Attualità

5 Agosto 2021

I nuovi servizi online dell’Agenzia, in un flyer tutte le informazioni

Disponibili in un flyer nuovo di zecca “Consegna documenti e Richiesta certificati di attribuzione codice fiscale e partita Iva”, online nella sezione del sito istituzionale “Depliant e infografica”, le informazioni essenziali per accedere ai due nuovi servizi web dell’Agenzia delle entrate. Le funzionalità sono disponibili all’interno dell’area riservata, basta seguire il percorso “Servizi > Istanze > Istanze e certificati”.

Vediamo di cosa si tratta.

Consegna documenti e istanze
Il nuovo servizio web, semplice e intuitivo, consente agli utenti abilitati di consegnare documenti e istanze in modalità telematica e ottenere la ricevuta di protocollazione, senza doversi recare fisicamente allo sportello.
Il servizio “Consegna documenti e istanze” può essere utilizzato in tutti quei casi in cui la normativa o i provvedimenti del direttore dell’Agenzia delle entrate non prevedono una specifica modalità di presentazione, trasmissione o comunicazione, sia per consegnare documentazione su richiesta dell’Agenzia, sia per consegnare istanze di propria iniziativa.

La funzionalità non si può utilizzare, ad esempio, per:
– conferire la delega di accesso al Cassetto fiscale o all’utilizzo dei servizi di fatturazione elettronica
– comunicare l’Iban per l’accredito dei rimborsi fiscali o dei contributi a fondo perduto
– presentare istanza di interpello.
Prima di accedere, è bene verificare se esiste già un’apposita funzionalità telematica per usufruire del servizio che interessa.

Può richiedere il servizio chi possiede una delle credenziali di accesso all’area riservata del sito dell’Agenzia per fruire dei servizi telematici: Spid (Sistema per l’identità digitale), CIE (Carta d’identità elettronica), CNS (Carta nazionale dei servizi) o Fisconline/Entratel, fino a quando saranno utilizzabili.

Inoltre, è possibile consegnare documenti anche per conto di un’altra persona, o meglio:
– se si accede per conto del coniuge, di un parente o di un affine, bisogna compilare e firmare una dichiarazione sostitutiva (da allegare nella sezione “Upload” insieme alla procura compilata e firmata)
– se si accede come “erede o tutore”, va compilata, firmata e allegata, nella sezione “Upload”, la specifica dichiarazione sostitutiva
– se si accede come “delegato”, è necessario allegare, nella sezione “Upload”, la procura compilata e firmata.
Ciascuno dei file da allegare non può avere dimensioni superiori a 20 mb.
In caso di esito positivo dell’invio, l’utente riceve, tramite sms o e-mail, una “ricevuta di consegna” con il numero di protocollo. In caso di esito negativo riceve, invece, una “ricevuta di scarto”, sempre tramite sms o e-mail.

Richiesta certificati di attribuzione codice fiscale e partita Iva
Senza bisogno di recarsi in ufficio, all’interno dell’area riservata, nella nuova sezione web “Certificati”, l’utente abilitato, in possesso di credenziali Spid, Cie o Cns, può richiedere il certificato di attribuzione del codice fiscale e della partita Iva.
I certificati attestano l’esistenza di un codice fiscale o di una partita Iva e i dati anagrafici associati registrati in Anagrafe Tributaria.
Attraverso la nuova funzionalità vengono rilasciati in pochi minuti, sia in formato originale che in copia conforme, da stampare o esibire e conservare.

Condividi su:
I nuovi servizi online dell’Agenzia, in un flyer tutte le informazioni

Ultimi articoli

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

L’assembla condominiale approva: Superbonus a chi si accolla le spese

Se l’assemblea approva, le spese per gli interventi effettuati sulle parti comuni del “condominio misto”, che ospita alloggi di privati e di una Pa, potranno essere sostenute dai condomini interessati che in sede assembleare, esprimendo parere favorevole, manifestano l’intenzione di accollarsi l’intero importo e che beneficeranno della detrazione al 110 per cento.

Attualità 22 Settembre 2021

Spese sanitarie 1° semestre 2021, comunicazioni entro il 30 settembre

Non sono ancora scaduti i termini per la presentazione dei redditi relativa al 2020 che già si riaccendono i motori per predisporre la precompilata 2022.

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

Aliquota Imu all’11,4%, anche senza delibera 2021

Se la maggiorazione dell’aliquota Imu dello 0,08% è stata espressamente confermata dalle delibere consiliari ininterrottamente dal 2015 al 2019, in qualità di maggiorazione Tasi, e per il 2021 il Comune non ha adottato alcuna deliberazione in materia, vengono convalidate automaticamente tutte le aliquote approvate per il 2020, compresa anche quella maggiorata dell’1,14%, risultante dall’applicazione della maggiorazione dello 0,08 per cento.

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

Flusso telematico delle delibere, dal Df chiarimenti sul timing

Con la risoluzione n.7/DF del 21 settembre 2021, il dipartimento delle Finanze fornisce chiarimenti in tema di decorrenza dell’obbligo di utilizzare il formato elettronico individuato dal decreto interministeriale del 20 luglio 2021, ai fini della trasmissione telematica al ministero dell’Economia e delle Finanze delle delibere regolamentari e tariffarie relative alle entrate tributarie dei comuni, delle province e delle città metropolitane (vedi articolo “Invio telematico delle delibere, in un decreto le specifiche tecniche”).

torna all'inizio del contenuto