Normativa e prassi

17 Settembre 2021

Se il legale è anche “associato”, i conti per il Cfp “Sostegni” variano

L’avvocato, che partecipa in un’associazione professionale costituita ad aprile 2020, nel calcolo del contributo a fondo perduto del Dl “Sostegni” (articolo 1 del decreto legge n. 41/2021) deve considerare, oltre al fatturato “individuale”, anche gli effetti dell’acquisizione della clientela proveniente dai professionisti che hanno costituito l’associazione:

  • sia in relazione alle modalità di determinazione della soglia massima dei compensi, tenendo conto del fatturato generato dalla predetta clientela nella misura in cui sia stata trasferita nella gestione associata
  • sia per quanto riguarda la quantificazione della riduzione del fatturato, calcolando le medie dei periodi di riferimento avendo cura di considerare sia il fatturato dell’associazione sia quello dei clienti dei professionisti trasferiti allo studio associato.

È quanto chiarito dall’Agenzia delle entrate con la risposta n. 605 del 17 settembre 2021, fornita a un avvocato che, in relazione alla propria autonoma attività professionale, avrebbe diritto a fruire del Cfp in argomento – poiché nel 2020 ha subìto, rispetto al 2019, una riduzione del fatturato medio mensile di oltre il 30% – e che non sa se, per il calcolo, rilievi anche la sua partecipazione allo studio legale associato. Il contribuente, inoltre, chiede lumi su quali siano le conseguenze per l’eventuale erronea percezione del contributo.

L’amministrazione perviene alla conclusione accennata, ricordando che, siccome l’agevolazione riprende molte delle caratteristiche dei precedenti contributi a fondo perduto, per questa continuano a valere i chiarimenti contenuti nei documenti di prassi emanati a loro tempo, primi fra tutti le circolari nn. 15 e 22 del 2020. In particolare, con la n. 15 ha precisato che, in relazione ai soggetti aventi causa di un’operazione di riorganizzazione aziendale, “occorre considerare gli effetti di tale evento, sia in relazione alle modalità di determinazione della soglia massima ricavi o compensi sia per quanto concerne il calcolo della riduzione del fatturato e che “inconsiderazione della ratio legis, per i soggetti costituiti nel periodo compreso tra il 1°gennaio 2019 ed il 30 aprile 2020, a seguito di un’operazione di conferimento d’azienda o di cessioni di azienda, (…) sul piano sostanziale, non si è in presenza di un’attività neocostituita”. Con la n. 22, invece, ha chiarito che in caso di subentro in un contratto d’affitto d’azienda, è necessario considerare i valori riferibili all’azienda oggetto del contratto nel periodo di riferimento, sia in relazione alle modalità di determinazione della soglia massima di ricavi o compensi, sia per quanto concerne il calcolo della riduzione di fatturato.

Questi princìpi, affermati in tema di operazioni di riorganizzazione delle imprese, per l’Agenzia possono essere estesi anche all’ipotesi di costituzione di uno studio associato. Infatti, anche in tal caso, come nella riorganizzazione aziendale, può avvenire il trasferimento della clientela dei professionisti alla forma di gestione associata dell’attività.

In sostanza, qualora non risulti rispettata la condizione dell’assenza di trasferimento della clientela, lo studio associato non può considerarsi ai fini del contributo “Sostegni” un soggetto neocostituito e nel calcolo del contributo, come anticipato, l’avvocato dovrà tener conto anche degli effetti dell’acquisizione della clientela proveniente dai professionisti che hanno costituito l’associazione  sia per le modalità di determinazione della soglia massima compensi per l’accesso al contributo, considerando il fatturato generato dalla predetta clientela nella misura in cui sia stata trasferita nella gestione associata, sia per quanto concerne il calcolo della riduzione del fatturato, calcolando le medie dei periodi di riferimento avendo cura di considerare sia il fatturato dell’associazione sia quello dei clienti dei professionisti trasferiti allo studio associato.
Di conseguenza, l’istante dovrà determinare il cfp avendo riguardo esclusivamente al fatturato e ai compensi relativi ai clienti che gestisce in via autonoma rispetto a quelli confluiti nello studio.

Per quanto concerne, infine, l’eventuale erronea percezione del contributo a fondo perduto, non in linea con i chiarimenti della risposta in esame, l’istante potrà restituire il sussidio (vedi articolo “Cfp “Sostegni”, pronti i codici per compensazione e restituzione”).

Condividi su:
Se il legale è anche “associato”, i conti per il Cfp “Sostegni” variano

Ultimi articoli

Normativa e prassi 16 Agosto 2022

Soggetta a Iva l’attività in Italia anche con iscrizione all’Aire

La costituzione nel territorio italiano del domicilio fiscale, pur in presenza della residenza in un Paese terzo, come il Regno Unito, non impedisce di considerare la cittadina italiana, chiaramente intenzionata ad avviare la sua unica attività professionale, quale soggetto passivo Iva alla stregua di un qualsiasi altro residente.

Normativa e prassi 16 Agosto 2022

Cambi delle valute estere: online le medie di luglio 2022

È in Rete, sul sito dell’Agenzia delle entrate, il provvedimento del 16 agosto del direttore dell’Agenzia, con il quale sono accertate le medie dei cambi delle valute estere per il mese di luglio 2022, calcolati a titolo indicativo dalla Banca d’Italia sulla base di quotazioni di mercato.

Analisi e commenti 16 Agosto 2022

Il rilascio del falso “visto leggero” è sanzionabile penalmente

Al fine di contrastare i fenomeni “patologici” collegati alle compensazioni di crediti inesistenti e alle indebite cessioni di credito d’imposta non spettanti, e al fine di garantire ai contribuenti il corretto adempimento degli obblighi tributari e, conseguentemente, agevolare l’amministrazione finanziaria nei successivi controlli, il legislatore tributario, con il decreto legislativo n.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Rilascio obbligatorio delle frequenze, l’indennizzo è contributo in c/capitale

Con la risposta n. 427 del 12 agosto 2022, l’Agenzia chiarisce che il contributo percepito nell’anno corrente dalla società e previsto ex lege per la rottamazione obbligatoria delle frequenze inerenti al servizio televisivo digitale terrestre va qualificato come sopravvenienza attiva e, essendo ricompreso nell’articolo 88, comma 3, lettera b) del Tuir, concorre alla determinazione del reddito nell’esercizio in cui è stato incassato e nei successivi, ma non oltre il quarto.

torna all'inizio del contenuto