Attualità

8 Novembre 2021

Iva precompilata secondo step: liquidazioni del 3° trimestre on line

Disponibili, da oggi, nell’area web dedicata ai documenti precompilati Iva del portale “Fatture e corrispettivi”, all’interno della sezione “Liquidazioni periodiche Iva”, le bozze delle Comunicazioni precompilate della liquidazione periodica Iva relativa al terzo trimestre 2021. Potranno visualizzare il documento tutti gli operatoti Iva che hanno utilizzato e validato i registri Iva precompilati dei mesi di luglio agosto e settembre 2021, messi a disposizione dall’Agenzia nelle scorse settimane.

Modalità di accesso
Dopo l’autenticazione al portale “Fatture e corrispettivi” e l’accesso all’applicativo web dedicato, la comunicazione Iva è visualizzabile all’interno della sezione denominata “Liquidazioni periodiche Iva”. In questa sezione gli operatori, oltre che visualizzare la bozza della Comunicazione Iva precompilata, possono modificarla, integrarla e inviarla.
Inoltre è possibile effettuare il pagamento dell’Iva da versare con addebito diretto sul proprio conto, o in alternativa, stampare il modello F24 precompilato e procedere al pagamento con le modalità ordinarie.
II pagamento sarà ancora più semplice se la Comunicazione è inviata entro il termine di versamento dell’Iva dovuta (per il terzo trimestre entro il 16 novembre) e quindi prima del termine ordinario (per il terzo trimestre il 30 novembre): nella sezione dedicata ai pagamenti saranno infatti già preimpostati sia il codice del tributo sia l’importo da pagare, senza necessità di alcun calcolo.

Dati utilizzati 
Per la bozza della Comunicazione Iva sono state utilizzate, oltre alle informazioni contenute nei registri Iva precompilati e validati dagli operatori, i dati dei corrispettivi giornalieri trasmessi in via telematica, quelli delle comunicazioni Iva delle liquidazioni periodiche dei trimestri precedenti.

Operazioni consentite con l’applicativo
Gli operatori tramite le apposite funzionalità presenti nell’applicativo web e relative alle Comunicazioni Iva proposte, possono effettuare la modifica, l’integrazione e l’invio del documento. Inoltre è possibile scaricare la notifica dell’esito dell’invio e, in caso di scarto, trasmettere di nuovo la comunicazione dopo aver apportato le correzioni. Infine, entro la data di presentazione della dichiarazione annuale Iva è possibile inoltrare una comunicazione sostitutiva.

Si apre così la fase due dell’operazione Precompilata Iva partita lo scorso 13 settembre con la messa a disposizione delle prime bozze dei registri Iva (vedi articolo “Avvio della precompilata Iva: pronta l’area web per gli operatori). Chi convaliderà i registri per tutti i trimestri del prossimo anno, oltre a visualizzare la Comunicazione Iva precompilata per il trimestre di riferimento, dal 2023 troverà nella propria area riservata anche la dichiarazione annuale Iva già predisposta dall’Agenzia.

Condividi su:
Iva precompilata secondo step: liquidazioni del 3° trimestre on line

Ultimi articoli

Normativa e prassi 29 Novembre 2021

Bonus edilizi e Superbonus, il punto su visto di conformità e asseverazione

Con la circolare del n. 16/E, firmata oggi, 29 novembre 2021, dal direttore Ruffini, l’Agenzia delle entrate, a pochi giorni dalla pubblicazione delle Faq (vedi articolo “Decreto “Antifrodi” sui bonus edilizi, le risposte ai dubbi dei contribuenti”), fornisce ulteriori chiarimenti a contribuenti e operatori sull’applicazione del decreto “Antifrodi” (il Dl n.

Normativa e prassi 29 Novembre 2021

Cpf “discoteche”, tutto pronto, dal 2 dicembre il via alle istanze

Con la firma del provvedimento del 29 novembre 2021, il direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini, porta ad attuazione l’articolo 2 del decreto “Sostegni-bis” (Dl n.

Normativa e prassi 29 Novembre 2021

Cfp perequativo del “Sostegni-bis”: istanze a partire da oggi, 29 novembre

Via libera al contributo a fondo perduto “perequativo”, l’ulteriore aiuto di Stato per gli operatori economici danneggiati dall’emergenza Covid-2019, basato sull’intero peggioramento del risultato economico delle imprese, come previsto dal decreto Sostegni-bis (Dl n.

Normativa e prassi 29 Novembre 2021

Fondo pensione transfrontaliero: adesioni italiane senza sostitutiva

Un fondo pensione transfrontaliero, non residente in Italia e senza stabile organizzazione, istituito su iniziativa della Commissione europea, che opera a livello cross-border raccogliendo adesioni su base collettiva anche in Italia, non dovrà applicare l’imposta sostitutiva del 20% sul risultato netto di gestione (articolo 17 del Dlgs n.

torna all'inizio del contenuto