Attualità

11 Maggio 2017

Redditi Pf e Studi di settore:pronti i software, via con il mouse

Attualità

Redditi Pf e Studi di settore:
pronti i software, via con il mouse

Grazie alla tecnologia di distribuzione dei programmi basati su Java, i prodotti informatici possono essere fruiti direttamente dal web senza alcuna complessa installazione

Redditi Pf e Studi di settore:|pronti i software, via con il mouse
In rete quattro attesi pacchetti informatici che consentono, rispettivamente, di compilare e poi verificare il modello Redditi Pf 2017, di calcolare la congruità, per i 193 studi di settore applicabili per il periodo d’imposta 2016 ed evidenziare le eventuali anomalie o incongruenze riscontrate, attraverso appositi messaggi di errore.
 
Cominciamo per ordine, partendo dai software di compilazione: “RedditiOnLine Pf 2017” e “Gerico 2017”.
Il primo permette la compilazione dell’omonima dichiarazione dei redditi e, inoltre, crea anche il relativo file da trasmettere telematicamente e il modello di versamento F24. Per i contribuenti accreditati a Fisconline o a Entratel, che effettuano il download direttamente dall’applicazione web dedicata alla precompilata, esiste la possibilità di scaricare anche i dati della dichiarazione già inseriti dall’Agenzia delle Entrate. In particolare, per la preparazione del modello, gli utenti registrati a Fisconline devono utilizzare l’applicazione “Desktop telematico” prelevabile nella sezione “Software” del sito.
Il secondo consente il calcolo della congruità, tenuto conto della normalità economica, della coerenza economica e dell’effetto dei correttivi “crisi”, per i 193 studi di settore applicabili per il periodo d’imposta 2016. L’Applicativo, infatti, è aggiornato con i correttivi crisi approvati dalla Commissione degli Esperti per gli studi di settore.
 
Per quanto riguarda invece i due software di controllo consentono di evidenziare, mediante appositi messaggi di errore, anomalie o incongruenze riscontrate tra i dati contenuti nel modello di dichiarazione e nei relativi allegati e le indicazioni fornite dalle specifiche tecniche e dalla circolare dei controlli.
In particolare, la “procedura di controllo studi di settore/parametri” è necessaria per verificare le dichiarazioni Redditi 2017 contenenti gli allegati relativi agli studi di settore e ai parametri. Per le dichiarazioni che ne sono prive basta installare la sola “procedura di controllo dichiarazioni”.

pubblicato Giovedì 11 Maggio 2017

Condividi su:
Redditi Pf e Studi di settore:pronti i software, via con il mouse

Ultimi articoli

Normativa e prassi 18 Ottobre 2021

Investimenti 4.0, in “trasferta” o in comodato, ma il bonus c’è

La ditta che investe in beni strumentali nuovi per sterilizzare le attrezzature del dentista usufruisce del tax credit introdotto dalla legge di bilancio 2020 anche se utilizza gli strumenti presso hub da lei istituiti in luoghi diversi dalla propria sede.

Normativa e prassi 18 Ottobre 2021

“Disallineamenti da Ibridi”: Aperta la consultazione pubblica

Disponibile in consultazione sul sito dell’Agenzia fino al 19 novembre 2021 lo schema di circolare che fornisce i chiarimenti sulla disciplina dei “Disallineamenti da Ibridi” contenuta nel decreto legislativo di recepimento della direttiva antielusione Atad (articoli da 6 a 11 del Dlgs n.

Normativa e prassi 18 Ottobre 2021

Firma digitale con marca temporale: la data dell’attestazione è certa

Con la risposta n. 725 del 18 ottobre 2021, è stato chiarito che lo strumento della firma digitale corredata da marca temporale, se rispondente ai requisiti previsti dalle norme e dalle regole tecniche vigenti, è idoneo a garantire la certezza della data di emissione, da parte dell’ente di certificazione accreditato, dell’attestato di conformità.

Analisi e commenti 18 Ottobre 2021

Prima casa under 36 – 1 Focus sul requisito Isee

La circolare n. 12/2021, firmata dal direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini, ha fornito, tra gli altri, chiarimenti in merito all’Isee quale requisito soggettivo, di carattere strettamente economico, previsto dall’articolo 64, comma 6 del Dl n.

torna all'inizio del contenuto