Normativa e prassi

2 Luglio 2021

Selezione di bovini per allevatori, non è attività agricola connessa

L’attività di selezione di bovini che un agricoltore effettua a favore di terzi, avvalendosi delle proprie conoscenze e competenze tecniche, non rientra fra le attività agricole connesse, indicate nell’articolo 2135 del codice civile, il cui reddito è determinato applicando il coefficiente di redditività del 25% previsto dall’articolo 56-bis, comma 3 del Tuir. L’istante, infatti, più che sfruttare la propria risorsa aziendale per fornire un servizio a terzi, svolge una vera e propria attività di  intermediazione a favore del fornitore di bovini. E’ il chiarimento fornito dall’Agenzia con la risposta n. 446/2021.

L’istante, un imprenditore agricolo che svolge principalmente attività di allevamento e ingrasso di bovini, riteneva che l’attività di selezione per allevatori terzi da lui svolta potesse essere compresa tra quelle “dirette alla fornitura di beni o servizi mediante l’utilizzazione prevalente di attrezzature o risorse dell’azienda normalmente impiegate nell’attività agricola esercitata” di cui all’articolo 2135, comma 3, del codice civile e che, di conseguenza, potesse fruire del ridotto coefficiente di redditività.

L’Agenzia ricorda che in base all’articolo 2135 del codice civile, “E’ imprenditore agricolo chi esercita una delle seguenti attività: coltivazione del fondo, silvicoltura, allevamento di animali e attività agricole connesse”. Le attività connesse, secondo le previsioni dell’articolo 2134 comma 3 del codice civile sono quelle esercitate dal medesimo imprenditore agricolo finalizzate alla  fornitura di beni o servizi mediante l’utilizzazione prevalente di attrezzature o risorse dell’azienda normalmente impiegate nell’attività agricola esercitata, incluse quelle di valorizzazione del territorio e quelle relative alla ricezione e ospitalità.

Anche la circolare n. 44/2002 è intervenuta a chiarire la definizione di requisito soggettivo e oggettivo stabilendo che:

  • l’imprenditore che svolge tali attività deve essere lo stesso soggetto imprenditore agricolo che esercita la coltivazione del fondo o l’allevamento di animali (requisito soggettivo)
  • i prodotti dell’attività dell’imprenditore devono provenire “prevalentemente” dal lavoro di coltivazione del fondo, del bosco o dall’allevamento (requisito oggettivo)

Nel caso in esame, tuttavia, l’Agenzia non ravvede l’esistenza di entrambi i requisiti.

Pur essendo soddisfatto il requisito soggettivo, trattandosi di un unico l’imprenditore agricolo, manca il requisito oggettivo, cioè la circostanza che l’attività connessa venga svolta sfruttando una propria risorsa aziendale rappresentata dalle conoscenze tecniche acquisite per fornire un servizio ad altri allevatori a fronte di un compenso.

Nel caso in esame, secondo l’Agenzia, si tratta piuttosto di un’attività di intermediazione a favore del fornitore di bovini, dal quale riceve il compenso, proponendo ad altri allevatori i capi di bestiame dallo stesso commercializzati. Questo tipo di attività, in conclusione, non può essere considerata “connessa” a quella principale e di conseguenza il reddito non potrà fruire del coefficiente di redditività al 25%, come previsto dall’articolo 56-bis, comma 3, del Tuir.

Condividi su:
Selezione di bovini per allevatori, non è attività agricola connessa

Ultimi articoli

Attualità 20 Ottobre 2021

Tax credit servizi digitali 2021, le domande da oggi, 20 ottobre

Al via da oggi, 20 ottobre, e fino alla mezzanotte del 20 novembre 2021 le domande al dipartimento per l’Informazione e l’Editoria per accedere al credito d’imposta riconosciuto alle imprese editrici di quotidiani e periodici per l’acquisizione di servizi digitali.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Il contratto non lascia dubbi è una permuta di beni pubblici

Il contratto di trasferimento di un immobile dal Demanio, che agisce per conto dello Stato, a un ente territoriale, in attuazione di un accordo di programma quadro, se contiene l’elenco dei beni immobili reciprocamente trasferiti con il relativo valore e presenta gli elementi tipici dell’operazione, può essere considerato una permuta di beni pubblici e beneficiare dei relativi regimi di favore previsti per le imposte di registro, ipo-catastali e bollo.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

I registratori di cassa telematici non sono “iperammortizzabili”

L’interconnessione dei registratori di cassa telematici con il sistema informativo aziendale non comporta, di per sé, l’automatico riconoscimento dell’agevolazione prevista dalla legge di bilancio 2017 (articolo 1, comma 9) e più volte prorogata (articolo 1, comma 30, Bilancio 2018 e articolo 1, comma 60, Bilancio 2019), meglio conosciuta come “iperammortamento”.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Bonus “Restauro” edifici storici, le istanze partono a febbraio 2022

È pari al 50% delle spese sostenute nel 2021 e 2022 il credito d’imposta previsto per la manutenzione, la protezione o il restauro degli immobili di interesse storico e artistico.

torna all'inizio del contenuto