Dati e statistiche

20 Settembre 2021

Liti fiscali sotto quota 300mila: i dati dopo la ripresa post-pandemia

A fine giugno si contano 297.458 liti tributarie ancora in corso, che per la prima volta scendono sotto quota 300mila. Diminuiscono del 16,62% rispetto al 30 giugno 2020 e del 13,95% rispetto al 31 dicembre 2020. È quanto emerge dal  Rapporto trimestrale sul contenzioso tributario aprile-giugno 2021 pubblicato dal Mef insieme alle Appendici statistiche.

Aumentano, invece, del 6,11%, in entrambi i gradi di giudizio, le nuove controversie per un totale di 37.442 procedimenti.
Forte balzo in avanti delle liti definite (54.136) che registrano un aumento tendenziale del 140% (per l’esattezza 139,88%). È l’effetto della ripresa dei processi dopo lo stop causato dalla pandemia. I valori sono in linea con il 2019 non interessato dalle misure emergenziali.

Le udienze svolte in videoconferenza raggiungono il 27% del totale delle udienze celebrate nel trimestre. In particolare, il 25% in primo grado e il 32% in secondo grado. Spicca il dato dei tribunali regionali del Nord-Est che hanno effettuato processi da remoto per oltre il 53% dei casi.

I focus specifici su Ctp e Ctr, considerate separatamente, mostrano che in primo grado sono stati presentanti 25.558 ricorsi, lo 0,75% in più rispetto allo stesso trimestre 2020, e le liti risolte sono state 37.983, l’incremento in questo caso è stato del 146,43 per cento.
Nello stesso periodo gli appelli pervenuti ai tribunali tributari regionali sono stati 11.884 (+19,82%) e le decisioni prese 16.153 (+125,76%).

In secondo grado, l’ente impositore ha fatto valere con successo le sue ragioni nel 48% dei procedimenti, per un valore complessivo di 1.100,34 milioni di euro. L’esito è stato completamente a favore del contribuente nel 29% dei casi, mentre sono stati l’8% i giudizi intermedi per un valore complessivo pari a 256,44 milioni di euro.

Condividi su:
Liti fiscali sotto quota 300mila: i dati dopo la ripresa post-pandemia

Ultimi articoli

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

È pari al 100% la percentuale per il Cfp riduzione canoni affitto

La percentuale per il calcolo del contributo a fondo perduto per la riduzione del canone di locazione, prevista dall’articolo 9-quater del decreto “Ristori” è pari al 100% del quantum determinato, poiché le richieste pervenute sono inferiori alle risorse finanziarie disponibili.

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

Bonus Mezzogiorno e Zes: spazio ai nuovi ambiti applicativi

Il modello di comunicazione per la fruizione del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno, nei comuni del sisma del Centro-Italia e nelle zone economiche speciali (Zes) fa posto alle modifiche introdotte dal decreto “Semplificazioni” (articolo 57, comma 1, lettera b), n.

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

I servizi didattici sono senza Iva, se l’ente estero è accreditato al Muir

I servizi tesi alla certificazione delle competenze in lingua inglese, di musica e arti performative, resi a scuole pubbliche italiane, che operano in esenzione Iva, da una Charity educativa ed ente Certificatore internazionale, con sede legale nel Regno Unito, riconosciuto dal Miur, sono esonerati dall’applicazione dell’Iva.

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

Registrazione atti privati, il punto sulla sottoscrizione

Con la risposta n. 14 del 27 ottobre 2021 ad una consulenza giuridica, l’Agenzia delle entrate fa il punto sull’utilizzo delle firme elettroniche per la registrazione di atti privati e in particolare di contratti preliminari di compravendita.

torna all'inizio del contenuto