Normativa e prassi

1 Luglio 2021

Deposito telematico del lodo, il Bollo virtuale o in contrassegno

Con la risposta alla consulenza giuridica n. 9 del 1° luglio 2021 l’Agenzia chiarisce che per il deposito telematico del lodo l’imposta di bollo può essere assolta tramite modalità virtuale o contrassegno telematico, secondo quanto stabilito dall’articolo 3 del Dpr n. 642/1972, ma non mediante modello di versamento F24, previsto esclusivamente per libri, registri e altri documenti rilevanti ai fini tributari.
Il quesito, nello specifico, è sollevato da un’autorità che, in omaggio a quanto disposto dall’articolo 209, comma 13 del Codice dei contratti pubblici, che recita “Il deposito del lodo presso la camera arbitrale è effettuato, a cura del collegio arbitrale, in tanti originali quante sono le parti, oltre a uno per il fascicolo d’ufficio ovvero con modalità informatiche e telematiche determinate dall’autorità”, ha adottato la delibera n. 48/2019 per fornire istruzioni per la formazione e il deposito telematico del lodo, indicazioni per le modalità di assolvimento dell’imposta di bollo. La delibera stabilisce che per il deposito telematico del lodo “L’imposta di bollo dovrà essere assolta in modo virtuale, in applicazione dell’art.15 del d.P.R. n. 642/1972 e secondo le modalità attuative previste dai vigenti provvedimenti dell’Agenzia delle Entrate (attualmente Risoluzione 12/E del 3 febbraio2015 e Circolare 16/E del 14 aprile 2015). In particolare, dovranno essere riportati sul documento la modalità di assolvimento virtuale dell’imposta di bollo e gli estremi dell’autorizzazione rilasciata dalla Direzione dell’Agenzia delle Entrate territorialmente competente”.
Tuttavia, precisa l’istante, si sono verificate problematiche riguardo l’assolvimento del Bollo in modo virtuale, poiché, a suo parere, la procedura delineata dall’articolo 15 del Dpr n. 642/1972 è complicata, in quanto è pensata per contribuenti che emettono un numero elevato di atti all’anno, tra i quali non possono ricomprendersi gli arbitri.
Per questa ragione, chiede all’Agenzia se per il deposito telematico del lodo l’imposta di bollo può essere assolta in alternativa alla modalità del contrassegno telematico o alla modalità virtuale stabilita dal predetto articolo 15, mediante l’utilizzo del modello di versamento F24, con indicazione del codice tributo dedicato.

L’Agenzia risponde di no, in quanto il lodo arbitrale non è uno dei documenti ricompresi nella norma di riferimento. A sostegno del suo parere, infatti, l’amministrazione finanziari ricorda che la possibilità di versare il Bollo mediante F24, con modalità esclusivamente telematica utilizzando il codice tributo 2501 istituito con la risoluzione n. 106/2014, è prevista solo per la casistica elencata dal Dm 17 giugno 2014, che disciplina le modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici rilevanti ai fini delle disposizioni tributarie. L’Agenzia precisa che per documenti informatici fiscalmente rilevanti, ai fini dell’applicazione dell’imposta di bollo nei modi previsti dal Dm, devono intendersi i libri e registri di cui all’articolo 16,lettera a), della tariffa, parte prima, allegata al Dpr n. 642/1972 e le fatture, note e simili di cui all’articolo 13, comma 1, della tariffa, parte prima, allegata al Dpr (cfr. risoluzione n. 43/2015).

Dunque, l’Agenzia ritiene per il deposito telematico del lodo, l’imposta di bollo può essere assolta secondo l’articolo 3 del Dpr n. 642/1972, cioè tramite il contrassegno telematico o secondo la modalità virtuale.
Al riguardo, l’amministrazione ricorda che l’articolo 20, comma 1, della tariffa, parte prima, allegata al Dpr stabilisce che è dovuta l’imposta di bollo, fin dall’origine, nella misura di 16 euro, per ogni foglio, per atti e provvedimenti dei procedimenti arbitrali. L’imposta viene corrisposta:
a) mediante pagamento dell’imposta ad intermediario convenzionato con l’Agenzia delle entrate, il quale rilascia, con modalità telematiche, apposito contrassegno
b) in modo virtuale, mediante pagamento dell’imposta all’ufficio dell’Entrate o ad altri uffici autorizzati o mediante versamento in conto corrente postale.

Se l’utente assolve il Bollo in modo virtuale, deve presentare agli uffici dell’Agenzia delle entrate territorialmente competenti apposita richiesta di autorizzazione, ponendo in essere gli adempimenti richiesti dall’articolo 15 del Dpr n. 642/1972. Se invece non intende adottare la modalità virtuale, l’imposta di bollo deve essere assolta mediante versamento a un intermediario convenzionato con l’Agenzia delle entrate, che rilascia l’apposito contrassegno. L’utente che assolve l’imposta mediante contrassegno, può provare l’assolvimento dell’imposta indicando nel documento inviato il codice numerico composto da 14 cifre rilevabili dal contrassegno telematico rilasciato dall’intermediario. Sara sua cura conservare il contrassegno utilizzato, entro il termine di decadenza triennale previsto per l’accertamento dall’ articolo 37 del Dpr n. 642/1972.

Condividi su:
Deposito telematico del lodo, il Bollo virtuale o in contrassegno

Ultimi articoli

Attualità 20 Ottobre 2021

Tax credit servizi digitali 2021, le domande da oggi, 20 ottobre

Al via da oggi, 20 ottobre, e fino alla mezzanotte del 20 novembre 2021 le domande al dipartimento per l’Informazione e l’Editoria per accedere al credito d’imposta riconosciuto alle imprese editrici di quotidiani e periodici per l’acquisizione di servizi digitali.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Il contratto non lascia dubbi è una permuta di beni pubblici

Il contratto di trasferimento di un immobile dal Demanio, che agisce per conto dello Stato, a un ente territoriale, in attuazione di un accordo di programma quadro, se contiene l’elenco dei beni immobili reciprocamente trasferiti con il relativo valore e presenta gli elementi tipici dell’operazione, può essere considerato una permuta di beni pubblici e beneficiare dei relativi regimi di favore previsti per le imposte di registro, ipo-catastali e bollo.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

I registratori di cassa telematici non sono “iperammortizzabili”

L’interconnessione dei registratori di cassa telematici con il sistema informativo aziendale non comporta, di per sé, l’automatico riconoscimento dell’agevolazione prevista dalla legge di bilancio 2017 (articolo 1, comma 9) e più volte prorogata (articolo 1, comma 30, Bilancio 2018 e articolo 1, comma 60, Bilancio 2019), meglio conosciuta come “iperammortamento”.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Bonus “Restauro” edifici storici, le istanze partono a febbraio 2022

È pari al 50% delle spese sostenute nel 2021 e 2022 il credito d’imposta previsto per la manutenzione, la protezione o il restauro degli immobili di interesse storico e artistico.

torna all'inizio del contenuto