Normativa e prassi

14 Marzo 2017

Erogazioni liberali pro Soka Gakkai:le “carte” che avallano la deduzione

Normativa e prassi

Erogazioni liberali pro Soka Gakkai:
le “carte” che avallano la deduzione

Ufficiale l’elenco dei documenti da tenere nel cassetto per dimostrare di aver effettivamente destinato le somme elargite per la realizzazione delle attività dell’Istituto religioso

fiore di loto
Attestazione di versamento sul conto corrente postale, ricevuta della banca comprovante l’avvenuto accredito dell’importo (tramite bonifico o altro mezzo di pagamento) o ancora, in caso di versamento con assegno, dettagliata (eseguita su appositi stampati numerati progressivamente, dove indicare cognome, nome e comune di residenza del donante, somma donata e causale dell’erogazione) quietanza liberatoria del ricevente.
Questi i documenti da conservare per poter dedurre le erogazioni liberali effettuate nei confronti dell’Istituto buddista italiano Soka Gakkai.
Lo stabilisce il decreto ministeriale del 23 febbraio 2017, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 60 di ieri, 13 marzo.
 
Si tratta di uno degli step attuativi della legge 130/2016 che ha disciplinato i rapporti tra lo Stato italiano e l’Istituto in argomento.
In particolare, le disposizioni normative si riferiscono al comma 2 dell’articolo 17, quello che prevede, dal 2016, la possibilità per le persone fisiche di scalare dal proprio reddito complessivo ai fini Irpef – fino a un importo massimo di 1.032,91 euro – le erogazioni liberali effettuate nei confronti della confessione religiosa.

r.fo.

pubblicato Martedì 14 Marzo 2017

Condividi su:
Erogazioni liberali pro Soka Gakkai:le “carte” che avallano la deduzione

Ultimi articoli

Normativa e prassi 17 Maggio 2022

Tax credit, l’Agenzia chiarisce le novità della legge di bilancio 2022

Con la circolare n. 14 del 17 maggio 2022 l’Agenzia delle entrate fornisce chiarimenti modifiche introdotte dalla legge di bilancio 2022 (legge n.

Normativa e prassi 17 Maggio 2022

Aliquota Ires dimezzata, i presupposti per beneficiarne

L’agevolazione che riduce del 50% l’aliquota Ires per determinati soggetti che svolgono attività di rilevante utilità sociale è stata di recente modificata.

Normativa e prassi 17 Maggio 2022

videoconferenza con relatori stranieri, no alla ritenuta se collegati dall’estero

Una società che organizza convegni in ambito sanitario, sia in Italia che all’estero, non dovrà applicare la ritenuta d’acconto nella misura del 30% ai compensi erogati ai relatori non residenti che, a causa del Covid-19, partecipano ai congressi in videoconferenza restando fisicamente nel loro Paese.

Normativa e prassi 17 Maggio 2022

Agevolazione sui premi di risultato, disco rosso ai regolamenti aziendali

Gli incentivi economici riconosciuti ai dipendenti, sulla base di una policy globale di gruppo mediante un regolamento aziendale, non rientrano nel perimetro dell’agevolazione fiscale prevista per i premi di risultato (articolo 1, commi da 182 a 189, legge di stabilità 2016), consistente nell’applicazione di un’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle relative addizionali nella misura del 10%, in quanto si tratta di un atto unilaterale del datore di lavoro diverso dagli accordi collettivi che vedono il coinvolgimento delle rappresentanze dei lavoratori.

torna all'inizio del contenuto