Normativa e prassi

15 Settembre 2021

Contributi Covid: detassati, ma solo a precise condizioni

Con la risposta n. 588 del 15 settembre 2021, l’Agenzia delle entrate ha chiarito che i contributi e le indennità corrisposti alle imprese e ai lavoratori autonomi per l’emergenza pandemica, previsti dal decreto “Ristori”, non concorrono al reddito dei percipienti, solo se dette misure sono diverse da quelle esistenti prima della stessa emergenza epidemiologica.
La Regione istante eroga aiuti cofinanziati da diversi fondi europei, nell’ambito degli obiettivi di programmazione previsti dal regolamento Ue n. 1303/2013.
L’Unione europea, prendendo atto delle gravi conseguenze della pandemia Covid-19, ha introdotto alcune modifiche sostanziali alla normativa che disciplina l’utilizzo dei fondi strutturali e di investimento europei del ciclo 2014-2020, per consentire interventi di rafforzamento dei sistemi sanitari e di contrasto e mitigazione degli effetti economici e sociali che ne sono conseguiti.
Il Dl n. 34/2020 (il decreto “Rilancio”) ha, quindi, disciplinato l’utilizzo del fondo per lo sviluppo e la coesione per il contrasto all’emergenza Covid-19 e il contributo dei fondi strutturali europei al contrasto dell’emergenza Covid-19, per facilitare le scelte di riprogrammazione degli obiettivi degli originari programmi e la possibilità di finalizzare le risorse nazionali del fondo sviluppo e coesione per ogni impiego utile a fronteggiare l’emergenza pandemica, in raccordo con la riprogrammazione che, per le stesse finalità, le amministrazioni nazionali e regionali hanno posto in essere nell’ambito dei programmi operativi dei fondi strutturali 2014-2020.
In tale cornice regolamentare sono stati sottoscritti dal Ministro per il Sud specifici accordi con le amministrazioni centrali e regionali volti a definire regole comuni per tali riprogrammazioni, al fine di destinare risorse per interventi di contrasto dell’emergenza sanitaria e, anche, per  l’istruzione e la formazione, per le attività economiche, per il lavoro e il sociale.

La posizione della Regione
Pertanto, la Regione istante, con l’approvazione di uno schema di accordo con il Ministro per il Sud, ha proceduto alla riformulazione dei programmi operativi dei fondi strutturali 2014-2020, ai sensi del decreto “Rilancio”, rappresentando che le risorse originariamente provenienti dal bilancio europeo, per finanziare progetti con fondi strutturali, sono state ritirate per consentire la certificazione delle spese emergenziali. Detti progetti sono ora finanziati con risorse nazionali, attraverso il fondo per lo sviluppo e la coesione.
In questo senso, la Regione chiede ai contributi erogati, con fondi nazionali e non più europei, alle imprese che abbiano partecipato a bandi di progetti europei, debba essere applicata la ritenuta del 4% prevista dall’articolo 28 Dpr n. 600/1973, alla luce del disposto dell’art. 10-bis del decreto “Ristori”, specificando che i predetti contributi si riferiscono a forme di finanziamento preesistenti all’emergenza epidemiologica da Covid-19.
Secondo l’ente, alla luce sia dell’articolo 132 regolamento Ue n. 1303/2013 che della stessa prassi dell’Agenzia (cfr. risoluzione n. 51/2010), i contributi, le cui risorse derivavano originariamente da fondi europei, sono attualmente di fonte nazionale (quindi, teoricamente soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di acconto, ex articolo 28 menzionato), tuttavia, ritiene applicabile la disposizione agevolativa prevista dall’articolo 10-bis del decreto “Ristori”, che esclude l’assoggettamento a imposizione delle predette somme.

