Dati e statistiche

30 Dicembre 2016

Avanti tutta per i servizi online.Il dialogo in rete piace sempre più

Dati e statistiche

Avanti tutta per i servizi online.
Il dialogo in rete piace sempre più

Locazioni via web in oltre il 60% dei casi, precompilata che stacca del 43% il 2015, Civis vicino al milione di utenti assistiti, successo indiscusso per l’“eliminacode” telematico

Avanti tutta per i servizi online.|Il dialogo in rete piace sempre più

I contribuenti stanno prendendo sempre più confidenza con i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate. A dirlo, sono i dati consuntivati a fine anno, periodo in cui è tradizione tirare le somme per verificare l’operato degli ultimi dodici mesi e diagnosticare eventuali criticità.
Il bilancio 2016, quindi, conferma l’andamento positivo del Fisco online sia sul versante dei servizi di assistenza e contatto diretto con gli uffici sia su quello degli adempimenti risolvibili, ormai, in massima parte, dal proprio pc, smartphone o tablet.
 
Impennata delle locazioni online con il nuovo RLI Web
Uno dei dati maggiormente significativi arriva, di sicuro, dal numero delle registrazioni telematiche dei contratti di locazione effettuate nel 2016 tramite il nuovo software RLI Web: oltre il 60% del totale delle stipule ha viaggiato in rete, contro il 33% del 2013.
 
Record anche per la precompilata
Sta mettendo radici sempre più solide anche la dichiarazione dei redditi precompilata. Quest’anno, sono stati circa 2 milioni coloro che si sono affidati al modello predisposto dall’Agenzia, il 43% in più rispetto al 2015, quando la precompilata era stata scelta da 1,4 milioni di contribuenti.
 
Civis non rimane indietro
Grandi numeri anche per Civis, il canale telematico di assistenza riservato agli utenti di Fisconline ed Entratel che consente, tra l’altro, di inviare in formato elettronico eventuali documenti mancanti o richiesti.
In particolare, i servizi offerti sono: assistenza su comunicazioni di irregolarità, avvisi telematici e cartelle di pagamento; correzione di gran parte degli errori commessi nella compilazione dell’F24; assistenza per rilievi riscontrati a seguito del controllo formale della dichiarazione; assistenza per le comunicazioni della direzione centrale Accertamento.
Circa un milione di utenti si è avvalso, nel 2016, di questo canale preferenziale, chiedendo assistenza e ricevendo adeguata risposta dai funzionari dell’Agenzia. Considerando le sole rettifiche ai modelli F24, la percentuale di ricorso a Civis ha superato il 90% del totale delle richieste di modifica.
 
Attese interminabili addio, con la prenotazione online
E se – per necessità o scelta – ci si reca in un ufficio territoriale, l’Agenzia ha anche ulteriormente ottimizzato il servizio di prenotazione telematica degli appuntamenti (Cup), affinché possa avvalersene un numero sempre maggiore di cittadini.
Il meccanismo consente di distribuire i ricevimenti, così da evitare inutili attese. Nel 90% dei casi, chi ha sfruttato l’opportunità (nella stragrande maggioranza dei casi, via internet) ha aspettato non più di dieci minuti prima di entrare a colloquio con il funzionario.
Il servizio, attivo 24 ore su 24, permette di scegliere l’ufficio presso il quale recarsi, il giorno e l’ora desiderati e il motivo per il quale si richiede assistenza.
Ricordiamo che l’appuntamento può essere preso anche telefonando all’848800444 oppure tramite il proprio cassetto fiscale ma, in quest’ultima circostanza, esclusivamente per l’ufficio di competenza e in merito ai dati contenuti nel cassetto stesso.
 
Web ticket a percorso semplificato
In alternativa all’appuntamento online, l’Agenzia mette a disposizione del contribuente un altro strumento “eliminacode”, il numero di prenotazione, per lo stesso giorno, “staccato” via web, da casa, in autobus o da qualsiasi altro luogo, tramite i propri dispositivi informatici. Mappe interattive guidano il contribuente nella scelta dell’ufficio territoriale dove chiedere i chiarimenti, nei limiti dei servizi disponibili. Ricevuto il numero di prenotazione, il destinatario può esibire il ticket allo sportello tramite il display o può stamparlo.
La funzione, già disponibile sul sito dell’Agenzia, è diventata ancora più vantaggiosa grazie alla pratica app fornita dalle Entrate. L’applicazione consente, infatti, di vedere il display di sala e, quindi, di monitorare l’approssimarsi del proprio turno sia in caso di web ticket che di biglietto cartaceo preso dal totem.
 
