Normativa e prassi

18 Giugno 2021

Navi da crociera in rada, rifornimento senza accise

Niente accise sui rifornimenti di prodotti energetici utilizzati come carburanti dalle navi da crociera ferme per le misure adottate a contrasto della pandemia, fino alla cessazione dello stato di emergenza. Questa la decisione adottata dall’Agenzia delle dogane e dei monopoli con la circolare n. 20/2021, a sostegno delle grandi imprese fortemente penalizzate dalla pandemia. Le imbarcazioni, specifica l’Adm con il documento di prassi sollecitato dalle richieste presentate dai principali operatori e dalle relative associazioni di categoria, hanno infatti mantenuto la propria operatività garantendo le condizioni di navigabilità come richiesto dalle disposizioni impartite dalla pubblica autorità.

La circolare si riferisce alle navi destinatarie di misure contenitive emesse nell’ambito dell’emergenza epidemiologica, che ne hanno provocato la sosta forzosa in rada o nei porti dello Stato limitandone gli spostamenti a brevi tragitti, percorsi soprattutto ai fini manutentivi nelle acque marine dell’Unione europea. Le misure indicate dall’Agenzia tengono conto della conservazione dell’operatività di questi natanti che, tra l’altro, sia pure in un contesto di necessità, hanno mantenuto in servizio l’intero equipaggio.

Considerato il quadro descritto, gli approvvigionamenti dei prodotti energetici utilizzati dalle navi da crociera vanno considerati strumentali a consentire il funzionamento delle navi e degli strumenti tecnologici a loro necessari per il mantenimento dell’operatività, anche durante lo stazionamento. I carburanti, infatti, sono considerati direttamente collegati all’esecuzione delle operazioni predisposte all’immediata ripresa della navigazione, al momento del ritorno alla normalità.

Alla luce delle considerazioni effettuate, per i rifornimenti della navi da crociera costrette alla sosta forzosa a causa della pandemia, rimaste armate di equipaggio nelle località portuali, in condizioni di pronta navigazione, sono validi i presupposti per l’applicazione dell’esenzione dalle accise, come disposto dalla Tabella A allegata al Testo unico delle imposte sulla produzione e sui consumi (Dlgs n. 504/1995).

Per la corretta fruizione dell’esenzione, specifica infine il documento di prassi, sono valide le procedure fissate dal Dm n. 225/2015, dalle determinazioni direttoriali scaturite dallo stesso decreto ministeriale, in particolare dalla n. 30354/RU del 2018 e le istruzioni operative che saranno diffuse dall’Agenzia.

Condividi su:
Navi da crociera in rada, rifornimento senza accise

Ultimi articoli

Normativa e prassi 27 Luglio 2021

Contributo a fondo perduto Dl Agosto, stabilita la percentuale per calcolarlo

Con il provvedimento del 27 luglio 2021, firmato dal direttore dell’Agenzia, Ernesto Maria Ruffini, è stata definita la percentuale da moltiplicare al contributo a fondo perduto concesso dal Dl “Agosto” a chi non aveva presentato la domanda ai tempi del “Rilancio” e ha sfruttato la seconda finestra per richiederlo.

Normativa e prassi 27 Luglio 2021

Superbonus ok per spogliatoio di palestra comunale concessa ad Asd

Gli interventi di riqualificazione energetica attuati da una associazione sportiva dilettantistica sulla palestra della scuola media data in concessione dal Comune, in virtù di una convenzione in vigore dal 1° settembre 2020, usufruiscono delle agevolazioni fiscali previste dal Superbonus per i soli locali degli spogliatoi.

Normativa e prassi 27 Luglio 2021

Classificazione zona sismica, occhio agli aggiornamenti

Ai fini dell’accesso alle detrazioni previste decreto Rilancio per i lavori antisismici bisogna basarsi sulla tabella indicata dalla circolare n.

Normativa e prassi 27 Luglio 2021

Superbonus all’usufruttario estero, anche con casa segregata in un trust

Via libera al Superbonus per l’usufruttuario estero di un’unità abitativa residenziale, sulla quale sosterrà spese relative a interventi antisismici e di riqualificazione energetica.

torna all'inizio del contenuto