Attualità

2 Novembre 2021

Istanze bonus sanificazione: ultima chiamata giovedì 4 novembre

Ancora pochi giorni e si chiude la finestra temporale del credito d’imposta sanificazione iniziata il 4 ottobre scorso (vedi articolo “Accesso al bonus sanificazione: “finestra aperta” dal 4 ottobre”). Fino a giovedì 4 novembre è ancora possibile accedere al beneficio, inviando la comunicazione all’Agenzia tramite l’apposito il modello scaricabile dal sito, con le spese sostenute nei mesi di giugno, luglio e agosto 2021 per la sanificazione degli ambienti, degli strumenti utilizzati e per l’acquisto dei dispositivi di protezione individuale e di altri mezzi idonei a garantire la salute dei lavoratori e degli utenti, incluse le spese per i tamponi per il Covid-19.
Terminato il periodo di presentazione delle istanze, l’Agenzia determinerà e renderà nota sulla base delle comunicazioni ricevute, la percentuale fruibile in base alle risorse disponibili.

Decreti istitutivi e spese ammissibili
Introdotto dal decreto “Rilancio” (articolo 125, Dl n. 34/2020) il bonus è stato riproposto dal decreto Sostegni-bis (articolo 32, Dl n. 73/2021) che ha confermato l’erogazione di un credito d’imposta di massimo 60mila euro a beneficiario, con un tetto complessivo di 200milioni per il 2021.
Il modello “Comunicazione delle spese per la sanificazione e l’acquisto dei dispositivi di protezione” può essere trasmesso direttamente dal contribuente oppure da un intermediario, in via telematica, tramite i tradizionali canali o utilizzando il servizio web disponibile nell’area riservata del sito dell’Agenzia.
I destinatari della misura di sostegno sono gli operatori economici, gli enti non commerciali, inclusi gli enti del terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti, le strutture ricettive extra-alberghiere a carattere non imprenditoriale in possesso del codice identificativo regionale ovvero, in mancanza, identificate mediante autocertificazione in merito allo svolgimento dell’attività ricettiva di bed and breakfast.
Il credito d’imposta, pari al 30% delle spese sostenute nei mesi di giugno, luglio e agosto 2021, spetta, secondo le previsioni dell’articolo 32 del Sostegni-bis, per le spese di sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro, i tamponi effettuati nell’ambito delle attività lavorative ammesse al beneficio, l’acquisto di dispositivi di protezione individuale, fra cui mascherine, guanti, termometri o scanner conformi ai requisiti Ue, detergenti e disinfettanti, barriere e pannelli protettive.
Il bonus sanificazione può essere utilizzato nella dichiarazione relativa al periodo d’imposta in cui sono state sostenute le spese o in compensazione tramite F24, da presentare solo telematicamente mediante i servizi dell’Agenzia.

I criteri di accesso al bonus, in linea con le previsioni normative, e il modello per comunicare all’Agenzia le spese sostenute, sono stati definiti con il provvedimento direttore dell’Agenzia del 15 luglio 2021 (vedi articolo “Credito d’imposta sanificazione: il modello per la comunicazione”).

Condividi su:
Istanze bonus sanificazione: ultima chiamata giovedì 4 novembre

Ultimi articoli

Normativa e prassi 29 Novembre 2021

Bonus edilizi e Superbonus, il punto su visto di conformità e asseverazione

Con la circolare del n. 16/E, firmata oggi, 29 novembre 2021, dal direttore Ruffini, l’Agenzia delle entrate, a pochi giorni dalla pubblicazione delle Faq (vedi articolo “Decreto “Antifrodi” sui bonus edilizi, le risposte ai dubbi dei contribuenti”), fornisce ulteriori chiarimenti a contribuenti e operatori sull’applicazione del decreto “Antifrodi” (il Dl n.

Normativa e prassi 29 Novembre 2021

Cpf “discoteche”, tutto pronto, dal 2 dicembre il via alle istanze

Con la firma del provvedimento del 29 novembre 2021, il direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini, porta ad attuazione l’articolo 2 del decreto “Sostegni-bis” (Dl n.

Normativa e prassi 29 Novembre 2021

Cfp perequativo del “Sostegni-bis”: istanze a partire da oggi, 29 novembre

Via libera al contributo a fondo perduto “perequativo”, l’ulteriore aiuto di Stato per gli operatori economici danneggiati dall’emergenza Covid-2019, basato sull’intero peggioramento del risultato economico delle imprese, come previsto dal decreto Sostegni-bis (Dl n.

Normativa e prassi 29 Novembre 2021

Fondo pensione transfrontaliero: adesioni italiane senza sostitutiva

Un fondo pensione transfrontaliero, non residente in Italia e senza stabile organizzazione, istituito su iniziativa della Commissione europea, che opera a livello cross-border raccogliendo adesioni su base collettiva anche in Italia, non dovrà applicare l’imposta sostitutiva del 20% sul risultato netto di gestione (articolo 17 del Dlgs n.

torna all'inizio del contenuto