Normativa e prassi

16 Agosto 2022

Soggetta a Iva l’attività in Italia anche con iscrizione all’Aire

La costituzione nel territorio italiano del domicilio fiscale, pur in presenza della residenza in un Paese terzo, come il Regno Unito, non impedisce di considerare la cittadina italiana, chiaramente intenzionata ad avviare la sua unica attività professionale, quale soggetto passivo Iva alla stregua di un qualsiasi altro residente. Lo ribadisce l’Agenzia delle entrate con la risposta n. 429 del 16 agosto 2022 resa a una cittadina italiana iscritta all’Aire (Anagrafe degli italiani residenti all’estero), intenzionata a svolgere un’attività libero-professionale in Italia, in relazione alla quale chiede se, all’apertura della partita Iva, può indicare come domicilio fiscale la sede di svolgimento della stessa nel Paese. Per l’Agenzia, inoltre, considerato che l’istante non esercita alcuna altra attività professionale o imprenditoriale, per dotarsi di una partita Iva ordinaria, dovrà indicare, nel modello AA9/12, il domicilio fiscale ossia il luogo dove sarà svolta l’attività lavorativa.

Nel dettaglio ricorda che, in linea generale, secondo l’articolo 7, lettera d), del decreto Iva (Dpr n. 633/1972), chi presta attività professionale si considera soggetto passivo Iva in Italia se:
1) è domiciliato in Italia, anche se residente all’estero
2) è residente in Italia e non è domiciliato all’estero
3) è domiciliato o residente all’estero ma possiede una stabile organizzazione in Italia, con la conseguenza, che, in presenza di uno di questi elementi, le prestazioni rese si considerano, in linea generale, effettuate in Italia.

Per completezza, poi, ai fini della definizione dei concetti di residenza e domicilio, l’Agenzia richiama la circolare n. 304/1997, con cui il ministero delle Finanze ha chiarito tra l’altro che:
– è irrilevante l’iscrizione nell’anagrafe della popolazione residente ai fini dell’individuazione del soggetto passivo d’imposta in Italia
– la residenza è intesa quale res facti, poiché non può prescindere dall’insistere sul luogo, con relativa stabilità, del soggetto e l’elemento intenzionale assume rilevanza secondaria
– il domicilio è, invece, definito res iuris in quanto situazione giuridica caratterizzata dalla volontà di stabilire e conservare in un determinato luogo la sede principale dei propri affari ed interessi.
 
Nel caso posto alla sua attenzione, non v’è dubbio che l’intenzione dell’istante sia quella di costituire nel territorio italiano il centro dei propri interessi, e qui svolgere l’attività lavorativa. Pertanto, la circostanza che nel territorio italiano venga costituito il domicilio fiscale, pur in presenza della residenza in un paese terzo (Regno Unito), non è di ostacolo a considerare l’istante quale soggetto passivo di imposta alla stregua di un soggetto residente.

Infine osserva, che i redditi riconducibili all’attività svolta in Italia andranno ivi assoggettati a imposizione.
Infatti, l’articolo 14 della vigente convenzione tra Italia e Regno Unito, nell’assoggettare a imposizione i redditi provenienti “dall’esercizio di una libera professione o di altre attività di lavoro indipendente” esclusivamente nello Stato di residenza del contribuente, fa salvi i redditi che il beneficiario ottiene grazie a una “base fissa” posta nell’altro Stato contraente, ipotesi che rende applicabile un regime di tassazione concorrente in entrambi i Paesi e la successiva applicazione del credito d’imposta nel Paese di residenza per le imposte pagate all’estero.
 

Condividi su:
Soggetta a Iva l’attività in Italia anche con iscrizione all’Aire

Ultimi articoli

Normativa e prassi 24 Settembre 2022

In Gazzetta il “decreto Aiuti ter”, altre misure contro il caro energia

Articolo Contenuto 1 Bonus energetici alle impreseProrogati temporalmente e potenziati quantitativamente i contributi straordinari alle imprese per l’acquisto di energia e gas, riconosciuti sotto forma di credito d’imposta: per quelle “energivore”, il bonus è pari al 40% delle spese sostenute per la componente energetica acquistata e utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il periodo luglio-settembre è stato al 25%); per le “gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%); per le imprese “non energivore” dotate di contatori con potenza pari almeno a 4,5 kW (in questo caso, è anche ampliata la platea dei beneficiari, in quanto, precedentemente, il limite era fissato a 16,5 kW), il bonus è pari al 30% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente energetica utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il trimestre luglio-settembre è stato al 15%); per le imprese “non gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%).

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Spazio a nuovi codici tributo nel modello di pagamento F24

Con le risoluzioni n. 50, 51 e 52 del 23 settembre 2022 pronto un pacchetto di nuovi codici tributi.

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Fine della coppia di fatto, imposta di registro ordinaria

La cessione della propria quota dell’immobile acquistato in comunione con l’agevolazione “prima casa”, effettuata da un membro di una coppia di fatto in favore dell’altro, e non seguita dal riacquisto entro l’anno, comporta la decadenza dall’agevolazione fruita.

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Attività formativa all’estero, l’Iva dipende dall’ “allievo”

Con la risposta n. 469 del 23 settembre 2022, l’Agenzia ribadisce che le prestazioni didattiche e quelle accessorie, effettuate da una società in uno Stato estero in veste di ente ospitante, non sono territorialmente rilevanti in Italia quando rese a favore di un committente privato.

torna all'inizio del contenuto