Normativa e prassi

18 Maggio 2021

Acquisto test di inglese da enti Uk: non beneficia dell’esenzione Iva

L’esenzione Iva per le prestazioni dei discenti riguardano unicamente quelle prestazioni che vengono rese da scuole, istituti o altri organismi con gli specifici requisiti soggettivi e non anche le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate nei confronti degli stessi. Di conseguenza, scontano l’Iva ordinaria le cessioni dei test per la certificazione linguistica resi dagli enti certificatori con sede in Uk. È la sintesi della consulenza giuridica dell’Agenzia fornita con la risposta n. 6 del 18 maggio 2021.

L’istante, in particolare, chiede quale è la corretta registrazione e i relativi adempimenti per l’acquisto dei test che attestano la competenza della lingua inglese, resi dagli enti certificatori con sede in Gran Bretagna, considerando che tali servizi in UK sono esenti Iva.

L’Agenzia dopo aver rilevato che si tratta di una prestazione generica e pertanto territorialmente rilevante in Italia (B2B) ai sensi dell’articolo 7-ter del decreto Iva, sostiene che per verificare l’eventuale esenzione bisogna valutare i requisiti oggettivi e soggettivi. L’articolo 10, primo comma, n. 20), del Decreto Iva dispone che sono esenti dall’imposta “le prestazioni educative dell’infanzia e della gioventù e quelle didattiche di ogni genere, anche per la formazione, l’aggiornamento, la riqualificazione e riconversione professionale, rese da istituti o scuole riconosciuti da pubbliche amministrazioni e da enti del Terzo settore di natura non commerciale, comprese le prestazioni relative all’alloggio, al vitto e alla fornitura di libri e materiali didattici, ancorché fornite da istituzioni, collegi o pensioni annessi, dipendenti o funzionalmente collegati, nonché le lezioni relative a materie scolastiche e universitarie impartite da insegnanti a titolo personale”.

Le prestazioni quindi:

  • devono essere di natura educativa dell’infanzia e della gioventù o didattica di ogni genere, inclusa l’attività di formazione, aggiornamento, riqualificazione e riconversione professionale (requisito oggettivo)
  • devono essere rese da istituti o scuole riconosciuti da pubbliche amministrazioni (requisito soggettivo).

Nel caso in esame, però non si tratta di prestazioni rese dai propri discenti ma di cessioni da parte di soggetti stabiliti in UK, per i quali non sussiste il requisito per lo sconto impositivo. L’esenzione Iva infatti riguarda solo le prestazioni che vengono rese da scuole, istituti o altri organismi con gli specifici requisiti soggettivi e non anche le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate nei confronti degli stessi. Tali prestazioni dunque seguono la tassazione Iva ordinaria non potendosi includere fra quelle indicate nell’articolo 10, primo comma, n. 20) del decreto Iva.

L’ente/scuola, trattandosi di un soggetto extra Ue, è tenuto ad adempiere all’imposta con l’autofatturazione dell’operazione secondo il meccanismo del reverse charge, (articolo 17, comma 2 del decreto Iva) e dovrà osservare anche tutti gli altri obblighi stabiliti dall’articolo 21 e seguenti dello stesso decreto Iva.

In particolare, tale ultimo articolo prevede che per le prestazioni di servizi generiche rese da un prestatore stabilito fuori dall’Ue, la fattura è emessa dal committente entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione. Inoltre, in base al successivo articolo 23, il contribuente deve annotare in apposito registro le fatture emesse, nell’ordine della loro numerazione, “entro il giorno15 del mese successivo a quello di effettuazione delle operazioni e con riferimento allo stesso mese di effettuazione delle operazioni”.

Secondo poi l’articolo 25 del decreto Iva, “Il contribuente deve annotare in un apposito registro le fatture e le bollette doganali relative ai beni e ai servizi acquistati o importati nell’esercizio dell’impresa, arte o professione, comprese quelle emesse a norma del secondo comma dell’articolo 17, anteriormente alla liquidazione periodica nella quale è esercitato il diritto alla detrazione della relativa imposta e comunque entro il termine di presentazione della dichiarazione annuale relativa all’anno di ricezione della fattura e con riferimento al medesimo anno”.

L’ente certificatore potrà avvalersi o meno del sistema Sdi per emettere l’autofattura. Se opta per la versione cartacea o elettronica al di fuori del Sistema di interscambio, sarà obbligato a comunicare i dati dell’operazione ricevuta dal fornitore estero, integrati con quelli dell’imposta, tramite l’esterometro.

Condividi su:
Acquisto test di inglese da enti Uk: non beneficia dell’esenzione Iva

Ultimi articoli

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

L’assemblea condominiale approva: Superbonus a chi si accolla le spese

Se l’assemblea approva, le spese per gli interventi effettuati sulle parti comuni del “condominio misto”, che ospita alloggi di privati e di una Pa, potranno essere sostenute dai condomini interessati che in sede assembleare, esprimendo parere favorevole, manifestano l’intenzione di accollarsi l’intero importo e che beneficeranno della detrazione al 110 per cento.

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

L’assembla condominiale approva: Superbonus a chi si accolla le spese

Se l’assemblea approva, le spese per gli interventi effettuati sulle parti comuni del “condominio misto”, che ospita alloggi di privati e di una Pa, potranno essere sostenute dai condomini interessati che in sede assembleare, esprimendo parere favorevole, manifestano l’intenzione di accollarsi l’intero importo e che beneficeranno della detrazione al 110 per cento.

Attualità 22 Settembre 2021

Spese sanitarie 1° semestre 2021, comunicazioni entro il 30 settembre

Non sono ancora scaduti i termini per la presentazione dei redditi relativa al 2020 che già si riaccendono i motori per predisporre la precompilata 2022.

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

Aliquota Imu all’11,4%, anche senza delibera 2021

Se la maggiorazione dell’aliquota Imu dello 0,08% è stata espressamente confermata dalle delibere consiliari ininterrottamente dal 2015 al 2019, in qualità di maggiorazione Tasi, e per il 2021 il Comune non ha adottato alcuna deliberazione in materia, vengono convalidate automaticamente tutte le aliquote approvate per il 2020, compresa anche quella maggiorata dell’1,14%, risultante dall’applicazione della maggiorazione dello 0,08 per cento.

torna all'inizio del contenuto