Normativa e prassi

7 Luglio 2021

Con l’F24 Elide, al mittente i cfp non spettanti, ecco i codici tributo

Dopo l’assegnazione a pioggia dei contributi a fondo perduto arrivati direttamente sui conti correnti degli operatori, sulla base di più misure messe in atto durante il periodo emergenziale, a cominciare dal decreto “Rilancio, a sostegno dei settori maggiormente danneggiati dall’emergenza Covid-19, è arrivato il momento di restituire le somme attribuite, in tutto o in parte, senza avere i requisiti previsti dai singoli provvedimenti agevolativi. In particolare, il comma 12, dell’articolo 25 del decreto “Rilancio”, prevede che l’Agenzia delle entrate provvede al recupero dell’indennizzo non spettante, irrogando le sanzioni e applicando gli interessi.
 
Chiamata in causa, con la risoluzione n. 45 del 7 luglio 2021, l’Agenzia istituisce i codici tributo per recuperare i contributi in questione. Arrivano in tre:

  • 7500” denominato “Recupero contributi a fondo perduto erogati dall’Agenzia delle entrate in relazione all’emergenza Covid-19 – contributo
  • 7501” denominato “Recupero contributi a fondo perduto erogati dall’Agenzia delle entrate in relazione all’emergenza Covid-19 – interessi
  • 7502” denominato “Recupero contributi a fondo perduto erogati dall’Agenzia delle entrate in relazione all’emergenza Covid-19 – sanzioni”. 

Devono essere dunque inseriti nel modello “F24 Versamenti con elementi identificativi” (F24 Elide), rispettivamente, per riversare il cfp ricevuto indebitamente e pagare i relativi interessi e sanzioni.
In sede di compilazione del modello nella sezione “Contribuente”, trovano posto i dati identificativi di chi versa. Nella sezione “Erario ed altro” vanno segnalati:

  • nei campi “codice ufficio”, “codice atto” e “anno di riferimento” (nel formato “AAAA”), i dati riportati nell’atto di recupero inviato dall’ufficio
  • nel campo “tipo”, la lettera “R”
  • nel campo “codice”, i codici tributo sopra indicati
  • nel campo “importi a debito versati”, l’importo dovuto. 

Il pagamento relativo alle spese di notifica è identificato con il codice tributo “A100” già esistente.

Condividi su:
Con l’F24 Elide, al mittente i cfp non spettanti, ecco i codici tributo

Ultimi articoli

Attualità 20 Ottobre 2021

Tax credit servizi digitali 2021, le domande da oggi, 20 ottobre

Al via da oggi, 20 ottobre, e fino alla mezzanotte del 20 novembre 2021 le domande al dipartimento per l’Informazione e l’Editoria per accedere al credito d’imposta riconosciuto alle imprese editrici di quotidiani e periodici per l’acquisizione di servizi digitali.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Il contratto non lascia dubbi è una permuta di beni pubblici

Il contratto di trasferimento di un immobile dal Demanio, che agisce per conto dello Stato, a un ente territoriale, in attuazione di un accordo di programma quadro, se contiene l’elenco dei beni immobili reciprocamente trasferiti con il relativo valore e presenta gli elementi tipici dell’operazione, può essere considerato una permuta di beni pubblici e beneficiare dei relativi regimi di favore previsti per le imposte di registro, ipo-catastali e bollo.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

I registratori di cassa telematici non sono “iperammortizzabili”

L’interconnessione dei registratori di cassa telematici con il sistema informativo aziendale non comporta, di per sé, l’automatico riconoscimento dell’agevolazione prevista dalla legge di bilancio 2017 (articolo 1, comma 9) e più volte prorogata (articolo 1, comma 30, Bilancio 2018 e articolo 1, comma 60, Bilancio 2019), meglio conosciuta come “iperammortamento”.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Bonus “Restauro” edifici storici, le istanze partono a febbraio 2022

È pari al 50% delle spese sostenute nel 2021 e 2022 il credito d’imposta previsto per la manutenzione, la protezione o il restauro degli immobili di interesse storico e artistico.

torna all'inizio del contenuto