Normativa e prassi

14 Marzo 2018

Modelli Redditi Pf e 770 2018:corretti alcuni errori materiali

Normativa e prassi

Modelli Redditi Pf e 770 2018:
corretti alcuni errori materiali

Le modifiche sono state approvate, con apposito provvedimento, dall’Agenzia delle entrate, che ha provveduto anche ad aggiornare le relative istruzioni e specifiche tecniche

immagine di attrezzi per riparazioni sartoriali
Arrivano piccoli ritocchi ai modelli di dichiarazione 2018: con il provvedimento 15 marzo 2018, infatti, l’Agenzia delle entrate ha approvato alcune modifiche al modello Redditi Pf e al modello 770.
L’opera di “piccola manutenzione” ha interessato anche le istruzioni del primo e le istruzioni e specifiche tecniche del secondo.

Le modifiche si sono rese necessarie per rimuovere alcuni errori materiali emersi dopo la pubblicazione dei modelli.

Eventuali ulteriori correzioni e aggiornamenti saranno pubblicati nell’apposita sezione del sito dell’Agenzia delle Entrate e ne sarà data tempestiva comunicazione.
 

pubblicato Giovedì 15 Marzo 2018

Condividi su:
Modelli Redditi Pf e 770 2018:corretti alcuni errori materiali

Ultimi articoli

Attualità 28 Settembre 2020

Elenchi cinque per mille 2020, ultima chance: remissione in bonis

Scade il prossimo mercoledì 30 settembre il tempo per tutti gli enti, non inseriti negli elenchi permanenti e comunque interessati a partecipare alla ripartizione del beneficio nelle diverse categorie individuate, che non hanno assolto in tutto o in parte entro i termini di scadenza gli adempimenti previsti per l’ammissione al contributo, relativo al 2020.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Acquisti on line con lo sconto Reddito zero per il dipendente

La riduzione sul prezzo dei beni acquistati dal dipendente attraverso una piattaforma web in base a uno specifico accordo tra e-commerce e datore di lavoro non genera reddito imponibile, in quanto, il prezzo scontato, versato dal dipendente corrisponde al “valore normale” del prodotto.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Contributi a Ente bilaterale: non imponibili se obbligatori

I versamenti effettuati da un datore di lavoro a un Ente bilaterale non vanno assoggettati a ritenuta se il contratto, l’accordo o il regolamento aziendale prevedono soltanto l’obbligo per il datore di fornire prestazioni assistenziali e questo sceglie di garantirsi una copertura economica iscrivendosi all’Ente.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Contratto con i cittadini stranieri: i codici per il contributo forfettario

Istituiti tre codici tributo “CFZP”, “CFAS” e “CFLD” da utilizzare per il versamento, tramite il modello F24 Elide, dei contributi forfettari previsti per l’emersione del lavoro irregolare, rispettivamente  nel campo dell’agricoltura,  nei settori assistenza alla persona e nel lavoro domestico.

torna all'inizio del contenuto