Dati e statistiche

11 Settembre 2017

Nuove partite Iva luglio 2017:online i dati dell’Osservatorio

Dati e statistiche

Nuove partite Iva luglio 2017:
online i dati dell’Osservatorio

Il commercio si conferma ancora una volta il settore produttivo con il numero maggiore di aperture (20,6%), seguito dalle attività professionali (14,5%) e dalle costruzioni (8,9%)

Nuove partite Iva luglio 2017:|online i dati dell’Osservatorio
Nel mese di luglio 2017 sono state aperte 37.706 nuove partite Iva. Rispetto allo stesso mese dell’anno scorso si registra una flessione dell’1,1%.
Lo rende noto il dipartimento delle Finanze, con la pubblicazione del report elaborato dall’Osservatorio sulle partite Iva.
Il documento fornisce i dati, ripartendo le percentuali di distribuzione per natura giuridica, territorio, settori produttivi e caratteristiche anagrafiche.

Distribuzione per natura giuridica
Questo parametro evidenzia le seguenti quote di distribuzione delle aperture di nuove partite Iva:

  • persone fisiche: 66,6%
  • società di capitali: 28,1%
  • società di persone: 4,4%
  • non residenti e altre forme giuridiche: 0,9%. 

Rispetto al luglio 2016 si registra un calo di aperture per le società di persone (-15,2%) e per le persone fisiche (-4%). Le società di capitali, invece, fanno registrare un aumento che sfiora il 10%.
 
Distribuzione per territorio
Dal punto di vista territoriale, la sintesi dell’Osservatorio rileva che le nuove aperture di partite Iva sono così “localizzate”:

  • Nord: 42%
  • Centro: 23%
  • Sud e Isole: 35%. 

Dal confronto con il mese di luglio dello scorso anno, emerge che gli incrementi maggiori si sono registrati in:

  • Valle d’Aosta (+26,2%)
  • Sicilia (+15,4%)
  • Liguria (+11,4%). 

Di contro, le flessioni più marcate sono avvenute in:

  • Basilicata (-53,2%)
  • Molise (-17,4%)
  • Emilia-Romagna (-7,6%). 

Distribuzione per settore produttivo
Dalla classificazione per settore produttivo emerge che il maggior numero di nuove partite Iva si registra, come di consueto, nel commercio (20,6%), seguito a ruota da attività professionali (14,5%)
e costruzioni (8,9%).

Gli incrementi più significativi, rispetto a luglio 2016, si rilevano nei seguenti settori:

  • attività immobiliari (+12,5%)
  • trasporto e magazzinaggio (+12%)
  • servizi informativi (+10,5%). 

Invece, i cali più evidenti si registrano:

  • nell’agricoltura (-11,6%)
  • nel commercio (-8,7%), che resta comunque il settore con il numero maggiore di nuove aperture
  • nell’istruzione (-7,4%). 

Distribuzione per caratteristiche anagrafiche
Se si prendono in considerazione le caratteristiche anagrafiche di coloro che lo scorso luglio hanno aperto una nuova partita Iva, emergono i seguenti dati:

  • maschi: 62,4%
  • femmine: 37,6%
  • giovani fino a 35 anni: 47,4%
  • soggetti tra 36 e 50 anni: 33%. 

Rispetto al luglio 2016, emerge un aumento di avviamenti al crescere dell’età (dal -5,8% della classe più giovane al +5% della più anziana).
 
Altri dati
Infine, dalla lettura del report si ricava che a luglio 2017:

  • il 17,8% di coloro che hanno aperto una nuova partita Iva risulta nato all’estero
  • sono 13.113 i soggetti che hanno aderito al regime forfetario (circa il 34,8% del totale delle nuove aperture), con un aumento del 5,3% rispetto a luglio 2016.

pubblicato Lunedì 11 Settembre 2017

Condividi su:
Nuove partite Iva luglio 2017:online i dati dell’Osservatorio

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Ottobre 2020

Consolidato interrotto e patent box: cosa fare per recuperare l’eccedenza

La risposta n. 498 del 23 ottobre 2020 illustra gli adempimenti dichiarativi da porre in essere per ottenere il riconoscimento dell’eccedenza di credito spettante, in relazione al minor reddito imponibile realizzato, a seguito della stipula dell’accordo “patent box”.

Normativa e prassi 23 Ottobre 2020

Fatture elettroniche alle Pa: il regolamento per il rifiuto

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale assume la veste dell’ufficialità il decreto n.

Attualità 23 Ottobre 2020

Bonus librerie, scadenza rinviata: presentazione fino al 30 ottobre

Una settimana in più per richiedere il tax credit librerie relativo al 2019.

Normativa e prassi 22 Ottobre 2020

Regime adempimento collaborativo: confermate le scelte organizzative

Le competenze e le modalità di applicazione del regime di adempimento collaborativo, introdotto nel nostro ordinamento dal Dlgs n.

torna all'inizio del contenuto