Normativa e prassi

29 Marzo 2018

Corigliano e Rossano: due in uno.Dalla fusione, un nuovo codice

Normativa e prassi

Corigliano e Rossano: due in uno.
Dalla fusione, un nuovo codice

Di conseguenza è stato aggiornato l’“Archivio Comuni e Stati esteri”, un elenco di sigle alfanumeriche che consentono di identificare in forma abbreviata le realtà territoriali

Area Comune Corigliano-Rossano
Istituito, con risoluzione 25/E del 30 marzo, l’inedito codice amministrativo nazionale M403 che va a identificare il neonato Comune di  Corigliano-Rossano, generato dalla fusione dei Comuni di Corigliano Calabro e di Rossano, in provincia di Cosenza.

L’unione è stata stabilita dalla legge regionale calabra 2/2018.
 
M403 è inserito nell’“Archivio Comuni e Stati esteri” e sarà operativo dal prossimo 31 marzo.
 

pubblicato Venerdì 30 Marzo 2018

Condividi su:
Corigliano e Rossano: due in uno.Dalla fusione, un nuovo codice

Ultimi articoli

Normativa e prassi 26 Gennaio 2022

“Disallineamenti da ibridi”; pronti i chiarimenti definitivi

Chiusa la consultazione pubblica relativa a un primo schema di circolare sull’applicazione, alle controlled foreign companies, della disciplina dei “disallineamenti da ibridi” (vedi articolo “Disallineamenti da ibridi; aperta la consultazione pubblica”) introdotta dal decreto “Atad” (articoli 6 e 11 del Dlgs n.

Attualità 26 Gennaio 2022

Contributi editoria, precisazioni per presentare l’istanza corretta

Le imprese editrici che nel 2021 hanno provveduto ad adeguare l’assetto societario ai requisiti previsti dalla legge per beneficiare dei contributi a favore del settore, devono presentare, entro il prossimo 31 gennaio, la domanda di accesso alla sovvenzione nell’attuale configurazione giuridica, indicando la tipologia per la quale il bonus è richiesto tenuto conto della prevalenza della forma societaria nel corso dell’anno.

Analisi e commenti 26 Gennaio 2022

Il Fisco nella legge di bilancio – 11 Piani di risparmio con più appeal

L’ultima legge di bilancio, al fine di potenziare i benefici, fiscali per gli investitori, di liquidità per i riceventi, legati ai piani individuali di risparmio a lungo termine (Pir) ha previsto, da un lato, per i piani tradizionali, un aumento del tetto massimo relativo all’investimento annuale consentito, per quelli alternativi, meno paletti.

Normativa e prassi 26 Gennaio 2022

Sì alla variazione in diminuzione se l’infruttuosità del credito è certa

Per le procedure concorsuali avviate prima del 26 maggio 2021 (data di entrata in vigore del Dl n.

torna all'inizio del contenuto