Dati e statistiche

5 Agosto 2021

Entrate tributarie: 213,3 miliardi è il gettito dei primi sei mesi 2021

Ancora un incremento per le entrate tributarie erariali accertate nel periodo gennaio-giugno 2021, che ammontano a 213.379 milioni di euro, con 27.075 milioni di euro in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (+14,5%). In particolare, il mese di giugno mostra una variazione positiva delle entrate tributarie pari a 7.139 milioni di euro (+19,5%), determinata dall’incremento di gettito delle imposte dirette (+11,5%, pari a 2.800 milioni di euro) e delle imposte indirette (+35,5%, pari a 4,339 milioni di euro). In sintesi, è quanto si legge nell’analisi elaborata dal dipartimento delle Finanze del Mef, con il consueto Bollettino pubblicato online, insieme alla relativa Nota tecnica e alle Appendici statistiche.
In ogni caso, ricorda il Mef, il confronto con il corrispondente periodo dell’anno precedente continua a essere influenzato dal fatto che, nello stesso arco temporale, nel 2020, era in vigore il lockdown, con le conseguenti misure economiche dirette ad affrontare l’emergenza sanitaria. Inoltre, i provvedimenti di sospensione e proroga dei versamenti di tributi erariali, emanati nel corso dell’ultimo trimestre del 2020, hanno influenzato anche il gettito relativo ai primi sei mesi del 2021, modificando il profilo temporale dei versamenti delle imposte.

Imposte dirette
Nei primi sei mesi del 2021 le imposte dirette ammontano a 117.916 milioni di euro, con un rialzo di 9.474 milioni di euro (+8,7%). Il gettito Irpef è pari a 95.589 milioni di euro, con una crescita di 7.145 milioni di euro (+8,1%), riconducibile anche all’andamento delle ritenute effettuate sui redditi dei dipendenti del settore pubblico (+823 milioni di euro, +2%) e delle ritenute dei lavoratori autonomi (+755 milioni di euro, +14,4%).
Trend positivo anche per le ritenute sui redditi dei dipendenti del settore privato (+ 4.283 milioni di euro, +11,1%), il cui gettito ha beneficiato della proroga disposta dal decreto “Ristori” a favore dei sostituti d’imposta che, a decorrere dal mese di marzo 2021, hanno provveduto al versamento delle ritenute alla fonte sui redditi di lavoro dipendente e assimilati e su indennità di cessazione del rapporto di collaborazione a progetto corrisposti negli ultimi tre mesi del 2020.
Il report segnala gli incrementi dell’imposta sostitutiva sui redditi, delle ritenute sugli interessi e altri redditi di capitale (+660 milioni di euro, +13,8%) e delle ritenute sugli utili distribuiti dalle persone giuridiche (+421 milioni di euro, +63,6%).
L’Ires si attesta a 8.242 milioni di euro (+3,6%).

Imposte indirette
Ammontano a 95.463 milioni di euro, in aumento di 17.601 milioni di euro (+22,6%), per effetto prevalentemente del gettito Iva (+13.650 milioni di euro, +28,5%) e, in particolare, l’Iva sugli scambi interni (+12.082 milioni di euro, +28,2%). Anche la parte delle importazioni ha segnato un aumento di gettito del 30,8%(+1.568 milioni di euro).
L’imposta di registro ha evidenziato una crescita di 871 milioni di euro (+49,7%).
Tra le altre imposte indirette, invece, segno meno per le entrate dell’imposta sulle assicurazioni (-81 milioni di euro, -17,1%) e quelle dell’imposta di bollo (-20 milioni di euro, -0,6%).

Entrate da giochi e da accentramento e controllo
Le entrate relative ai “giochi” ammontano a 5.278 milioni di euro (+787 milioni di euro, +17,5%), quelle derivanti da attività di accertamento e controllo si sono attestate a 3.559 milioni di euro (–13,7%) di cui 1.720 milioni di euro (–9,2%) sono affluiti dalle imposte dirette e 1.839 milioni di euro (–17,6%) dalle imposte indirette.

Condividi su:
Entrate tributarie: 213,3 miliardi è il gettito dei primi sei mesi 2021

Ultimi articoli

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Rilascio obbligatorio delle frequenze, l’indennizzo è contributo in c/capitale

Con la risposta n. 427 del 12 agosto 2022, l’Agenzia chiarisce che il contributo percepito nell’anno corrente dalla società e previsto ex lege per la rottamazione obbligatoria delle frequenze inerenti al servizio televisivo digitale terrestre va qualificato come sopravvenienza attiva e, essendo ricompreso nell’articolo 88, comma 3, lettera b) del Tuir, concorre alla determinazione del reddito nell’esercizio in cui è stato incassato e nei successivi, ma non oltre il quarto.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Il riaddebito del Bollo al cliente è parte integrante del compenso

L’imposta di bollo addebitata in fattura è assimilabile ai ricavi e ai compensi e concorre alla determinazione forfettaria del reddito soggetto a imposta sostitutiva ed è, quindi, rilevante ai fini della tassazione.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Credito d’imposta “affitti”, ok anche dopo il 30 giugno 2022

Con la risposta n. 426 del 12 agosto 2022, l’Agenzia delle entrate chiarisce che, al ricorrere dei requisiti richiesti dalla norma, per i periodi oggetto di agevolazione, è possibile fruire del credito per canoni di locazione ad uso non abitativo ed affitto d’azienda, con riferimento alle mensilità per cui i canoni risultino versati entro il 29 agosto 2022, in considerazione delle prospettabili difficoltà interpretative della misura di sostegno individuate in sede europea.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Investimenti pubblicitari, il bonus non ammette la presenza di “terzi”

Non sono agevolabili le spese per gli investimenti incrementali in campagne pubblicitarie effettuate sui mezzi di informazione (quotidiani, periodici ed emittenti televisive e radiofoniche locali) operate indirettamente, ossia tramite i servizi prestati da terzi.

torna all'inizio del contenuto