Normativa e prassi

15 Marzo 2018

Imposte sui “Pir”: modello F24con codice fiscale facoltativo

Normativa e prassi

Imposte sui “Pir”: modello F24
con codice fiscale facoltativo

La novità riguarda il caso in cui i versamenti delle somme sono effettuati cumulativamente per tutti i soggetti titolari del piano di risparmio decaduti dal beneficio tributario

Imposte sui “Pir”: modello F24|con codice fiscale facoltativo
A seguito delle richieste di chiarimento formulate dalle associazioni di categoria, i versamenti delle imposte e degli interessi, da corrispondere per effetto della decadenza dal beneficio fiscale previsto per i redditi di capitale e diversi derivanti da investimenti nei piani di risparmio a lungo termine (Pir), possono essere effettuati anche cumulativamente per le somme dovute per tutti i soggetti titolari dello strumento finanziario.

In questo caso, nel campo del modello F24 “Codice fiscale del coobbligato, erede, genitore, tutore o curatore fallimentare” l’indicazione del codice fiscale dei titolari dei Pir è facoltativo. La precisazione dell’Agenzia, nelle more dei necessari approfondimenti, arriva con la risoluzione n. 23/E del 15 marzo 2018.
Nel campo “anno di riferimento”, inoltre, può essere indicato l’anno in cui si è verificata la decadenza dal beneficio fiscale, nel formato “AAAA”.

Il chiarimento fa seguito alla precedente risoluzione (n. 21/E del 9 marzo scorso) con cui era stato istituito il codice tributo “1070” per consentire il versamento delle somme agli intermediari (vedi articolo “Tutto pronto per versare le imposte sui Pir decaduti dai benefici fiscali”).
 

pubblicato Giovedì 15 Marzo 2018

Condividi su:
Imposte sui “Pir”: modello F24con codice fiscale facoltativo

Ultimi articoli

Normativa e prassi 18 Maggio 2022

Contributo a discoteche e sale da ballo, istanze a partire dal 6 giugno

Tutto pronto per il contributo a fondo perduto a favore dei gestori di “Discoteche, sale da ballo, night club e simili” previsto Sostegni-ter (articolo 1, comma 1, Dl n.

Normativa e prassi 18 Maggio 2022

Tax credit beni strumentali nuovi, collaudo senza riferimenti normativi

Le fatture e i documenti di trasporto e gli altri documenti comprovanti l’acquisto di un bene che consente di accedere al bonus “beni strumentali nuovi” devono contenere l’indicazione delle disposizioni che disciplinano l’agevolazione.

Normativa e prassi 18 Maggio 2022

Locazione di alberghi: ok alla rivalutazione gratuita

Con la risposta n. 269 del 18 maggio 2022, l’Agenzia ha chiarito che la disciplina agevolativa dettata dall’articolo 6-bis del Dl n.

Attualità 18 Maggio 2022

In porto il “decreto Ucraina-bis”. Le modifiche votate dal Parlamento

Art. 1-bis (nuovo)Disposizioni in materia di accisa e di Iva sui carburanti Riprodotto il contenuto dell’articolo 1 dell’abrogato Dl 38/2022, che, considerati i perduranti effetti economici derivanti dall’eccezionale rialzo dei prezzi dei prodotti energetici, conferma fino all’8 luglio 2022 l’azzeramento dell’accisa sul gas naturale usato per autotrazione, la riduzione al 5% dell’Iva sul gas naturale usato per autotrazione e la riduzione dell’accisa sui carburanti.

torna all'inizio del contenuto