Attualità

28 Aprile 2017

Fostering tax trasparency in Albania:siglata l’intesa per la partenza

Attualità

Fostering tax trasparency in Albania:
siglata l’intesa per la partenza

La convenzione si inserisce nel quadro degli impegni assunti dall’Italia in favore dei Paesi in via di sviluppo, nell’ambito del Forum globale sulla trasparenza e lo scambio di informazioni

Fostering tax trasparency in Albania:|siglata l’intesa per la partenza

Il budget è stanziato, il piano per lo sviluppo della trasparenza fiscale in Albania può partire. È di oggi, 27 aprile 2017, la sottoscrizione della convenzione tra Agenzia italiana per la Cooperazione allo sviluppo e Agenzia delle Entrate che regola la gestione dei flussi finanziari, dando il via al progetto di cooperazione internazionale.
 
I presupposti
Il primo passo verso la realizzazione del programma di collaborazione fra i due Paesi lo ha fatto, nel 2015, il ministero delle Finanze albanese che ha chiesto assistenza tecnica sulle modalità di scambio di informazioni finanziarie. In particolare, assistenza riguardo gli aspetti giuridici, fiscali, informatici e per la protezione dei dati personali. L’Agenzia delle Entrate ha raccolto la richiesta e, insieme ai colleghi dell’altra sponda dell’Adriatico, ha messo a punto il progetto “Fostering tax trasparency in AlbaniaItalian Development Cooperation’s support to the Automatic Exchange of Information Pilot Program for Albania under the auspices of the Global Forum for Tax Transparency and Exchange of Information”; quantificato le spese per renderlo concreto e inviato, così come prevede la legge 125/2014, la corrispondente proposta di finanziamento all’Agenzia italiana per la Cooperazione allo sviluppo (Aics). Quest’ultima ha approvato.
 
La gestione finanziaria e non
Come accennato, l’intesa odierna, siglata dalle responsabili delle due Agenzie, Rossella Orlandi per le Entrate, e Laura Frigenti per la Cooperazione allo sviluppo, detta i termini di management delle somme stanziate per l’esecuzione del piano, che avrà durata triennale, affidandone la responsabilità all’Agenzia delle Entrate. Le spese dovranno, naturalmente, essere pertinenti, imputabili alle attività svolte, documentate, contabilizzate e rendicontate. Tutto, in sostanza, dovrà avvenire in assoluta trasparenza.
Tra l’altro, l’Amministrazione finanziaria sarà tenuta ad assicurare la realizzazione del progetto e a verificare puntualmente che siano assolti tutti gli adempimenti connessi alle attività del personale operante in Albania, con particolare riferimento alle prescrizioni assicurative, previdenziali.
Dal canto suo, l’Aics faciliterà ogni operazione e contatto tra Italia e Albania e assumerà, in un certo senso, il ruolo di supervisore, inviando proprio personale per controllare l’andamento delle attività.
 
La convenzione si inserisce nel quadro degli impegni assunti dall’Italia in favore dei Paesi in via di sviluppo, nell’ambito del Forum globale sulla trasparenza e lo scambio di informazioni promosso dall’Ocse nel 2014, in sintonia con le linee d’azione delle Nazioni unite per lo sviluppo mondiale sostenibile.

r.fo.

pubblicato Venerdì 28 Aprile 2017

Condividi su:
Fostering tax trasparency in Albania:siglata l’intesa per la partenza

Ultimi articoli

Normativa e prassi 24 Settembre 2022

In Gazzetta il “decreto Aiuti ter”, altre misure contro il caro energia

Articolo Contenuto 1 Bonus energetici alle impreseProrogati temporalmente e potenziati quantitativamente i contributi straordinari alle imprese per l’acquisto di energia e gas, riconosciuti sotto forma di credito d’imposta: per quelle “energivore”, il bonus è pari al 40% delle spese sostenute per la componente energetica acquistata e utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il periodo luglio-settembre è stato al 25%); per le “gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%); per le imprese “non energivore” dotate di contatori con potenza pari almeno a 4,5 kW (in questo caso, è anche ampliata la platea dei beneficiari, in quanto, precedentemente, il limite era fissato a 16,5 kW), il bonus è pari al 30% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente energetica utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il trimestre luglio-settembre è stato al 15%); per le imprese “non gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%).

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Spazio a nuovi codici tributo nel modello di pagamento F24

Con le risoluzioni n. 50, 51 e 52 del 23 settembre 2022 pronto un pacchetto di nuovi codici tributi.

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Fine della coppia di fatto, imposta di registro ordinaria

La cessione della propria quota dell’immobile acquistato in comunione con l’agevolazione “prima casa”, effettuata da un membro di una coppia di fatto in favore dell’altro, e non seguita dal riacquisto entro l’anno, comporta la decadenza dall’agevolazione fruita.

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Attività formativa all’estero, l’Iva dipende dall’ “allievo”

Con la risposta n. 469 del 23 settembre 2022, l’Agenzia ribadisce che le prestazioni didattiche e quelle accessorie, effettuate da una società in uno Stato estero in veste di ente ospitante, non sono territorialmente rilevanti in Italia quando rese a favore di un committente privato.

torna all'inizio del contenuto