La risposta dell’Agenzia
L’Agenzia osserva, anzitutto, che l’articolo 10-bis Dl n. 137/2020, rubricato «Detassazione di contributi, di indennità e di ogni altra misura a favore di imprese e lavoratori autonomi, relativi all’emergenza Covid-19», prevede che “i contributi e le indennità di qualsiasi natura erogati in via eccezionale a seguito dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 e diversi da quelli esistenti prima della medesima emergenza, da chiunque erogati e indipendentemente dalle modalità di fruizione e contabilizzazione, spettanti ai soggetti esercenti impresa, arte o professione, nonché ai lavoratori autonomi, non concorrono alla formazione del reddito imponibile ai fini delle imposte sui redditi e del valore della produzione ai fini dell’Irap e non rilevano ai fini del rapporto di cui agli articoli 61 e 109, comma 5 del Tuir”.
Con tale disposizione, il legislatore ha riconosciuto ai soggetti esercenti attività di impresa, arte o professione, nonché ai lavoratori autonomi, il regime esentativo previsto espressamente per talune tipologie di aiuti economici (cfr. articolo 27 Dl n. 18/2020, il “Cura Italia” e articolo 25 del decreto “Rilancio”). Tuttavia, ai fini della non concorrenza al reddito degli stessi, è necessario che questi ultimi siano finalizzati a sostenere, tra l’altro, i soggetti esercenti impresa, arte o professione per affrontare la situazione emergenziale da Covid-19, e siano diversi da quelli esistenti prima della medesima emergenza.

Ebbene, tenuto conto che la Regione istante ha precisato che i contributi si riferiscono a forme di finanziamento preesistenti alla pandemia, nel caso in esame non può trovare applicazione l’articolo 10-bis del decreto “Ristori”. Di conseguenza che i contributi rileveranno fiscalmente nei confronti delle imprese beneficiarie.

Considerato, infine, che, tali contributi sono finanziati da fondi nazionali e non più da risorse europee, la Regione istante, al momento dell’erogazione dei contributi in esame dovrà applicare la ritenuta d’acconto del 4%, ai sensi dell’articolo 28, comma 2 Dpr n. 600/1973.

Condividi su:
Contributi Covid: detassati, ma solo a precise condizioni

Ultimi articoli

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

L’assembla condominiale approva: Superbonus a chi si accolla le spese

Se l’assemblea approva, le spese per gli interventi effettuati sulle parti comuni del “condominio misto”, che ospita alloggi di privati e di una Pa, potranno essere sostenute dai condomini interessati che in sede assembleare, esprimendo parere favorevole, manifestano l’intenzione di accollarsi l’intero importo e che beneficeranno della detrazione al 110 per cento.

Attualità 22 Settembre 2021

Spese sanitarie 1° semestre 2021, comunicazioni entro il 30 settembre

Non sono ancora scaduti i termini per la presentazione dei redditi relativa al 2020 che già si riaccendono i motori per predisporre la precompilata 2022.

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

Aliquota Imu all’11,4%, anche senza delibera 2021

Se la maggiorazione dell’aliquota Imu dello 0,08% è stata espressamente confermata dalle delibere consiliari ininterrottamente dal 2015 al 2019, in qualità di maggiorazione Tasi, e per il 2021 il Comune non ha adottato alcuna deliberazione in materia, vengono convalidate automaticamente tutte le aliquote approvate per il 2020, compresa anche quella maggiorata dell’1,14%, risultante dall’applicazione della maggiorazione dello 0,08 per cento.

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

Flusso telematico delle delibere, dal Df chiarimenti sul timing

Con la risoluzione n.7/DF del 21 settembre 2021, il dipartimento delle Finanze fornisce chiarimenti in tema di decorrenza dell’obbligo di utilizzare il formato elettronico individuato dal decreto interministeriale del 20 luglio 2021, ai fini della trasmissione telematica al ministero dell’Economia e delle Finanze delle delibere regolamentari e tariffarie relative alle entrate tributarie dei comuni, delle province e delle città metropolitane (vedi articolo “Invio telematico delle delibere, in un decreto le specifiche tecniche”).

torna all'inizio del contenuto