Normativa e prassi

31 Agosto 2021

Ampliamento spogliatoi dell’Asd: Superbonus solo per la parte esistente

Un’associazione sportiva dilettantistica iscritta al Coni gestisce un impianto sportivo in un edificio di proprietà del Comune e ha avviato un progetto di miglioramento delle prestazioni energetiche e sismiche con aumento di volumetria. Per i lavori di rifacimento degli spogliatoi già presenti con riallocazione di una parte degli stessi nell’ampliamento previsto, l’Asd potrà fruire del Superbonus limitatamente ai lavori di riqualificazione effettuati sulla metratura preesistente e non anche per la parte nuova. È uno dei chiarimenti forniti dall’Agenzia con la risposta n. 567 del 30 agosto 2021.

Riguardo agli interventi di recupero del patrimonio edilizio previsti dall’articolo 16-bis del Tuir, l’Agenzia, come ribadito anche nella circolare n. 7/2021, ricorda che se la ristrutturazione avviene senza demolizione dell’edificio esistente e con ampliamento dello stesso, la detrazione spetta solo per le spese riferibili alla parte esistente, in quanto l’ampliamento configura, comunque, una nuova costruzione esclusa dall’agevolazione.
In tale caso, il contribuente ha l’onere di mantenere distinte, in termini di fatturazione, l’intervento di ristrutturazione da quello di ampliamento. In alternativa, deve essere in possesso di un’apposita attestazione che indichi gli importi riferibili a ciascuna tipologia di intervento, rilasciata dall’impresa di costruzione o dal direttore dei lavori sotto la propria responsabilità. Resta fermo che il Superbonus si applica a condizione che i locali adibiti a spogliatoi, prima dell’intervento, siano dotati di impianto di climatizzazione invernale.

Con specifico riferimento all’Ape ante e post intervento, considerato che lo spogliatoio non costituisce unità autonoma, l’Agenzia ritiene che tale certificazione debba riguardare l’intero immobile esistente e non solo i locali adibiti a spogliatoio.

L’Agenzia chiarisce, inoltre, che in presenza di un contributo pubblico percepito dall’Asd, come riferito dall’istante, se tale somma è stata utilizzata anche per gli interventi nei locali adibiti a spogliatoi, dovrà essere detratta dalle spese che possono accedere al Superbonus qualora non concorra alla formazione del reddito dell’istante.

Riguardo la possibilità di presentare l’asseverazione antisismica prima della fine lavori, l’Agenzia ritiene il problema superato dal momento che gli interventi antisismici non sono agevolabili.

Condividi su:
Ampliamento spogliatoi dell’Asd: Superbonus solo per la parte esistente

Ultimi articoli

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

L’assembla condominiale approva: Superbonus a chi si accolla le spese

Se l’assemblea approva, le spese per gli interventi effettuati sulle parti comuni del “condominio misto”, che ospita alloggi di privati e di una Pa, potranno essere sostenute dai condomini interessati che in sede assembleare, esprimendo parere favorevole, manifestano l’intenzione di accollarsi l’intero importo e che beneficeranno della detrazione al 110 per cento.

Attualità 22 Settembre 2021

Spese sanitarie 1° semestre 2021, comunicazioni entro il 30 settembre

Non sono ancora scaduti i termini per la presentazione dei redditi relativa al 2020 che già si riaccendono i motori per predisporre la precompilata 2022.

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

Aliquota Imu all’11,4%, anche senza delibera 2021

Se la maggiorazione dell’aliquota Imu dello 0,08% è stata espressamente confermata dalle delibere consiliari ininterrottamente dal 2015 al 2019, in qualità di maggiorazione Tasi, e per il 2021 il Comune non ha adottato alcuna deliberazione in materia, vengono convalidate automaticamente tutte le aliquote approvate per il 2020, compresa anche quella maggiorata dell’1,14%, risultante dall’applicazione della maggiorazione dello 0,08 per cento.

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

Flusso telematico delle delibere, dal Df chiarimenti sul timing

Con la risoluzione n.7/DF del 21 settembre 2021, il dipartimento delle Finanze fornisce chiarimenti in tema di decorrenza dell’obbligo di utilizzare il formato elettronico individuato dal decreto interministeriale del 20 luglio 2021, ai fini della trasmissione telematica al ministero dell’Economia e delle Finanze delle delibere regolamentari e tariffarie relative alle entrate tributarie dei comuni, delle province e delle città metropolitane (vedi articolo “Invio telematico delle delibere, in un decreto le specifiche tecniche”).

torna all'inizio del contenuto