Normativa e prassi

5 Gennaio 2018

Una coppia di causali contributoper finanziare due enti bilaterali

Normativa e prassi

Una coppia di causali contributo
per finanziare due enti bilaterali

Affinché le somme finiscano nelle casse dei legittimi destinatari, le sigle devono essere riportate nella sezione Inps del modello di pagamento, insieme al codice sede e alla matricola

Una coppia di causali contributo|per finanziare due enti bilaterali
A inaugurare i documenti di prassi 2018 dell’Agenzia delle entrate è la causale contributo Enab, istituita con la risoluzione 1/E del 5 gennaio 2018, su richiesta dell’Inps, per la riscossione, tramite modello F24, dei contributi diretti al finanziamentio dell’Ente nazionale autonomo bilaterale “Enab. Imprese”.
 
Invece con la risoluzione 3/E dello stesso giorno arriva la causale contributo Ebis. La sigla, in questo caso, deve essere indicata nel modello di pagamento per destinare gli importi all’Ente bilaterale nazionale degli impianti e attività sportive profit e non profit “EbiSport”.
 
Ecco le istruzioni per la compilazione del modello F24:

  • le causali devono essere riportate nel campo “causale contributo” della sezione Inps, in corrispondenza, esclusivamente, della colonna “importi a debito versati
  • nella stessa sezione, inoltre, devono essere indicati, negli appositi campi, il codice della sede Inps competente e la matricola Inps dell’azienda
  • nel campo “periodo di riferimento“, invece, all’interno della colonna “da mm/aaaa” devono essere indicati il mese e l’anno a cui si riferisce il contributo versato, mentre la colonna “a mm/aaaa” non deve essere compilata.

pubblicato Venerdì 5 Gennaio 2018

Una coppia di causali contributoper finanziare due enti bilaterali

Ultimi articoli

Attualità 26 Maggio 2023

Correzioni di istanza Civis: falso, la mail contiene un malware

L’Agenzia delle entrate avvisa che è in corso di diffusione una campagna di phishing attuata tramite false comunicazioni trasmesse via e-mail.

Attualità 26 Maggio 2023

Comunicazione Fatca senza Tin: no problem, nessuna sanzione

L’Internal revenue service degli Stati Uniti (Irs), infatti, con una notice dello scorso 30 dicembre, informata delle difficoltà che le istituzioni finanziarie italiane riscontrano nella raccolta del codice fiscale statunitense (Tin), ha precisato, con riferimento alla comunicazione dei dati relativi agli anni dal 2022, 2023 e 2024, che la mancata acquisizione e comunicazione del Tin, in relazione a un conto già esistente al 30 giugno 2014, non determinerà di per sé gravi conseguenze.

Attualità 25 Maggio 2023

Statistiche delle dichiarazioni Irpef, il Mef pubblica i dati 2021

Sul sito del Dipartimento delle finanze sono disponibili i dati su dichiarazioni Irpef dei titolari di partita Iva, reddito prevalente delle persone fisiche e Isa.

Normativa e prassi 25 Maggio 2023

“Decreto bollette” ai titoli di coda, palazzo Madama rinnova la fiducia

Art. 2 – Riduzione dell’Iva e degli oneri generali nel settore gas per il secondo trimestre dell’anno 2023 (modificato) Destinati, per l’anno 2023, 1,5 milioni di euro a favore dei Comuni in condizioni di predissesto, con popolazione da 25mila a 35mila abitanti, il cui piano di riequilibrio finanziario è stato approvato dalla Corte dei conti nel 2015 per l’anno 2014 e fino al 2023 e che, a seguito della sentenza 18/2019 della Corte costituzionale, si sono visti ridurre – dai trenta anni riconosciuti dalla norma della legge di stabilità 2016 poi dichiarata illegittima (articolo 1, comma 714, legge 208/2015) ai dieci anni ordinariamente previsti dal Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali (articolo 243-bis, Dlgs 267/2000) – l’intervallo temporale a disposizione per restituire le anticipazioni di liquidità da parte dello Stato, di cui hanno usufruito accedendo al “Fondo di rotazione per assicurare la stabilità finanziaria degli enti locali” (articolo 243-ter, Tuel).

torna all'inizio del contenuto