Normativa e prassi

29 Marzo 2017

Dentro 10 causali per il fu Inpdap, fuori 2 codici tributo “marittimi”

Normativa e prassi

Dentro 10 causali per il fu Inpdap,
fuori 2 codici tributo “marittimi”

Le prime permettono la riscossione delle somme di spettanza dell’Inps gestione ex Inpdap, i secondi, invece, erano utilizzati per il versamento delle entrate da demanio

Dentro 10 causali per il fu Inpdap, |fuori 2 codici tributo “marittimi”
Con la risoluzione 40/E del 29 marzo 2017 sono state istituite dieci nuove causali per la riscossione, tramite i modelli F24 e F24 Enti pubblici, dei contributi di spettanza dell’Inps – gestione ex Inpdap (Istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell’Amministrazione pubblica).

La prima causale, “P910”, va utilizzata per la contribuzione alla Cassa unica del credito – Pensionati aderenti di cui al Dm 45/2007 (“Regolamento di attuazione dell’articolo unico, comma 347 della legge 266/2005, in materia di accesso alle prestazioni creditizie agevolate erogate dall’Inpdap”).
Le ulteriori nove causali servono per la riscossione della contribuzione accertata a seguito di “note di rettifica” sulle denunce inviate, di competenza dell’Inps gestione ex Inpdap: “P169” (Cassa Ctps), “P269” (Cassa Cpdel), “P369” (Cassa Cpi), “P469” (Cassa Cpug), “P569” (Cassa Cps), “P669” (Cassa Inadel), “P769” (Cassa Enpas), “P869” (Cassa Enpdep), “P969” (Cassa unica del credito).

Nella compilazione della delega di pagamento modello F24, le causali vanno riportate nella sezione “Altri enti previdenziali e assicurativi”, in corrispondenza della colonna “importi a debito versati”, indicando: nel campo “codice ente”, il codice 0003; nel campo “codice sede”, la sigla della provincia della sede provinciale/territoriale Inps gestione ex Inpdap; nel campo “periodo di riferimento da mm/aaaa a mm/aaaa”, il mese e l’anno di inizio e fine competenza del contributo.
Invece, nel modello F24 Ep, le causali contributo devono essere indicate in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a debito versati”, evidenziando: nel campo “sezione”, la lettera “Q”; nel campo “codice”, la sigla della provincia della sede provinciale/territoriale Inps gestione ex Inpdap; nel campo “estremi identificativi” (formato da 17 caratteri), i dati in base alle istruzioni fornite dall’Istituto; nel campo “riferimento A”, il mese e l’anno di inizio competenza del contributo; nel campo “riferimento B”, il mese e l’anno di fine competenza del contributo.
 


Con la risoluzione 41/E del 29 marzo 2017, invece, sono stati soppressi due codici tributo non più utilizzabili.
Infatti, il provvedimento 14 settembre 2016 dell’Agenzia delle Entrate – in attuazione del decreto interministeriale 19 novembre 2015, che ha sancito l’estensione delle modalità di versamento previste dall’articolo 17 del Dlgs 241/1997 anche alle entrate da demanio marittimo – ha stabilito che, a partire dal 1° gennaio 2017, le entrate del demanio marittimo siano versate esclusivamente con il modello F24 Versamenti con elementi identificativi (“F24 Elide”). A tale scopo, la successiva risoluzione 11/2017 ha istituito gli specifici codici tributo “MA11”, “MA12” e “MA13”, da indicare nell’F24 Elide.
Il cerchio si chiude con la risoluzione odierna, che provvede a mandare in pensione i codici tributo 842T (canoni) e 137T (indennizzi), il primo utilizzato esclusivamente con l’F23, il secondo anche con il modello F24.

r.fo.

pubblicato Mercoledì 29 Marzo 2017

Condividi su:
Dentro 10 causali per il fu Inpdap, fuori 2 codici tributo “marittimi”

Ultimi articoli

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

L’assembla condominiale approva: Superbonus a chi si accolla le spese

Se l’assemblea approva, le spese per gli interventi effettuati sulle parti comuni del “condominio misto”, che ospita alloggi di privati e di una Pa, potranno essere sostenute dai condomini interessati che in sede assembleare, esprimendo parere favorevole, manifestano l’intenzione di accollarsi l’intero importo e che beneficeranno della detrazione al 110 per cento.

Attualità 22 Settembre 2021

Spese sanitarie 1° semestre 2021, comunicazioni entro il 30 settembre

Non sono ancora scaduti i termini per la presentazione dei redditi relativa al 2020 che già si riaccendono i motori per predisporre la precompilata 2022.

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

Aliquota Imu all’11,4%, anche senza delibera 2021

Se la maggiorazione dell’aliquota Imu dello 0,08% è stata espressamente confermata dalle delibere consiliari ininterrottamente dal 2015 al 2019, in qualità di maggiorazione Tasi, e per il 2021 il Comune non ha adottato alcuna deliberazione in materia, vengono convalidate automaticamente tutte le aliquote approvate per il 2020, compresa anche quella maggiorata dell’1,14%, risultante dall’applicazione della maggiorazione dello 0,08 per cento.

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

Flusso telematico delle delibere, dal Df chiarimenti sul timing

Con la risoluzione n.7/DF del 21 settembre 2021, il dipartimento delle Finanze fornisce chiarimenti in tema di decorrenza dell’obbligo di utilizzare il formato elettronico individuato dal decreto interministeriale del 20 luglio 2021, ai fini della trasmissione telematica al ministero dell’Economia e delle Finanze delle delibere regolamentari e tariffarie relative alle entrate tributarie dei comuni, delle province e delle città metropolitane (vedi articolo “Invio telematico delle delibere, in un decreto le specifiche tecniche”).

torna all'inizio del contenuto