Attualità

25 Novembre 2021

Credito d’imposta pubblicità 2021: aggiornato l’elenco dei richiedenti

Sul portale del dipartimento per l’Informazione e l’Editoria della presidenza del Consiglio dei ministri è online l’elenco aggiornato di imprese, lavoratori autonomi ed enti non commerciali, che hanno effettuano investimenti in campagne pubblicitarie e regolarmente presentato la comunicazione per l’accesso al bonus fiscale (articolo 57-bis, Dl n. 50/2017) per il 2021, con l’importo del credito teoricamente fruibile e con l’indicazione della percentuale provvisoria di riparto. Aggiornato, per tener conto delle nuove richieste trasmesse dal 1° al 31 ottobre, con il beneplacito del “Sostegni-bis” (articolo 67, comma 10, che ha riaperto l’intervallo temporale fissato ordinariamente tra il 1° e il 31 marzo) e dell’Agenzia delle entrate (vedi articolo “Bonus pubblicità, comunicazioni al via dal prossimo 1° ottobre”, che ha adeguato la piattaforma telematica attraverso la quale è stato possibile inviare la domanda).

L’agevolazione, in corsa dal 2018, nella versione pre “Sostegni-bis” prevedeva un credito d’imposta sugli investimenti pubblicitari incrementali, con un incremento minimo dell’1% rispetto agli analoghi investimenti dell’anno precedente, effettuati dalle imprese, dai lavoratori autonomi e dagli enti non commerciali, sulla stampa quotidiana e periodica, anche online, sulle emittenti radio-televisive a diffusione locale. Era (e lo è ancora) concessa nel limite massimo dello stanziamento annualmente previsto e nei limiti dei regolamenti dell’Unione europea in materia di aiuti “de minimi” e, dal 2019, spettava nella misura del 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati.
Ora, dopo le modifiche apportate alla norma originaria dall’articolo 67 del decreto “Sostegni-bis”, limitatamente agli anni 2020 2021 e 2022, il bonus è concesso nella misura unica del 50% del valore degli investimenti effettuati e viene meno il requisito dell’incremento minimo dell’1% rispetto a quelli realizzati l’anno precedente.
Le nuove date per la prenotazione del tax credit 2021 derivano, in particolare, dall’estensione della deroga alle regole ordinarie prevista, in principio, soltanto per il 2020, stabilita dal comma 10 dell’articolo 67.

La comunicazione telematica per l’accesso al credito di imposta è, ribadiscono dal dipartimento, una prenotazione che deve essere confermata dal 1° al 31 gennaio 2022, attraverso la “dichiarazione sostitutiva” relativa agli investimenti effettuati, da inviare con le stesse modalità, cioè tramite i servizi telematici dell’Agenzia, utilizzando il modello predisposto dal dipartimento per l’Informazione e l’editoria con le relative istruzioni. Solo in esito alla presentazione delle “dichiarazioni sostitutive”, sarà formato l’elenco dei soggetti ammessi all’agevolazione.

Condividi su:
Credito d’imposta pubblicità 2021: aggiornato l’elenco dei richiedenti

Ultimi articoli

Normativa e prassi 29 Novembre 2021

Bonus edilizi e Superbonus, il punto su visto di conformità e asseverazione

Con la circolare del n. 16/E, firmata oggi, 29 novembre 2021, dal direttore Ruffini, l’Agenzia delle entrate, a pochi giorni dalla pubblicazione delle Faq (vedi articolo “Decreto “Antifrodi” sui bonus edilizi, le risposte ai dubbi dei contribuenti”), fornisce ulteriori chiarimenti a contribuenti e operatori sull’applicazione del decreto “Antifrodi” (il Dl n.

Normativa e prassi 29 Novembre 2021

Cpf “discoteche”, tutto pronto, dal 2 dicembre il via alle istanze

Con la firma del provvedimento del 29 novembre 2021, il direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini, porta ad attuazione l’articolo 2 del decreto “Sostegni-bis” (Dl n.

Normativa e prassi 29 Novembre 2021

Cfp perequativo del “Sostegni-bis”: istanze a partire da oggi, 29 novembre

Via libera al contributo a fondo perduto “perequativo”, l’ulteriore aiuto di Stato per gli operatori economici danneggiati dall’emergenza Covid-2019, basato sull’intero peggioramento del risultato economico delle imprese, come previsto dal decreto Sostegni-bis (Dl n.

Normativa e prassi 29 Novembre 2021

Fondo pensione transfrontaliero: adesioni italiane senza sostitutiva

Un fondo pensione transfrontaliero, non residente in Italia e senza stabile organizzazione, istituito su iniziativa della Commissione europea, che opera a livello cross-border raccogliendo adesioni su base collettiva anche in Italia, non dovrà applicare l’imposta sostitutiva del 20% sul risultato netto di gestione (articolo 17 del Dlgs n.

torna all'inizio del contenuto