Attualità

23 Novembre 2021

Al via il portale del Runts sul sito del ministero del Lavoro

Online da oggi, 23 novembre 2021, il sistema Runts – il Registro unico nazionale del Terzo Settore – che costituisce un ulteriore tassello fondamentale per la riforma di questo importante comparto. Da domani, pronta la presentazione di richieste di iscrizione da parte degli enti finora non iscritti ai preesistenti registri (vedi articolo “Registro unico del Terzo settore: individuata la data di creazione”).
Si tratta del registro telematico istituito presso il ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, come previsto dall’articolo 45 del Codice del Terzo Settore, in un’ottica di digitalizzazione e di fruibilità dei servizi, per assicurare la piena trasparenza degli enti del Terzo settore attraverso la pubblicità delle informazioni.

L’iscrizione al Runts consente di acquisire la qualifica di Ente del Terzo Settore (Ets) o, a seconda dei casi, quelle specifiche di Organizzazione di Volontariato (Odv), Associazione di Promozione sociale (Aps), Ente Filantropico, Rete Associativa.
Inoltre, l’iscrizione permette di beneficiare di agevolazioni fiscali e di accedere al 5 per mille e, nei casi previsti, di acquisire la personalità giuridica. Non possono utilizzare la denominazione di Ente del Terzo settore o quelle specifiche gli enti non iscritti al Runts.
Il Registro è gestito telematicamente su base territoriale dall’ufficio statale, gli uffici regionali e gli uffici provinciali del Runts, istituiti rispettivamente presso il ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, presso ciascuna Regione e le Province autonome di Trento e Bolzano.
Il Registro è pubblico, consultabile da tutti gli interessati e dalle Pubbliche Amministrazioni.

A partire da oggi, 23 novembre, ministero, regioni e province autonome iniziano il trasferimento dei dati degli enti già iscritti ai rispettivi registri delle Odv e delle Aps sul nuovo sistema informativo; dal 22 febbraio 2022, inizieranno le verifiche delle singole posizioni da parte degli appositi uffici del Runts che dovranno concludersi entro il mese di ottobre 2022.

A partire da domani, 24 novembre, gli enti non ancora inseriti nei precedenti registri potranno chiedere l’iscrizione in una delle sezioni del Runts accedendo tramite Spid o Cie alle apposite funzioni del “Front Office” del sito del ministero, inserendo le informazioni e allegando i documenti previsti.
Da oggi, invece, non si può più richiedere l’iscrizione ai registri delle Odv e delle Aps e all’anagrafe delle Onlus. Per gli enti già iscritti all’anagrafe delle Onlus saranno messe a punto, in accordo con l’Agenzia delle entrate, specifiche indicazioni per perfezionare l’iscrizione nel Runts.

Accedendo al portale del Runts tutti i cittadini, tra qualche mese, potranno consultare gli statuti, i bilanci, le informazioni previste dalla legge relativamente agli enti iscritti, che dovranno assicurarne periodicamente l’aggiornamento attraverso il sistema, mentre fin da subito sarà possibile consultare alcune informazioni presenti a sistema che verranno via via estese.
 

Condividi su:
Al via il portale del Runts sul sito del ministero del Lavoro

Ultimi articoli

Normativa e prassi 29 Novembre 2021

Bonus edilizi e Superbonus, il punto su visto di conformità e asseverazione

Con la circolare del n. 16/E, firmata oggi, 29 novembre 2021, dal direttore Ruffini, l’Agenzia delle entrate, a pochi giorni dalla pubblicazione delle Faq (vedi articolo “Decreto “Antifrodi” sui bonus edilizi, le risposte ai dubbi dei contribuenti”), fornisce ulteriori chiarimenti a contribuenti e operatori sull’applicazione del decreto “Antifrodi” (il Dl n.

Normativa e prassi 29 Novembre 2021

Cpf “discoteche”, tutto pronto, dal 2 dicembre il via alle istanze

Con la firma del provvedimento del 29 novembre 2021, il direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini, porta ad attuazione l’articolo 2 del decreto “Sostegni-bis” (Dl n.

Normativa e prassi 29 Novembre 2021

Cfp perequativo del “Sostegni-bis”: istanze a partire da oggi, 29 novembre

Via libera al contributo a fondo perduto “perequativo”, l’ulteriore aiuto di Stato per gli operatori economici danneggiati dall’emergenza Covid-2019, basato sull’intero peggioramento del risultato economico delle imprese, come previsto dal decreto Sostegni-bis (Dl n.

Normativa e prassi 29 Novembre 2021

Fondo pensione transfrontaliero: adesioni italiane senza sostitutiva

Un fondo pensione transfrontaliero, non residente in Italia e senza stabile organizzazione, istituito su iniziativa della Commissione europea, che opera a livello cross-border raccogliendo adesioni su base collettiva anche in Italia, non dovrà applicare l’imposta sostitutiva del 20% sul risultato netto di gestione (articolo 17 del Dlgs n.

torna all'inizio del contenuto