Normativa e prassi

5 Marzo 2018

Esonero canone tv per 75enni:limite di reddito a 8mila euro

Normativa e prassi

Esonero canone tv per 75enni:
limite di reddito a 8mila euro

In precedenza la soglia che, al ricorrere di tutti gli altri requisiti previsti dalla legge, riconosceva ai contribuenti la possibilità di non effettuare il versamento era fissata a 6.713,98 annui

immagine di un televisore
Per il 2018, il limite di reddito rilevante per l’esenzione dal pagamento del canone tv, prevista a favore di coloro che hanno un’età pari o superiore a 75 anni, passa da 6.713,98 a 8.000 euro. A stabilirlo è il decreto 16 febbraio 2018, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale di sabato scorso. Restano ferme le altre condizioni richieste dalla legge.

L’agevolazione per gli ultrasettantacinquenni
La legge 244/2007 (Finanziaria 2008) ha previsto che, a partire dal 2008, per i soggetti di età pari o superiore a 75 anni e con un reddito, proprio e del coniuge, non superiore complessivamente a 516,46 euro per tredici mensilità (cioè 6.713,98 annui), senza conviventi, è abolito il pagamento del canone tv, con esclusivo riferimento all’apparecchio televisivo collocato nel luogo di residenza (articolo 1, comma 132).

Le nuove modalità di pagamento del canone
La legge di stabilità 2016 (articolo 1, commi da 152 a 161) ha introdotto numerose novità in materia di canone tv, stabilendo che:

  • la detenzione di un apparecchio televisivo si presume nel caso in cui esista un’utenza per la fornitura di energia elettrica nel luogo in cui si ha la residenza anagrafica
  • il pagamento è dovuto, in ogni caso, una sola volta in relazione agli apparecchi detenuti nei luoghi adibiti a propria residenza o dimora, dallo stesso soggetto e dai soggetti appartenenti alla stessa famiglia anagrafica
  • il pagamento del canone avviene in 10 rate mensili (da gennaio a ottobre), addebitate sulle fatture emesse dalle imprese elettriche.

La stessa legge ha anche previsto che, per gli anni dal 2016 al 2018, una parte delle eventuali maggiori entrate (extra gettito) versate a titolo di canone tv (rispetto a quelle indicate nel bilancio di previsione per il 2016) può essere destinata, con decreto del Mef, all’ampliamento, fino a 8mila euro, della soglia reddituale prevista per l’esenzione a favore di coloro che hanno 75 anni o più.

Il decreto 16 febbraio 2018
Sulla base delle disposizioni normative sopra ricordate, il decreto pubblicato sabato scorso, quindi, ha stabilito che, per il 2018, viene ampliata fino a 8mila euro la soglia reddituale prevista per l’esenzione dal pagamento del canone tv a favore dei soggetti di età pari o superiore a 75 anni. Restano fermi tutti gli atri requisiti richiesti dalla legge.
Il decreto, infine, attribusice a un successivo provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate il compito di definire le modalità di attuazione dell’agevolazione.
 

pubblicato Lunedì 5 Marzo 2018

Condividi su:
Esonero canone tv per 75enni:limite di reddito a 8mila euro

Ultimi articoli

Attualità 6 Maggio 2021

Bonus pubblicità, online l’elenco per gli investimenti sulla stampa

Pubblicato, sul sito del dipartimento per l’Informazione e l’Editoria l’elenco, trasmesso dall’Agenzia delle entrate, dei soggetti che hanno “prenotato” il credito d’imposta per gli investimenti pubblicitari.

Analisi e commenti 6 Maggio 2021

La stabile organizzazione – 1 dal modello Ocse al nostro Tuir

La stabile organizzazione rappresenta il criterio di collegamento o soglia minima che consente di ripartire la potestà impositiva tra stato della fonte e della residenza.

Dati e statistiche 5 Maggio 2021

Entrate tributarie gennaio-marzo 2021. Ancora sotto l’effetto della pandemia

Nel primo trimestre del 2021 le entrate tributarie hanno registrato un recupero dello 0,8% portando 803 milioni di euro in più nelle casse dello Stato rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, per un totale di 99.

Attualità 5 Maggio 2021

Crescita digitale obiettivo prioritario. Ne ha parlato oggi il direttore Ruffini

Si è svolta stamattina, 5 maggio 2021, presso la Commissione parlamentare di vigilanza sull’Anagrafe tributaria l’audizione del direttore dell’Agenzia, Ernesto Maria Ruffini, sui progetti di digitalizzazione e innovazione tecnologica delle banche dati fiscali.

torna all'inizio del contenuto