Attualità

5 Giugno 2017

L’Igm “strizza l’occhio spaziale”e il data base del Fisco “intende”

Attualità

L’Igm “strizza l’occhio spaziale”
e il data base del Fisco “intende”

Le procedure e i software prodotti nell’ambito della collaborazione saranno in comune proprietà e, dunque, entrambe le parti potranno servirsene per i propri fini istituzionali

L’Igm “strizza l’occhio spaziale”|e il data base del Fisco “intende”
Agenzia delle Entrate e Istituto geografico militare (Igm) mettono insieme le conoscenze e stringono un accordo di collaborazione per aggiungere valenza alle loro specifiche attività. Banche dati in comune, quindi, per consentire monitoraggio costante e continuo aggiornamento del territorio nazionale.
L’intesa è stata sottoscritta dal direttore dell’Agenzia, Rossella Orlandi, e dal generale Gianfranco Rossi, comandante dell’Istituto.
 
La necessità di lavorare congiuntamente nasce da una condivisione di finalità: l’Igm, nella veste di Organo cartografico dello Stato, ha come obiettivo l’inquadramento plano-altimetrico del territorio, in sostanza la sua rappresentazione fisica; l’Agenzia, dal canto suo, deve invece controllare gli immobili presenti sullo stesso territorio per mantenere aggiornata l’anagrafe relativa a tali beni, anche attraverso foto-identificazioni aeree da sovrapporre alla propria cartografia catastale.
Ebbene, un know-how, quello dell’Igm, strategico per il fisco; informazioni fondamentali, quelle dell’Amministrazione finanziaria, per l’Istituto.
 
Detto ciò, in sostanza l’accordo, che avrà durata triennale, prevede:

  • la condivisione delle conoscenze mediante lo scambio di dati “territoriali”
  • la produzione congiunta di data base, cartografie e dati geospaziali
  • la definizione di procedure per ottenere dati plano-altimetrici, grafici e numerici
  • la realizzazione di reti geodetiche (reti di livellazione del terreno ad alta precisione, costruite con l’impiego di tecniche differenziali Gps), planimetriche e altimetriche di interesse comune. 

Passati i tre anni, l’eventuale rinnovo dell’intesa dovrà essere esplicito e per iscritto.
 

pubblicato Mercoledì 7 Giugno 2017

Condividi su:
L’Igm “strizza l’occhio spaziale”e il data base del Fisco “intende”

Ultimi articoli

Normativa e prassi 3 Febbraio 2023

Spese di lite dell’ente soccombente, Cu dovuta anche se erogate al sostituto

Un ente pubblico risultato perdente in una lite giudiziaria, è tenuto ad emettere la certificazione unica per le spese di giudizio, anche se sono destinate a un libero professionista munito di delega all’incasso, a nulla rilevando il regime fiscale adottato da quest’ultimo (ordinario o forfetario) e l’eventuale qualifica di sostituto d’imposta della controparte vittoriosa.

Analisi e commenti 3 Febbraio 2023

Tregua fiscale 3: definizione atti del procedimento di accertamento

Già a regime e pienamente utilizzabile la disciplina contenuta nella legge di bilancio che consente di definire in maniera agevolata le sanzioni relative agli atti del procedimento di accertamento emessi dagli uffici dell’Agenzia delle entrate (articolo 1, commi 179-185, legge 197/2022).

Attualità 3 Febbraio 2023

Registrazione a zero carta, se sull’atto c’è la firma digitale

Per gli atti firmati digitalmente, inviati tramite posta elettronica certificata o attraverso il servizio telematico “Consegna documenti e istanze”, disponibile nell’area riservata del sito dell’Agenzia delle entrate, la registrazione è automatica.

Attualità 2 Febbraio 2023

Audizione delle Entrate al Senato. In rassegna la sanità integrativa

È terminata l’audizione dell’Agenzia tenutasi questa mattina presso la 10a Commissione Affari sociali, sanità, lavoro pubblico e privato, previdenza sociale del Senato.

torna all'inizio del contenuto