Normativa e prassi

20 Settembre 2021

Detrazioni edilizie in successione solo una volta, non all’infinito

In caso di decesso dell’erede che ha acquisito le quote di detrazione non fruite dal de cuius, il quale ha sostenuto spese relative a interventi di recupero del patrimonio edilizio sull’immobile di sua proprietà, le quote residue non si trasferiscono al successivo erede.

Lo sancisce l’Agenzia delle entrate  nella risposta n. 612 del 20 settembre 2021, in cui osserva che la situazione appena descritta è analoga alle ipotesi di vendita o di donazione da parte dell’erede che ha la detenzione materiale e diretta del bene, nelle quali le quote residue della detrazione fiscale non fruite da questi non si trasferiscono all’acquirente/donatario. Questo neanche nel caso in cui la vendita o la donazione siano effettuate nello stesso anno di accettazione dell’eredità.

La domanda posta alla sua attenzione, in particolare, riguarda il trasferimento per sé e per la figlia delle quote di detrazione ereditate, che le aveva ricevute per successione per la morte del padre, anch’essa deceduta, relative a un immobile ristrutturato rimasto nella disponibilità degli eredi. L’istante, che fa presente di avere ancora a proprio carico la ragazza, in sintesi, chiede di poter usufruire dell’agevolazione, nella dichiarazione dei redditi 2021, anche recuperando la quota non fruita dalla moglie nell’anno precedente.  
 
La conclusione giunge, come di consueto, attraverso l’analisi della disposizione di riferimento supportata dalla relativa prassi. Nel caso specifico, l’Agenzia richiama l’articolo 16-bis, comma 8, Tuir, secondo cui “in caso di decesso dell’avente diritto, la fruizione del beneficio fiscale si trasmette, per intero, esclusivamente all’erede che conservi la detenzione materiale e diretta del bene”, e la recente circolare n. 7/2021, con la quale, tra l’altro, oltre ad aver specificato che, nell’ipotesi di acquisizione di un immobile per successione, le quote residue di detrazione si trasferiscono per intero esclusivamente all’erede o agli eredi che conservano la detenzione materiale e diretta dello stesso (condizione rispettata nel quadro in esame), ha precisato anche che, se l’erede vende o dona l’immobile, tali quote non si trasferiscono all’acquirente/donatario, neanche nell’ipotesi in cui la vendita o la donazione siano effettuate nel medesimo anno di accettazione dell’eredità.
 
Parimenti, l’Agenzia ritiene che, in caso di decesso dell’erede che ha acquisito le quote di detrazione non fruite dal de cuius che ha sostenuto le spese agevolabili, le quote residue non si trasferiscono al successivo erede. Pertanto, l’istante, come erede, non potrà beneficiare delle quote residue acquisite dalla moglie (deceduta) in seguito alla scomparsa del padre che aveva sostenuto le spese.

Condividi su:
Detrazioni edilizie in successione solo una volta, non all’infinito

Ultimi articoli

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

È pari al 100% la percentuale per il Cfp riduzione canoni affitto

La percentuale per il calcolo del contributo a fondo perduto per la riduzione del canone di locazione, prevista dall’articolo 9-quater del decreto “Ristori” è pari al 100% del quantum determinato, poiché le richieste pervenute sono inferiori alle risorse finanziarie disponibili.

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

Bonus Mezzogiorno e Zes: spazio ai nuovi ambiti applicativi

Il modello di comunicazione per la fruizione del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno, nei comuni del sisma del Centro-Italia e nelle zone economiche speciali (Zes) fa posto alle modifiche introdotte dal decreto “Semplificazioni” (articolo 57, comma 1, lettera b), n.

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

I servizi didattici sono senza Iva, se l’ente estero è accreditato al Muir

I servizi tesi alla certificazione delle competenze in lingua inglese, di musica e arti performative, resi a scuole pubbliche italiane, che operano in esenzione Iva, da una Charity educativa ed ente Certificatore internazionale, con sede legale nel Regno Unito, riconosciuto dal Miur, sono esonerati dall’applicazione dell’Iva.

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

Registrazione atti privati, il punto sulla sottoscrizione

Con la risposta n. 14 del 27 ottobre 2021 ad una consulenza giuridica, l’Agenzia delle entrate fa il punto sull’utilizzo delle firme elettroniche per la registrazione di atti privati e in particolare di contratti preliminari di compravendita.

torna all'inizio del contenuto