Attualità

10 Giugno 2021

Commercialisti, via web le procure dei clienti per l’assistenza fiscale

Rapporti semplificati tra commercialisti e Fisco grazie all’accordo siglato lo scorso 8 giugno tra Agenzia delle entrate e Cndcec, che integra la convenzione del 30 maggio 2019. A comunicarlo la nota diffusa ieri dal Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili. Le nuove procedure sono attivate sulla base delle indicazioni contenute nel provvedimento delle Entrate dello scorso 27 gennaio (vedi “Movimenti negli albi professionali: nuove modalità per comunicarli”).

In concreto, gli Ordini territoriali non dovranno più trasmettere all’Anagrafe tributaria iscrizioni, variazioni e cancellazioni (articolo 7, comma 3, Dpr n. 605/1973) relative agli albi da essi gestiti, relative all’anno precedente, perché ci penserà direttamente il Consiglio nazionale dei commercialisti. L’adempimento è considerato, infatti assolto nell’ambito degli scambi informativi tra Cndcec e Agenzia. Da quest’anno, quindi, non sarà più necessario, predisporre e inviare il file tramite il programma “ORDINI 2.0” e il desktop telematico del sito dell’Agenzia perché a trasmettere i dati sulle variazioni provvederà direttamente il Consiglio nazionale, attraverso l’Albo unico nazionale, utilizzando il tracciato informatico concordato con il Fisco nella suddetta convenzione.
Il flusso informativo riguardante la situazione fino al 31 dicembre 2020 avverrà entro oggi, 10 giugno, tramite scambio di Pec tra Consiglio nazionale ed Entrate. Stesso termine e stesse modalità anche per comunicare gli aggiornamenti sullo stato degli iscritti ed eventuali variazioni avvenute tra il 1° gennaio e l’11 giugno di quest’anno. A regime, la trasmissione avverrà con cadenza settimanale e riporterà le informazioni aggiornate alla data dell’invio. Ai fini dell’adempimento previsto dal richiamato articolo 7 del Dpr n. 605/1973, sono considerate le comunicazioni effettuate tra il 1° gennaio di ogni anno fino al 30 giugno dell’anno successivo.

Un’altra importante semplificazione prevista dall’accordo riguarda gli iscritti agli Ordini dei dottori commercialisti e degli esperti contabili che potranno comunicare i dati sulle procure per lo svolgimento delle attività di rappresentanza o assistenza del proprio cliente presso gli uffici dell’Agenzia, attraverso il nuovo servizio web “Gestione Procure”.
L’applicazione, ancora in fase di sperimentazione, sarà accessibile soltanto per i professionisti iscritti all’albo. Nello specifico il Cndcec è il responsabile per la corretta trasmissione delle informazioni disponibili inviate settimanalmente mentre spetta ai singoli Ordini territoriali la responsabilità della completezza e correttezza degli stessi dati.
Il Consiglio specifica che la mancata acquisizione delle informazioni su uno o più iscritti, per più di 4 invii consecutivi, comporterà l’aggiornamento automatico dello stato dell’iscritto a “cancellato” e, di conseguenza, precluderà l’accesso al servizio web “Gestione Procure” e comporterà l’inefficacia delle procure già trasmesse con tale servizio, fino alla trasmissione di successive comunicazioni di rettifica.
Nel caso di mancata trasmissione e di non superamento dei controlli sui file riguardanti i dati relativi agli iscritti all’albo, il Consiglio nazionale riceverà, dal sistema messo a punto dalle Entrate, una notifica di scarto della posizione. A sua volta, il Consiglio allerterà gli ordini territoriali con lo scopo di rettificare la posizione di non conformità, operazione che dovrà essere eseguito attraverso il portale web nazionale dei commercialisti.

Tuttavia, trattandosi di una procedura ancora in fase di rodaggio, fino al 30 settembre 2021 l’Agenzia delle entrate non procederà all’aggiornamento automatico dello stato dell’iscritto a “cancellato” per difetto di trasmissione o non superamento delle verifiche.

Condividi su:
Commercialisti, via web le procure dei clienti per l’assistenza fiscale

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Tax credit investimenti Mezzogiorno, un pro-rata pari a zero alza la misura

La società che ha acquistato, dal 2017 al 2020, attrezzature e impianti strumentali per la propria attività, beneficiando del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno (commi da 98 a 108, legge n.

Analisi e commenti 23 Giugno 2021

Regimi speciali Iva Oss e Ioss – 3 Moss non Ue apre a tutti i servizi

Dal 1° luglio, l’attuale sistema del Mini one stop shop, regime non Ue applicabile ai soggetti passivi non stabiliti nell’Unione europea, che forniscono servizi TTE, verrà ampliato a tutte le prestazioni, territorialmente rilevanti ai fini Iva in uno Stato membro, fornite a consumatori finali.

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Esenzione Irap da “Rilancio” per la società costituita nel 2019

La società nata il 1° ottobre 2019, che ha stabilito una durata di 15 mesi per il primo esercizio sociale, con primo esercizio “a cavallo” (dalla costituzione al 31 dicembre 2020), non deve effettuare i versamenti dell’Irap in scadenza a giugno 2021, ossia il versamento del saldo relativo al periodo d’imposta 1° ottobre 2019 – 31 dicembre 2020 e la prima rata di acconto relativo al periodo d’imposta 1° gennaio 2021 – 31 dicembre 2021.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

“Legge Antispreco”, i chiarimenti sui beni non più commercializzabili

Nell’ambito dei beni ceduti per finalità solidaristiche e ambientali la presenza di imperfezioni, alterazioni, danni o vizi dei prodotti tali da non modificarne l’idoneità all’utilizzo o altri motivi similari, non si riferisce alla locuzione “non più commercializzati”, ma solo all’espressione “non idonei alla commercializzazione”.

torna all'inizio del contenuto