Normativa e prassi

21 Maggio 2021

Rimborso Iva diretto al non residente anche se con rappresentante fiscale

La nomina di un rappresentante fiscale in Italia non preclude, alla società non residente che effettua nel Paese solo operazioni attive, per le quali il debitore d’imposta è il committente/cessionario nazionale, la facoltà di chiedere il rimborso Iva, sulle importazioni e gli acquisti realizzati, attraverso il “portale elettronico”. Le fatture e le bollette doganali, però, devono essere intestate alla partita Iva estera e non devono confluire nelle liquidazioni periodiche e nella dichiarazione annuale presentate dal rappresentante fiscale.

È la precisazione contenuta nella risposta n. 359 del 20 maggio 2021, con la quale l’Agenzia delle entrate si allinea alle posizioni in tal senso della Corte di giustizia e della Cassazione, ma anche al proprio cambio di passo, rispetto a una faq del 2010, effettuato con la propria risposta n. 339/2020.
In tale occasione, aveva negato, al non residente direttamente identificato in Italia, la possibilità di aderire alla procedura del rimborso prevista dall’articolo 38-bis 2 del decreto Iva, ma non perché “identificato”, quanto piuttosto perché aveva presentato una dichiarazione con la partita Iva italiana, optando, di fatto, per la modalità “fisiologica” di erogazione del rimborso di cui all’articolo 38-bis.

Sull’argomento, come detto, si sono espresse anche la Corte Ue e la Cassazione, La prima, con la sentenza del 6 febbraio 2014, causa C-323/12, ha precisato, tra l’altro che la mera nomina di un rappresentante fiscale non basta a far ritenere che il soggetto passivo “disponga di una struttura dotata di un sufficiente grado di stabilità e di un personale proprio incaricato della gestione delle proprie attività economiche”, cioè che abbia un centro di attività nello Stato membro nel quale cerca di ottenere il rimborso e che, dunque, possa essere considerato residente e non possa avvalersi dell’ottava direttiva Iva (n. 79/1072). Questa, in sostanza, consente ai non residenti di beneficiare del diritto al rimborso dell’imposta pagata a monte
La seconda, con l’ordinanza n. 21684/2020, adeguandosi all’orientamento giurisprudenziale comunitario, ha aggiunto che, affinché il non residente “identificato” possa chiedere il rimborso tramite la procedura del portale elettronico, è necessario che le fatture di acquisto la cui Iva è chiesta a rimborso:

  • siano intestate alla partita Iva estera del soggetto non residente
  • non confluiscano nelle liquidazioni periodiche e nella dichiarazione annuale presentata dal rappresentante fiscale.

Nella risposta n. 359/2021, inoltre, l’Agenzia fornisce chiarimenti in relazione al caso in cui il soggetto non residente identificato in Italia direttamente o tramite rappresentante fiscale, che non ha effettuato operazioni attive in Italia per le quali è debitore di imposta, opti per il rimborso in dichiarazione annuale, ai sensi del citato articolo 38-bis del decreto Iva, anche dell’Iva relativa alle fatture di acquisto intestate alla partita Iva estera. In tal caso, è opportuno che questi tenga distinte dette operazioni da quelle riferite alla partita Iva italiana, annotandole separatamente nei registri Iva e in un apposito modulo della dichiarazione annuale, similmente a quanto già accade con riguardo alle operazioni della casa madre non residente che confluiscono nella contabilità Iva della sua stabile organizzazione. Ciò consentirà un migliore riscontro del credito chiesto a rimborso, riducendo il rischio di un duplice utilizzo.

La società non residente, in conclusione, può chiedere il rimborso tramite il “portale elettronico” dell’Iva relativa agli acquisti nazionali e alle importazioni, se le fatture/bollette doganali risultano intestate alla partita Iva estera, mentre devono confluire nella dichiarazione annuale le operazioni riferibili alla partita Iva italiana gestita tramite il rappresentante fiscale.

Condividi su:
Rimborso Iva diretto al non residente anche se con rappresentante fiscale

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Tax credit investimenti Mezzogiorno, un pro-rata pari a zero alza la misura

La società che ha acquistato, dal 2017 al 2020, attrezzature e impianti strumentali per la propria attività, beneficiando del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno (commi da 98 a 108, legge n.

Analisi e commenti 23 Giugno 2021

Regimi speciali Iva Oss e Ioss – 3 Moss non Ue apre a tutti i servizi

Dal 1° luglio, l’attuale sistema del Mini one stop shop, regime non Ue applicabile ai soggetti passivi non stabiliti nell’Unione europea, che forniscono servizi TTE, verrà ampliato a tutte le prestazioni, territorialmente rilevanti ai fini Iva in uno Stato membro, fornite a consumatori finali.

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Esenzione Irap da “Rilancio” per la società costituita nel 2019

La società nata il 1° ottobre 2019, che ha stabilito una durata di 15 mesi per il primo esercizio sociale, con primo esercizio “a cavallo” (dalla costituzione al 31 dicembre 2020), non deve effettuare i versamenti dell’Irap in scadenza a giugno 2021, ossia il versamento del saldo relativo al periodo d’imposta 1° ottobre 2019 – 31 dicembre 2020 e la prima rata di acconto relativo al periodo d’imposta 1° gennaio 2021 – 31 dicembre 2021.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

“Legge Antispreco”, i chiarimenti sui beni non più commercializzabili

Nell’ambito dei beni ceduti per finalità solidaristiche e ambientali la presenza di imperfezioni, alterazioni, danni o vizi dei prodotti tali da non modificarne l’idoneità all’utilizzo o altri motivi similari, non si riferisce alla locuzione “non più commercializzati”, ma solo all’espressione “non idonei alla commercializzazione”.

torna all'inizio del contenuto