Con l’appuntamento, assistenza qualificata e personalizzata
Nell’ultimo triennio, più di tre milioni di contribuenti hanno scelto l’appuntamento online, canale che permette, tra l’altro, di indirizzare meglio verso servizi e funzionari specializzati.
Le richieste di assistenza hanno riguardato, in maniera considerevole, la registrazione di atti privati, come le locazioni e i comodati: più di 360mila soltanto nel 2016. A seguire, troviamo dubbi su cartelle di pagamento e comunicazioni di irregolarità (315mila), al terzo posto chiarimenti relativi a successioni e donazioni (139mila richieste).
 
Sono i numeri a confermare il successo delle prenotazioni via web: da giugno a dicembre 2016, su un totale di 1.005.847 appuntamenti, ne sono stati prenotati tramite internet ben 996.249 (più di 3mila al giorno), mentre quelli fissati via telefono sono arrivati a 9.598 (29 al giorno). Ciò vuol dire che, per prenotare un colloquio personalizzato, il canale telematico è utilizzato 100 volte in più rispetto al telefono.
 
Interessante rilevare che, in circa la metà dei casi, la richiesta di colloquio proviene da parte del professionista nell’interesse del proprio cliente. Il filo diretto e collaborativo tra professionisti ed Entrate, consolidato da fruttuosi tavoli comuni, spiana la strada anche a un rapporto semplificato e trasparente tra Fisco e contribuente.
 
E se ancora non bastasse, parlano chiaro anche i numeri degli accessi al sito dell’Agenzia con collegamento alla sezione riservata alle prenotazioni tramite internet: nel periodo gennaio 2014-novembre 2016, in 4 milioni hanno aperto la pagina dedicata al servizio e in più di 3 milioni hanno poi scelto l’appuntamento online.

r.fo.

pubblicato Venerdì 30 Dicembre 2016

Condividi su:
Avanti tutta per i servizi online.Il dialogo in rete piace sempre più

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Investimenti in beni strumentali, tutti i chiarimenti delle Entrate

Per gli investimenti che danno accesso al credito d’imposta effettuati dal 16 novembre 2020 (data di decorrenza della nuova disciplina introdotta dalla legge di bilancio 2021) al 31 dicembre 2020 (termine finale delle disposizioni previste dalla legge di bilancio 2020), o al 30 giugno 2021 nel caso degli investimenti “prenotati”, cioè con ordine accettato dal venditore e avvenuto pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione entro la data del 31 dicembre 2020, gli effetti del nuovo regime sono anticipati, senza attendere il 31 dicembre 2020, termine naturale delle precedenti misure.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Importazioni e cessioni senza Iva per contrastare il Covid-19

Le modifiche al regime agevolativo per l’importazione in esenzione da Iva e dazi degli strumenti necessari a prevenire e ostacolare la pandemia non hanno mutato la ratio e le finalità della misura.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Dispositivo cardiaco con monitor, Kit unico con aliquota Iva al 4%

Con la risposta n. 504 del 23 luglio 2021 l’Agenzia delle entrate fornisce dei chiarimenti a una società che commercializza dispositivi medici contro i disturbi cardiovascolari, in merito all’aliquota Iva applicabile alle cessioni dei dispositivi per il monitoraggio da remoto acquistati in un Paese Ue e rivenduti sul territorio nazionale.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Senza Iva le cessioni di gasolio da un deposito fiscale a un altro

Con la risposta n. 506 del 23 luglio 2021 l’Agenzia chiarisce che il trasferimento da un deposito fiscale a un altro deposito fiscale, in regime di accisa sospesa, di carburanti identificati con determinati codici di nomenclatura doganali (27101245, 27101249, 27101943, 27102011) regolarmente utilizzabili per motori autotrazione rientra sempre nell’ambito applicativo della disciplina di cui all’articolo 1, commi 937-939 della legge di bilancio 2018 (la n.

torna all'inizio del contenuto