni con l’obiettivo di essere ancora meglio al servizio tuo e dell’intera comunità. Una pagina informativa con cui puoi avere la sintesi di come lo Stato ha destinato le imposte relative alla tua dichiarazione dei redditi 2017, per l’anno fiscale 2016. Contribuire alla propria comunità è essenziale, ma riteniamo lo sia anche avere la consapevolezza, per rispetto del cittadino prima ancora che del contribuente, di come vengano utilizzate le risorse fiscali”.
 
Il report è basato sui dati analitici della spesa pubblica elaborata dal ministero dell’Economia e delle Finanze, che tiene conto non solo dell’Irpef, ma anche delle addizionali regionali e comunali Irpef, della cedolare secca sulle locazioni, del contributo di solidarietà, dell’acconto per somme assoggettate a tassazione separata, e delle sostitutive sui premi di risultato e per i regimi di vantaggio e forfetario.
L’Agenzia fa un esempio concreto e spiega che un ipotetico contribuente potrà sapere che dei 10mila euro da lui versati per le imposte 2016, 2.125 sono andati alla previdenza e assistenza, 1.934 alla sanità, 1.090 all’istruzione, 882 a difesa, ordine pubblico e sicurezza, 832 ai servizi della Pubblica amministrazione e così via.
Le suddivisioni delle entrate fiscali saranno individuabili attraverso una tabella sintetica e un “grafico a torta”.

Tornando alla precompilata e al cassetto fiscale
A questo punto, forse non fa male ricordare che è possibile accedere alla propria dichiarazione dei redditi precompilata tramite:

  • le credenziali dei servizi telematici dell’Agenzia delle entrate
  • Spid, il “Sistema pubblico di identità digitale”
  • il pin “dispositivo” rilasciato dall’Inps
  • le credenziali NoiPa per il personale della pubblica amministrazione
  • la Carta nazionale dei servizi
  • Caf
  • delega a un professionista abilitato.

L’accesso al cassetto fiscale avviene, invece, tramite nome utente, password e pin dei servizi telematici dell’Agenzia delle entrate o con la Carta nazionale dei servizi.

pubblicato Lunedì 2 Aprile 2018

Condividi su:
Dove finiscono le tue imposte:la precompilata può dirtelo

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Investimenti in beni strumentali, tutti i chiarimenti delle Entrate

Per gli investimenti che danno accesso al credito d’imposta effettuati dal 16 novembre 2020 (data di decorrenza della nuova disciplina introdotta dalla legge di bilancio 2021) al 31 dicembre 2020 (termine finale delle disposizioni previste dalla legge di bilancio 2020), o al 30 giugno 2021 nel caso degli investimenti “prenotati”, cioè con ordine accettato dal venditore e avvenuto pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione entro la data del 31 dicembre 2020, gli effetti del nuovo regime sono anticipati, senza attendere il 31 dicembre 2020, termine naturale delle precedenti misure.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Importazioni e cessioni senza Iva per contrastare il Covid-19

Le modifiche al regime agevolativo per l’importazione in esenzione da Iva e dazi degli strumenti necessari a prevenire e ostacolare la pandemia non hanno mutato la ratio e le finalità della misura.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Dispositivo cardiaco con monitor, Kit unico con aliquota Iva al 4%

Con la risposta n. 504 del 23 luglio 2021 l’Agenzia delle entrate fornisce dei chiarimenti a una società che commercializza dispositivi medici contro i disturbi cardiovascolari, in merito all’aliquota Iva applicabile alle cessioni dei dispositivi per il monitoraggio da remoto acquistati in un Paese Ue e rivenduti sul territorio nazionale.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Senza Iva le cessioni di gasolio da un deposito fiscale a un altro

Con la risposta n. 506 del 23 luglio 2021 l’Agenzia chiarisce che il trasferimento da un deposito fiscale a un altro deposito fiscale, in regime di accisa sospesa, di carburanti identificati con determinati codici di nomenclatura doganali (27101245, 27101249, 27101943, 27102011) regolarmente utilizzabili per motori autotrazione rientra sempre nell’ambito applicativo della disciplina di cui all’articolo 1, commi 937-939 della legge di bilancio 2018 (la n.

torna all'inizio del contenuto