Giurisprudenza

16 Marzo 2017

La disciplina dell’abuso del diritto si applica anche ai diritti doganali

Giurisprudenza

La disciplina dell’abuso del diritto
si applica anche ai diritti doganali

Nel caso erano coinvolti alcuni amministratori di società, indagati in quanto, nella loro attività di importazione da paesi extra-Ue, non avevano versato né l’Iva né i dazi

La disciplina dell’abuso del diritto |si applica anche ai diritti doganali

Con la sentenza 35575/2016, la Corte di Cassazione è stata chiamata a pronunciarsi in merito all’applicabilità della disciplina dell’abuso del diritto nella materia doganale, nell’ambito di una controversia volta ad acclarare la legittimità del recupero a tassazione dei diritti di confine (dazi doganali e Iva all’importazione) dovuti in relazione a talune operazioni d’importazione nell’Unione europea di banane originarie di Stati Acp (Africa, Caraibi e Pacifico) e di altri Stati terzi che hanno beneficiato del dazio agevolato.
 
Nel caso di specie, le operazioni di importazione erano state effettuate da società aventi la qualifica di operatore “nuovo arrivato”, ai sensi dell’articolo 7 del Regolamento (Ce) n. 2362/98 (recante modalità d’applicazione del Reg. n. 404/93, relativo all’organizzazione comune dei mercati nel settore della banana) e in possesso dei titoli d’importazione “Agrim” necessari nell’ambito dei contingenti tariffari previsti dal citato regolamento del 1993 per beneficiare di un dazio agevolato consistente, a seconda dei casi, in un dazio zero o in un dazio ad aliquota ridotta.
 
Ad avviso dell’Amministrazione doganale, tali pratiche sarebbero state organizzate dagli imputati in esecuzione di un medesimo disegno criminoso volto a eludere il divieto, sancito dall’articolo 21, paragrafo 2, secondo comma, del regolamento n. 2362/98, di trasferimento dei diritti derivanti dai titoli d’importazione da un operatore nuovo arrivato a favore di un operatore tradizionale, allo scopo di far indebitamente beneficiare quest’ultimo del dazio agevolato per l’importazione delle banane attraverso titoli d’importazione “Agrim” ottenuti dagli operatori nuovi arrivati.
 
È utile aggiungere che sulla questione pregiudiziale relativa all’interpretazione della disciplina che costituisce il presupposto per l’applicazione della sanzione penale prevista dall’ordinamento interno, e cioè del più volte richiamato regolamento n. 2362/98, la Corte di giustizia dell’Unione europea si è pronunciata con la sentenza 9 luglio 2014, n. C-607/13.
 
Mediante ricorsi proposti, con unico atto, dalle parti civili – il ministero dell’Economia e delle finanze, l’Agenzia delle dogane e la Commissione europea, costituiti in giudizio allo scopo di richiedere il risarcimento dei danni subiti – era stato chiesto alla Cassazione di stabilire se, nel caso di specie, i diritti di confine per le banane importate nella Comunità fossero realmente dovuti nella misura intera, riferibile agli operatori tradizionali, secondo quanto indicato nell’imputazione, o in base al più favorevole regime applicabile agli operatori nuovi arrivati, come sostenuto dalle difese degli imputati.
 
Per quanto riguarda la disciplina in materia di abuso del diritto, la suprema Corte ha rilevato preliminarmente che la norma di riferimento è costituita dall’articolo 10-bis della legge 27 luglio 2000, n. 212 (“Statuto dei diritti del contribuente”), introdotto dall’articolo 1, comma 4, del Dlgs n. 128/2015, in base al quale le operazioni abusive non danno luogo a fatti punibili in forza delle leggi penali tributarie, ferma restando l’applicazione delle sanzioni amministrative tributarie.
Come già evidenziato dalla medesima Cassazione (1° ottobre 2015, n. 40272 e, più recentemente, 5 ottobre 2016, n. 41755), il nuovo testo legislativo si prefigge lo scopo, da un lato, di delineare quali condotte possono integrare l’“abuso del diritto”, sostanzialmente unificando i concetti di “abuso” e di “elusione”, e, dall’altro, di abrogare la disposizione dell’articolo 37-bis del Dpr n. 600/1973.
 
