Attualità

2 Settembre 2021

E-fatture dirette a San Marino: predisposto il codice di ricezione

In vista dell’avvio della fatturazione elettronica nell’ambito dei  rapporti commerciali tra operatori italiani e sammarinesi, previsto per il prossimo 1° ottobre, l’ufficio tributario della Repubblica del Titano ha predisposto il codice destinatario “2R4GT08”, che gli esercenti nostrani dovranno indicare nelle e-fatture emesse nei confronti dei sammarinesi, come stabilito dal Dm dello scorso 21 giugno (vedi articolo  “Fattura elettronica al via tra Italia e San Marino”) attuativo dell’articolo 12 del decreto “Crescita”, che ha previsto l’estensione e la messa a punto degli obblighi di fatturazione elettronica nei rapporti di scambio tra i due Paesi.

A tal fine, con il provvedimento del direttore dell’Agenzia, Ernesto Maria Ruffini, dello scorso 5 agosto, sono state definite le regole tecniche per l’attuazione della nuova disciplina (vedi articolo “E-fatture tra San Marino e Italia, pronte le regole tecniche per partire”)

Il codice alfanumerico sarà attivo dal 1° ottobre, ma opzionale fino al 30 giugno 2022. Il vero obbligo di emettere le fatture in modalità elettronica, utilizzando il sistema di interscambio (Sdi) scatterà, per gli scambi commerciali tra Italia e San Marino, dal 1° luglio 2022. Fino ad allora, in via transitoria, gli operatori potranno continuare a utilizzare la carta e, dal 1° ottobre, “esercitarsi” con la fatturazione elettronica in alternativa a quella cartacea.

Condividi su:
E-fatture dirette a San Marino: predisposto il codice di ricezione

Ultimi articoli

Normativa e prassi 26 Gennaio 2022

“Disallineamenti da ibridi”; pronti i chiarimenti definitivi

Chiusa la consultazione pubblica relativa a un primo schema di circolare sull’applicazione, alle controlled foreign companies, della disciplina dei “disallineamenti da ibridi” (vedi articolo “Disallineamenti da ibridi; aperta la consultazione pubblica”) introdotta dal decreto “Atad” (articoli 6 e 11 del Dlgs n.

Attualità 26 Gennaio 2022

Contributi editoria, precisazioni per presentare l’istanza corretta

Le imprese editrici che nel 2021 hanno provveduto ad adeguare l’assetto societario ai requisiti previsti dalla legge per beneficiare dei contributi a favore del settore, devono presentare, entro il prossimo 31 gennaio, la domanda di accesso alla sovvenzione nell’attuale configurazione giuridica, indicando la tipologia per la quale il bonus è richiesto tenuto conto della prevalenza della forma societaria nel corso dell’anno.

Analisi e commenti 26 Gennaio 2022

Il Fisco nella legge di bilancio – 11 Piani di risparmio con più appeal

L’ultima legge di bilancio, al fine di potenziare i benefici, fiscali per gli investitori, di liquidità per i riceventi, legati ai piani individuali di risparmio a lungo termine (Pir) ha previsto, da un lato, per i piani tradizionali, un aumento del tetto massimo relativo all’investimento annuale consentito, per quelli alternativi, meno paletti.

Normativa e prassi 26 Gennaio 2022

Sì alla variazione in diminuzione se l’infruttuosità del credito è certa

Per le procedure concorsuali avviate prima del 26 maggio 2021 (data di entrata in vigore del Dl n.

torna all'inizio del contenuto