Attualità

24 Gennaio 2022

Assegno unico e revisione Irpef: le peculiarità delle due riforme

Il sistema tax-benefit italiano è stato interessato da due importanti riforme, la revisione dell’Irpef e l’introduzione dell’assegno unico e universale per i nuclei familiari con figli minori di 21 anni. Il dipartimento delle Finanze del Mef con la nota tecnica n. 6, pubblicata a cura della direzione Studi e Ricerche economico fiscali sul proprio sito istituzionale, approfondisce gli aspetti salienti delle due riforme e analizza gli effetti congiunti dei due interventi che hanno trasformato il sistema tax-benefit italiano, con evidenza del carattere redistributivo a favore dei nuclei familiari più vulnerabili e delle aree più svantaggiate del Paese.

E’ la prima volta, mette in luce lo studio condotto dal Df, che alcuni importanti aspetti, quali il sostegno alla famiglia e la razionalizzazione dell’imposta personale sui redditi, vengono trattati in maniera organica all’interno di un disegno di riforma che intende conferire stabilità e certezza al sistema tax-benefit nel suo complesso. Le due misure, in vigore dal 2022, si indirizzano al raggiungimento del tax-benefit all’interno del sistema di prelievo tributario e dei trasferimenti alle famiglie con effetti diversificati, a seconda del livello e della tipologia di reddito della struttura familiare.

L’analisi evidenzia che, sotto il profilo qualitativo, con le riforme si realizza l’obiettivo di migliorare sia l’equità orizzontale e verticale sia l’efficienza del sistema fiscale italiano. Dal punto di vista quantitativo, per le riforme sono state impiegate risorse per circa 13,8 miliardi di euro, con effetti significativi sul reddito disponibile delle famiglie. L’effetto redistributivo, che in base ai risultati è complessivamente positivo, viene valutato dal dipartimento delle Finanze utilizzando il modello Taxben-Df, calcolando i principali indicatori di disuguaglianza.
 
Assegno unico universale
È stato introdotto dal Dlgs n. 230/2021, in attuazione della legge delega n. 46/2021, per sostenere i carichi familiari e incentivare la genitorialità per le famiglie con figli al di sotto di 21 anni di età.
Il nuovo strumento è universale, poiché è indipendente dal reddito e dalla tipologia di lavoro svolto dai componenti ed è unico, in quanto sostituisce i precedenti molteplici strumenti di sostegno al reddito familiare, a partire dalle detrazioni Irpef per i figli a carico e dall’assegno per il nucleo familiare.

L’Auu (vedi articolo “Assegno unico e universale: online le informative di dettaglio”) va a vantaggio di tutte le famiglie di lavoratori dipendenti, compresi gli “incapienti” ai fini Irpef, e dei lavoratori autonomi; inoltre la sua progressività è assicurata dalla decrescenza dell’assegno in funzione dell’Isee, realizzando, in questo modo, un miglioramento nell’equità orizzontale e verticale.

Revisione dell’imposta sul reddito delle persone fisiche
La legge di bilancio 2022, all’articolo 1, commi 2 e 3, ha previsto una revisione dell’Irpef allo scopo di sostenere la crescita e razionalizzare il sistema fiscale (vedi articolo “Il Fisco nella legge di bilancio – 1 Conto dell’Irpef un po’ più leggero”).
L’intento del legislatore, in un’ottica di semplificazione e razionalizzazione della struttura di aliquote e scaglioni e rimodulazione delle detrazioni, è di rimuovere gli effetti distorsivi sull’offerta di lavoro associati all’andamento irregolare delle aliquote marginali effettive, ridurre la pressione fiscale per un’ampia platea di contribuenti e concentrare i benefici sui redditi medi, superando gli effetti distorsivi dovuti al salto dell’aliquota marginale legale dal 27% al 38%.

Per un’analisi approfondita dello studio si rinvia alla lettura della nota tecnica n. 6 del Df, che si articola in diversi aspetti inerenti alle caratteristiche e ai riflessi delle due riforme, agli effetti finanziari, anche alla luce delle indicazioni fissate nel Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) nella necessità di un “intervento complessivo, che parta da una analisi operata da esperti in materia fiscale e che abbia come obiettivo principale la definizione di un sistema fiscale certo ed equo” e “in questa prospettiva si inserisce la possibile revisione dell’Irpef, con il duplice obiettivo di semplificare e razionalizzare la struttura del prelievo”.

Condividi su:
Assegno unico e revisione Irpef: le peculiarità delle due riforme

Ultimi articoli

Normativa e prassi 26 Maggio 2022

Tasse automobilistiche Valle d’Aosta, soppressi i vecchi bollettini

Alla luce della piena attuazione delle misure che attribuiscono alla Regione Valle d’Aosta a partire dal 1° gennaio 2010, il compito di riscuotere direttamente le tasse automobilistiche, vanno in pensione il bollettino generico per il ciclomotore con banda verde, quello per autoveicoli, motoveicoli e rimorchi con banda rossa e quello per il riversamento tasse automobilistiche con banda grigia.

Dati e statistiche 26 Maggio 2022

Dal Mef analisi e statistiche sulle dichiarazioni fiscali 2021

Il dipartimento delle Finanze rende note con il comunicato odierno le statistiche riguardanti gli Isa, le dichiarazioni delle persone fisiche titolari di partita Iva e in base al reddito prevalente trasmesse dai contribuenti nel 2021, relative al periodo d’imposta 2020.

Normativa e prassi 26 Maggio 2022

Contributi al social manager, obblighi di comunicazione della Pa

Con la risposta n. 308 del 26 maggio 2022, l’Agenzia delle entrate chiarisce che l’obbligo di comunicazione a carico dell’ente pubblico che corrisponde ad imprese commerciali contributi assoggettabili a ritenuta d’acconto, previsto dalle disposizioni relative all’anagrafe tributaria ed al codice fiscale dei contribuenti, è in concreto assolto mediante l’inserimento dei dati nel quadro SF del modello 770, da inviare annualmente entro il 31 ottobre di ogni anno.

Normativa e prassi 26 Maggio 2022

La società titolare è consenziente, via al Superbonus per il locatario

Gli interventi edilizi agevolabili, effettuati su una unità abitativa detenuta in locazione, “funzionalmente indipendente” e con “uno o più accessi autonomi dall’esterno”, sono ammessi al Superbonus, indipendentemente dalla circostanza che l’immobile sia ubicato in un edificio escluso dall’agevolazione, perché di proprietà di una società di capitali.

torna all'inizio del contenuto