Normativa e prassi

31 Agosto 2021

Ampliamento spogliatoi dell’Asd: Superbonus solo per la parte esistente

Un’associazione sportiva dilettantistica iscritta al Coni gestisce un impianto sportivo in un edificio di proprietà del Comune e ha avviato un progetto di miglioramento delle prestazioni energetiche e sismiche con aumento di volumetria. Per i lavori di rifacimento degli spogliatoi già presenti con riallocazione di una parte degli stessi nell’ampliamento previsto, l’Asd potrà fruire del Superbonus limitatamente ai lavori di riqualificazione effettuati sulla metratura preesistente e non anche per la parte nuova. È uno dei chiarimenti forniti dall’Agenzia con la risposta n. 567 del 30 agosto 2021.

Riguardo agli interventi di recupero del patrimonio edilizio previsti dall’articolo 16-bis del Tuir, l’Agenzia, come ribadito anche nella circolare n. 7/2021, ricorda che se la ristrutturazione avviene senza demolizione dell’edificio esistente e con ampliamento dello stesso, la detrazione spetta solo per le spese riferibili alla parte esistente, in quanto l’ampliamento configura, comunque, una nuova costruzione esclusa dall’agevolazione.
In tale caso, il contribuente ha l’onere di mantenere distinte, in termini di fatturazione, l’intervento di ristrutturazione da quello di ampliamento. In alternativa, deve essere in possesso di un’apposita attestazione che indichi gli importi riferibili a ciascuna tipologia di intervento, rilasciata dall’impresa di costruzione o dal direttore dei lavori sotto la propria responsabilità. Resta fermo che il Superbonus si applica a condizione che i locali adibiti a spogliatoi, prima dell’intervento, siano dotati di impianto di climatizzazione invernale.

Con specifico riferimento all’Ape ante e post intervento, considerato che lo spogliatoio non costituisce unità autonoma, l’Agenzia ritiene che tale certificazione debba riguardare l’intero immobile esistente e non solo i locali adibiti a spogliatoio.

L’Agenzia chiarisce, inoltre, che in presenza di un contributo pubblico percepito dall’Asd, come riferito dall’istante, se tale somma è stata utilizzata anche per gli interventi nei locali adibiti a spogliatoi, dovrà essere detratta dalle spese che possono accedere al Superbonus qualora non concorra alla formazione del reddito dell’istante.

Riguardo la possibilità di presentare l’asseverazione antisismica prima della fine lavori, l’Agenzia ritiene il problema superato dal momento che gli interventi antisismici non sono agevolabili.

Condividi su:
Ampliamento spogliatoi dell’Asd: Superbonus solo per la parte esistente

Ultimi articoli

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Rilascio obbligatorio delle frequenze, l’indennizzo è contributo in c/capitale

Con la risposta n. 427 del 12 agosto 2022, l’Agenzia chiarisce che il contributo percepito nell’anno corrente dalla società e previsto ex lege per la rottamazione obbligatoria delle frequenze inerenti al servizio televisivo digitale terrestre va qualificato come sopravvenienza attiva e, essendo ricompreso nell’articolo 88, comma 3, lettera b) del Tuir, concorre alla determinazione del reddito nell’esercizio in cui è stato incassato e nei successivi, ma non oltre il quarto.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Il riaddebito del Bollo al cliente è parte integrante del compenso

L’imposta di bollo addebitata in fattura è assimilabile ai ricavi e ai compensi e concorre alla determinazione forfettaria del reddito soggetto a imposta sostitutiva ed è, quindi, rilevante ai fini della tassazione.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Credito d’imposta “affitti”, ok anche dopo il 30 giugno 2022

Con la risposta n. 426 del 12 agosto 2022, l’Agenzia delle entrate chiarisce che, al ricorrere dei requisiti richiesti dalla norma, per i periodi oggetto di agevolazione, è possibile fruire del credito per canoni di locazione ad uso non abitativo ed affitto d’azienda, con riferimento alle mensilità per cui i canoni risultino versati entro il 29 agosto 2022, in considerazione delle prospettabili difficoltà interpretative della misura di sostegno individuate in sede europea.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Investimenti pubblicitari, il bonus non ammette la presenza di “terzi”

Non sono agevolabili le spese per gli investimenti incrementali in campagne pubblicitarie effettuate sui mezzi di informazione (quotidiani, periodici ed emittenti televisive e radiofoniche locali) operate indirettamente, ossia tramite i servizi prestati da terzi.

torna all'inizio del contenuto