Proprio in quanto contenuto, come detto, nello Statuto dei diritti del contribuente, l’articolo 10-bis trova applicazione tendenzialmente per tutti i tributi, con alcune limitazioni in relazione ai diritti doganali: l’articolo 1, comma 4, del Dlgs n. 128/2015, prevede, invero, che “i commi da 5 a 11 dell’art.10-bis della legge n.212 del 2000 non si applicano agli accertamenti e ai controlli aventi ad oggetto i diritti doganali … che restano disciplinati dalle disposizioni degli articoli 8 e 11 del decreto legislativo 8 novembre 1990, n.374, e successive modificazioni, nonché dalla normativa doganale dell’Unione Europea”.
 
Come osservano i supremi giudici penali, tuttavia, l’esclusione fissata dal legislatore deve considerarsi limitata ai soli profili procedimentali, sia perché ha per oggetto i commi da 5 a 11 – che riguardano l’interpello del contribuente, le modalità di accertamento, le richieste di chiarimenti, la riscossione, il rimborso – sia perché si riferisce letteralmente, non ai diritti doganali in quanto tali, ma “agli accertamenti e ai controlli” aventi a oggetto tali diritti. Conseguentemente, conclude la Cassazione, le disposizioni sostanziali della disciplina in tema di abuso del diritto si applicano anche ai diritti doganali, tra i quali rientrano anche i diritti di confine oggetto della controversia in esame.
 
Sotto il profilo penale, la Cassazione ha richiamato l’affermazione formulata nell’ambito della sentenza 30 novembre 2006, n. 4950/2007, secondo cui l’aver usufruito illegalmente di dazi in misura ridotta a seguito della cessione vietata dei titoli da parte di un operatore nuovo a favore di un operatore tradizionale comporta la realizzazione di una condotta integratrice del reato di contrabbando.
Con specifico riferimento alla disposizione incriminatrice – l’articolo 292 del Tuld (Testo unico delle disposizioni legislative in materia doganale, emanato con Dpr n. 43/1973), secondo cui “Chiunque, fuori dei casi preveduti negli articoli precedenti, sottrae merci al pagamento dei diritti di confine dovuti, è punito con la multa non minore di due e non maggiore di dieci volte i diritti medesimi” – la suprema Corte ha, infine, precisato che la depenalizzazione recentemente introdotta dal Dlgs n. 8/2016 non trova applicazione qualora ricorra una delle circostanze aggravanti di cui al secondo o al terzo comma del successivo articolo 295.
 
 
a cura di Giurisprudenza delle imposte edita da ASSONIME
 

pubblicato Martedì 21 Marzo 2017

Condividi su:
La disciplina dell’abuso del diritto si applica anche ai diritti doganali

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Investimenti in beni strumentali, tutti i chiarimenti delle Entrate

Per gli investimenti che danno accesso al credito d’imposta effettuati dal 16 novembre 2020 (data di decorrenza della nuova disciplina introdotta dalla legge di bilancio 2021) al 31 dicembre 2020 (termine finale delle disposizioni previste dalla legge di bilancio 2020), o al 30 giugno 2021 nel caso degli investimenti “prenotati”, cioè con ordine accettato dal venditore e avvenuto pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione entro la data del 31 dicembre 2020, gli effetti del nuovo regime sono anticipati, senza attendere il 31 dicembre 2020, termine naturale delle precedenti misure.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Importazioni e cessioni senza Iva per contrastare il Covid-19

Le modifiche al regime agevolativo per l’importazione in esenzione da Iva e dazi degli strumenti necessari a prevenire e ostacolare la pandemia non hanno mutato la ratio e le finalità della misura.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Dispositivo cardiaco con monitor, Kit unico con aliquota Iva al 4%

Con la risposta n. 504 del 23 luglio 2021 l’Agenzia delle entrate fornisce dei chiarimenti a una società che commercializza dispositivi medici contro i disturbi cardiovascolari, in merito all’aliquota Iva applicabile alle cessioni dei dispositivi per il monitoraggio da remoto acquistati in un Paese Ue e rivenduti sul territorio nazionale.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Senza Iva le cessioni di gasolio da un deposito fiscale a un altro

Con la risposta n. 506 del 23 luglio 2021 l’Agenzia chiarisce che il trasferimento da un deposito fiscale a un altro deposito fiscale, in regime di accisa sospesa, di carburanti identificati con determinati codici di nomenclatura doganali (27101245, 27101249, 27101943, 27102011) regolarmente utilizzabili per motori autotrazione rientra sempre nell’ambito applicativo della disciplina di cui all’articolo 1, commi 937-939 della legge di bilancio 2018 (la n.

torna all'inizio del contenuto