Normativa e prassi

25 Maggio 2021

Vecchie perdite da gestione marchi ammesse al recapture da patent box

L’impresa che ha sottoscritto nel 2019 un accordo preventivo con l’Agenzia per accedere alle agevolazioni “patent box”, la quale constata che, nel periodo d’imposta 2015, lo sfruttamento economico del marchio storico ha generato una perdita, può rinviare gli effetti positivi dell’opzione agli esercizi in cui lo stesso bene sarà produttivo di reddito. Con la risposta n. 374 del 25 maggio 2021, l’Agenzia delle entrate fuga il dubbio della società istante che, tra le indicazioni fornite dalla circolare n. 11/2016 riguardo a tale possibilità, non trova il nesso con la gestione dei “marchi storici”, i cui costi di valorizzazione risalgono a esercizi pregressi. La circolare, infatti, si riferisce specificamente ai costi derivanti da attività di ricerca e sviluppo in senso stretto e non alle spese ricorrenti per il deposito, la protezione dei marchi, le consulenze legali per contrastare le opposizioni alla registrazione in alcuni Stati, il conseguimento di certificazioni, secondo la normativa dei nuovi mercati e la partecipazione a eventi fieristici.

Il percorso argomentativo dell’Amministrazione si fonda, come di consueto, sul riepilogo cronologico delle disposizioni riguardanti il regime agevolato, vale a dire la norma introduttiva (articolo 1, commi da 37 a 45, legge n. 190/2014, la Stabilità 2015), quelle modificative (articoli 56, Dl n. 50/2017 e 4, Dl. n. 34/2019 “decreto Crescita”) e quelle attuative (Dm del 30 luglio 2015 e del 28 novembre 2017 e provvedimenti del direttore dell’Agenzia del 10 novembre 2015; 1° dicembre 2015; 23 marzo 2016; 6 maggio 2016, 27 giugno 2016 e 30 luglio 2019). Una moltitudine di disposizioni che hanno reso necessari opportuni chiarimenti arrivati, tra l’altro, con le circolari n. 36/2015 e n. 11/2016.

Nell’ambito della ricognizione, l’Agenzia evidenzia che la norma originaria comprendeva tra i beni agevolabili anche i marchi d’impresa, ivi inclusi i marchi collettivi, registrati o in corso di registrazione e che tali beni sono stati successivamente esclusi dai benefici dall’articolo 56 del Dl n. 50/2017. La modifica, però, ha comunque consentito, a coloro che hanno esercitato l’opzione per i primi due periodi di imposta successivi a quello in corso al 31 dicembre 2014 (2015 e 2016), di continuare ad agevolare i marchi fino alla scadenza del quinquennio ovvero, se inferiore, fino al 30 giugno 2021.

Tanto premesso, l’Amministrazione trova la soluzione al quesito nei documenti di prassi richiamati.
In primis, esordisce con la circolare n. 36/2015, nella quale ha precisato, tra l’altro che le perdite generate in vigenza del regime del Patent Box dovranno essere recuperate, attraverso un meccanismo di “recapture” nell’ambito del medesimo regime di Patent Box, nel momento in cui il bene immateriale comincerà a produrre redditi. Tali perdite saranno, quindi, computate a riduzione del reddito lordo agevolabile (pari all’eccedenza dei ricavi rispetto ai costi riferibili al singolo bene immateriale), fino al loro completo esaurimento. Ne consegue che, in tali casi, la concreta fruizione della tassazione agevolata, sotto forma di variazione in diminuzione, avrà luogo nel momento in cui il bene immateriale genererà redditi depurati da eventuali perdite pregresse prodotte in vigenza del regime del Patent box”.
Poi, entra nel cuore dell’argomento, citando la successiva circolare n. 11/2016. In questa occasione, ha chiarito ulteriormente che, ai fini del calcolo del contributo, “(…) la perdita del singolo IP – anche per la parte relativa al periodo antecedente alla creazione dello stesso – dovrà essere memorizzata, con il sistema di tracciatura a far data dall’anno 2015, anche se l’impresa non ha optato per il regime agevolato. L’esercizio dell’opzione, prima di produrre una variazione in diminuzione rappresentativa della misura dell’agevolazione, comporterà necessariamente una compensazione tra redditi e perdite formatisi nei periodi antecedenti l’opzione. Nel caso in cui nel periodo “ante opzione” siano presenti soltanto perdite fiscali, queste ultime dovranno essere abbattute dal reddito prodotto dallo stesso bene immateriale fino ad esaurimento delle stesse e senza limitazioni di natura temporale. (…)”.

Infine, dopo aver esemplificato il calcolo dell’agevolazione con riferimento agli Ip costituiti da “marchi”, l’Agenzia può concludere che i relativi costi risultano inclusi, in linea di principio, tra quelli, diretti e indiretti, riguardanti le attività connesse alla creazione, allo sviluppo, al mantenimento e/o al miglioramento degli Ip. Di conseguenza, la società istante, la quale verifica che nel periodo d’imposta 2015 lo sfruttamento del marchio storico ha generato una perdita, può rinviare gli effetti positivi dell’opzione 2019 agli esercizi in cui lo stesso bene sarà produttivo di reddito.

Condividi su:
Vecchie perdite da gestione marchi ammesse al recapture da patent box

Ultimi articoli

Normativa e prassi 16 Agosto 2022

Soggetta a Iva l’attività in Italia anche con iscrizione all’Aire

La costituzione nel territorio italiano del domicilio fiscale, pur in presenza della residenza in un Paese terzo, come il Regno Unito, non impedisce di considerare la cittadina italiana, chiaramente intenzionata ad avviare la sua unica attività professionale, quale soggetto passivo Iva alla stregua di un qualsiasi altro residente.

Normativa e prassi 16 Agosto 2022

Cambi delle valute estere: online le medie di luglio 2022

È in Rete, sul sito dell’Agenzia delle entrate, il provvedimento del 16 agosto del direttore dell’Agenzia, con il quale sono accertate le medie dei cambi delle valute estere per il mese di luglio 2022, calcolati a titolo indicativo dalla Banca d’Italia sulla base di quotazioni di mercato.

Analisi e commenti 16 Agosto 2022

Il rilascio del falso “visto leggero” è sanzionabile penalmente

Al fine di contrastare i fenomeni “patologici” collegati alle compensazioni di crediti inesistenti e alle indebite cessioni di credito d’imposta non spettanti, e al fine di garantire ai contribuenti il corretto adempimento degli obblighi tributari e, conseguentemente, agevolare l’amministrazione finanziaria nei successivi controlli, il legislatore tributario, con il decreto legislativo n.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Rilascio obbligatorio delle frequenze, l’indennizzo è contributo in c/capitale

Con la risposta n. 427 del 12 agosto 2022, l’Agenzia chiarisce che il contributo percepito nell’anno corrente dalla società e previsto ex lege per la rottamazione obbligatoria delle frequenze inerenti al servizio televisivo digitale terrestre va qualificato come sopravvenienza attiva e, essendo ricompreso nell’articolo 88, comma 3, lettera b) del Tuir, concorre alla determinazione del reddito nell’esercizio in cui è stato incassato e nei successivi, ma non oltre il quarto.

torna all'inizio del contenuto