Attualità

6 Luglio 2021

Educazione finanziaria, tutto pronto per presentare iniziative ed eventi

Si svolgerà dal 1° al 31 ottobre 2021 la quarta edizione di “Ottobre è il mese dell’educazione finanziaria”. Il Comitato che si occupa della programmazione e il coordinamento delle attività, presenterà, in tutta Italia, una serie di iniziative per promuovere lo sviluppo della cultura finanziaria, assicurativa e previdenziale. Sarà possibile assistere a conferenze, webinar, eventi culturali, seminari, spettacoli, giornate di gioco e formazione rivolte ad adulti, ragazzi e bambini, sia online che in presenza.

Il titolo dell’appuntamento di quest’anno è “Prenditi cura del tuo futuro, come dire, che occorre gettare le basi oggi per avere domani cittadini in grado di prendere con più consapevolezza in mano i propri interessi finanziari, assicurativi e previdenziali e gestire con maggiore sicurezza eventuali imprevisti.
La scorsa edizione, contrassegnata dall’emergenza Covid-19 e dalle possibili conseguenti scelte finanziarie, si è chiusa con successo, più di 600 gli eventi organizzati e significativa la partecipazione grazie anche agli accessi tramite modalità digitali.

Ed ora è tempo di presentare le candidature per l’edizione 2021. Il Comitato, con un comunicato diffuso oggi, 6 luglio 2021, invita associazioni, istituzioni, imprese, università e centri di ricerca, scuole, fondazioni, pubbliche amministrazioni e qualsiasi altra organizzazione, che voglia occuparsi di educazione finanziaria proponendo eventi di qualità, a presentare la propria candidatura entro il prossimo 24 settembre tramite l’apposito form disponibile sul portale del Comitato.

Per partecipare alla selezione le iniziative dovranno rispettare le condizioni previste dalla Linee guide che regolano il concorso.
Le organizzazioni aderenti all’evento potranno utilizzare il logo ufficiale del Mese e beneficiare delle attività di promozione a livello nazionale e locale curate dal Comitato. Le informazioni sulle singole iniziative saranno consultabili sul sito ufficiale www.quellocheconta.gov.it e sui profili social @ITAedufin su Facebook, Twitter, Instagram e @ComitatoEdufin su LinkedIn.

Il Comitato per la programmazione e il coordinamento delle attività di educazione finanziaria, diretto dalla professoressa Annamaria Lusardi, è composto da ministero dell’Economia e delle Finanze, ministero dell’Istruzione, ministero dello Sviluppo Economico, ministero del Lavoro, Banca d’Italia, Consob, Covip, Ivass, Ocf, Consiglio nazionale dei consumatori e degli utenti.

Condividi su:
Educazione finanziaria, tutto pronto per presentare iniziative ed eventi

Ultimi articoli

Attualità 20 Ottobre 2021

Tax credit servizi digitali 2021, le domande da oggi, 20 ottobre

Al via da oggi, 20 ottobre, e fino alla mezzanotte del 20 novembre 2021 le domande al dipartimento per l’Informazione e l’Editoria per accedere al credito d’imposta riconosciuto alle imprese editrici di quotidiani e periodici per l’acquisizione di servizi digitali.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Il contratto non lascia dubbi è una permuta di beni pubblici

Il contratto di trasferimento di un immobile dal Demanio, che agisce per conto dello Stato, a un ente territoriale, in attuazione di un accordo di programma quadro, se contiene l’elenco dei beni immobili reciprocamente trasferiti con il relativo valore e presenta gli elementi tipici dell’operazione, può essere considerato una permuta di beni pubblici e beneficiare dei relativi regimi di favore previsti per le imposte di registro, ipo-catastali e bollo.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

I registratori di cassa telematici non sono “iperammortizzabili”

L’interconnessione dei registratori di cassa telematici con il sistema informativo aziendale non comporta, di per sé, l’automatico riconoscimento dell’agevolazione prevista dalla legge di bilancio 2017 (articolo 1, comma 9) e più volte prorogata (articolo 1, comma 30, Bilancio 2018 e articolo 1, comma 60, Bilancio 2019), meglio conosciuta come “iperammortamento”.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Bonus “Restauro” edifici storici, le istanze partono a febbraio 2022

È pari al 50% delle spese sostenute nel 2021 e 2022 il credito d’imposta previsto per la manutenzione, la protezione o il restauro degli immobili di interesse storico e artistico.

torna all'inizio del contenuto