Normativa e prassi

18 Ottobre 2021

“Disallineamenti da Ibridi”: Aperta la consultazione pubblica

Disponibile in consultazione sul sito dell’Agenzia fino al 19 novembre 2021 lo schema di circolare che fornisce i chiarimenti sulla disciplina dei “Disallineamenti da Ibridi” contenuta nel decreto legislativo di recepimento della direttiva antielusione Atad (articoli da 6 a 11 del Dlgs n. 142/2018). Tali disposizioni attuano nel sistema tributario italiano le previsioni della direttiva Ue n. 2016/1164 del Consiglio del 12 luglio 2016, che reca norme contro le pratiche di elusione fiscale che incidono direttamente sul funzionamento del mercato interno, come modificata dalla direttiva Ue n. 2017/952 del Consiglio del 29 maggio 2017. Si tratta di una serie di misure adottate per impedire alle multinazionali di sfruttare le differenze tra le diverse giurisdizioni fiscali per ottenere una riduzione delle basi imponibili. I soggetti interessati, dunque, hanno tempo fino al 19 novembre per inviare osservazioni e proposte di modifica o di integrazione all’indirizzo: dc.gci.settorecontrollo@agenziaentrate.it.

Per facilitare l’analisi e la classificazione dei diversi contributi, l’Agenzia invita i soggetti interessati a inviare le proprie proposte e osservazioni seguendo il seguente schema: Tematica / Paragrafi della circolare / Osservazioni / Contributi / Finalità.

L’Agenzia, quindi, valuterà i contributi ricevuti ai fini di un eventuale recepimento degli stessi nella versione definitiva della circolare. I commenti pervenuti saranno pubblicati ad eccezione di quelli contenenti una espressa richiesta di non divulgazione.

La bozza di circolare si sofferma, in particolare, sui requisiti per l’applicazione della disciplina dei disallineamenti, distinguendo quelli soggettivi da quelli oggettivi. Inoltre, fornisce esemplificazioni in merito alle fattispecie tipiche di disallineamenti e al coordinamento delle misure che prevedono delle forme di reazione a tali disallineamenti. Nello specifico, le regole di reazione sono idealmente suddivise in due categorie: quelle che agiscono sulla “causa ibrida” e quelle che neutralizzano gli “effetti ibridi” sia di deduzione senza inclusione che di doppia deduzione.

Si ricorda che la disciplina concernente i “Disallineamenti da Ibridi” è stata introdotta nel nostro ordinamento dagli articoli da 6 a 11 del decreto legislativo n. 142/2018 (decreto Atad) al fine di risolvere i disallineamenti derivanti dalle interazioni tra l’ordinamento fiscale italiano e quelli esteri. L’effetto di tali disallineamenti è spesso una deduzione in entrambi gli Stati (doppia deduzione) o una deduzione dei redditi in uno Stato senza che tali redditi siano inclusi nella base imponibile dell’altro Stato (deduzione non inclusione).

Condividi su:
“Disallineamenti da Ibridi”: Aperta la consultazione pubblica

Ultimi articoli

Normativa e prassi 29 Novembre 2021

Bonus edilizi e Superbonus, il punto su visto di conformità e asseverazione

Con la circolare del n. 16/E, firmata oggi, 29 novembre 2021, dal direttore Ruffini, l’Agenzia delle entrate, a pochi giorni dalla pubblicazione delle Faq (vedi articolo “Decreto “Antifrodi” sui bonus edilizi, le risposte ai dubbi dei contribuenti”), fornisce ulteriori chiarimenti a contribuenti e operatori sull’applicazione del decreto “Antifrodi” (il Dl n.

Normativa e prassi 29 Novembre 2021

Cpf “discoteche”, tutto pronto, dal 2 dicembre il via alle istanze

Con la firma del provvedimento del 29 novembre 2021, il direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini, porta ad attuazione l’articolo 2 del decreto “Sostegni-bis” (Dl n.

Normativa e prassi 29 Novembre 2021

Cfp perequativo del “Sostegni-bis”: istanze a partire da oggi, 29 novembre

Via libera al contributo a fondo perduto “perequativo”, l’ulteriore aiuto di Stato per gli operatori economici danneggiati dall’emergenza Covid-2019, basato sull’intero peggioramento del risultato economico delle imprese, come previsto dal decreto Sostegni-bis (Dl n.

Normativa e prassi 29 Novembre 2021

Fondo pensione transfrontaliero: adesioni italiane senza sostitutiva

Un fondo pensione transfrontaliero, non residente in Italia e senza stabile organizzazione, istituito su iniziativa della Commissione europea, che opera a livello cross-border raccogliendo adesioni su base collettiva anche in Italia, non dovrà applicare l’imposta sostitutiva del 20% sul risultato netto di gestione (articolo 17 del Dlgs n.

torna all'inizio del contenuto