Normativa e prassi

7 Settembre 2021

Corrispettivi giornalieri: slitta al 2022 il via al nuovo tracciato

Rinviato dal 1° ottobre 2021 al 1° gennaio 2022 il termine dal quale dovrà essere utilizzato esclusivamente il nuovo tracciato telematico per l’invio dei dati dei corrispettivi giornalieri (“Tipi dati per i corrispettivi” – versione 7.0 di giugno 2020). A stabilirlo il provvedimento del 7 settembre 2021 del direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini. Lo slittamento tiene conto del perdurare delle difficoltà causate dal Covid-19 e delle richieste delle associazioni di categoria. Fino a quella data sarà ancora possibile trasmettere i dati attraverso la versione 6.0.
 
Fissato al 31 dicembre 2021, inoltre, l’ultimo giorno utile entro cui i produttori potranno dichiarare la conformità alle specifiche tecniche di un modello di registratore telematico già approvato dall’Agenzia delle entrate.
 
Il documento odierno modifica il precedente del 28 ottobre 2016, ritoccato, da ultimo, dal provvedimento del 30 marzo 2021 e, in precedenza, dai provvedimenti del 18 aprile 2019, del 20 dicembre 2019, del 30 giugno 2020 e del 23 dicembre 2020.

Condividi su:
Corrispettivi giornalieri: slitta al 2022 il via al nuovo tracciato

Ultimi articoli

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

L’assembla condominiale approva: Superbonus a chi si accolla le spese

Se l’assemblea approva, le spese per gli interventi effettuati sulle parti comuni del “condominio misto”, che ospita alloggi di privati e di una Pa, potranno essere sostenute dai condomini interessati che in sede assembleare, esprimendo parere favorevole, manifestano l’intenzione di accollarsi l’intero importo e che beneficeranno della detrazione al 110 per cento.

Attualità 22 Settembre 2021

Spese sanitarie 1° semestre 2021, comunicazioni entro il 30 settembre

Non sono ancora scaduti i termini per la presentazione dei redditi relativa al 2020 che già si riaccendono i motori per predisporre la precompilata 2022.

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

Aliquota Imu all’11,4%, anche senza delibera 2021

Se la maggiorazione dell’aliquota Imu dello 0,08% è stata espressamente confermata dalle delibere consiliari ininterrottamente dal 2015 al 2019, in qualità di maggiorazione Tasi, e per il 2021 il Comune non ha adottato alcuna deliberazione in materia, vengono convalidate automaticamente tutte le aliquote approvate per il 2020, compresa anche quella maggiorata dell’1,14%, risultante dall’applicazione della maggiorazione dello 0,08 per cento.

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

Flusso telematico delle delibere, dal Df chiarimenti sul timing

Con la risoluzione n.7/DF del 21 settembre 2021, il dipartimento delle Finanze fornisce chiarimenti in tema di decorrenza dell’obbligo di utilizzare il formato elettronico individuato dal decreto interministeriale del 20 luglio 2021, ai fini della trasmissione telematica al ministero dell’Economia e delle Finanze delle delibere regolamentari e tariffarie relative alle entrate tributarie dei comuni, delle province e delle città metropolitane (vedi articolo “Invio telematico delle delibere, in un decreto le specifiche tecniche”).

torna all'inizio del contenuto