Normativa e prassi

27 Settembre 2021

Smartworking del residente estero: il reddito è imponibile in due Stati

Il reddito prodotto da un soggetto italiano residente nel Lussemburgo che, a causa dell’emergenza epidemiologica, svolge, da marzo 2020, l’attività lavorativa in Italia in smart working, per un periodo superiore a 183 giorni, deve essere tassato in entrambi gli Stati e la doppia imposizione sarà risolta con il riconoscimento da parte del Lussemburgo di un credito d’imposta. È il chiarimento fornito dall’Agenzia con la risposta n. 626 del 27 settembre 2021.

In linea generale, ricorda l’Agenzia nell’interpello, per i residenti è prevista l’imposta si applica sul reddito complessivo del soggetto, formato per i residenti da tutti i redditi posseduti al netto degli oneri deducibili, mentre per i non residenti solo da quelli prodotti nel territorio dello Stato (articolo 3, comma 1, del Tuir).
L’Agenzia ricorda inoltre che i redditi di lavoro dipendente prestato nel territorio dello Stato si considerano prodotti in Italia (articolo 23, comma 1, lettera c), del Tuir), a meno che il nostro Paese non abbia stipulato con lo Stato di residenza del lavoratore una convenzione contro le doppie imposizioni.

Nell’interpello in esame, quindi, occorre riferirsi alla Convenzione fra Italia e Lussemburgo la quale, all’articolo 15, prevede la tassazione esclusiva dei redditi da lavoro dipendente nello Stato di residenza del beneficiario, a meno che l’attività lavorativa sia svolta nell’altro Stato contraente. In quest’ultimo caso le somme sono tassate in entrambi i Paesi.
Nel caso prospettato dall’istante è necessario stabilire cosa si intende per “luogo di prestazione” dell’attività lavorativa, considerando la particolare ipotesi di lavoro svolto in smartworking. L’Agenzia rileva che lo stesso articolo 15, paragrafo 1, del modello Ocse di convenzione per eliminare le doppie imposizioni, precisa che il luogo di prestazione è quello dove il lavoratore è fisicamente presente quando svolge l’attività lavorativa.
In base all’articolo 15 della citata Convenzione e all’articolo 23 del Tuir, l’Agenzia ritiene che il reddito percepito dall’istante, cittadino italiano residente in Lussemburgo che ha svolto attività lavorativa in smarworking in Italia dal 2020 ad oggi, rilevi fiscalmente anche nel nostro Paese.
Al caso in esame non può applicarsi il paragrafo 2 del medesimo articolo 15 della Convenzione che  prevede la tassazione esclusiva nello Stato di residenza (nel caso in esame il Lussemburgo) anche per i redditi erogati per il lavoro svolto nell’altro Stato (nel caso in esame l’Italia) in quanto non ricorre la condizione che prevede un soggiorno nell’altro Stato da parte del beneficiario non superiore a 183 giorni, avendo l’istante fatto presente che è stato in Italia per un periodo maggiore.

In definitiva, il reddito va tassato in entrambi gli Stati e la conseguente doppia imposizione sarà risolta con il riconoscimento di un credito d’imposta da parte del Lussemburgo, Stato di residenza del dipendente.

Condividi su:
Smartworking del residente estero: il reddito è imponibile in due Stati

Ultimi articoli

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

È pari al 100% la percentuale per il Cfp riduzione canoni affitto

La percentuale per il calcolo del contributo a fondo perduto per la riduzione del canone di locazione, prevista dall’articolo 9-quater del decreto “Ristori” è pari al 100% del quantum determinato, poiché le richieste pervenute sono inferiori alle risorse finanziarie disponibili.

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

Bonus Mezzogiorno e Zes: spazio ai nuovi ambiti applicativi

Il modello di comunicazione per la fruizione del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno, nei comuni del sisma del Centro-Italia e nelle zone economiche speciali (Zes) fa posto alle modifiche introdotte dal decreto “Semplificazioni” (articolo 57, comma 1, lettera b), n.

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

I servizi didattici sono senza Iva, se l’ente estero è accreditato al Muir

I servizi tesi alla certificazione delle competenze in lingua inglese, di musica e arti performative, resi a scuole pubbliche italiane, che operano in esenzione Iva, da una Charity educativa ed ente Certificatore internazionale, con sede legale nel Regno Unito, riconosciuto dal Miur, sono esonerati dall’applicazione dell’Iva.

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

Registrazione atti privati, il punto sulla sottoscrizione

Con la risposta n. 14 del 27 ottobre 2021 ad una consulenza giuridica, l’Agenzia delle entrate fa il punto sull’utilizzo delle firme elettroniche per la registrazione di atti privati e in particolare di contratti preliminari di compravendita.

torna all'inizio del contenuto