Normativa e prassi

13 Maggio 2021

Scambio automatico conti finanziari: riviste le liste dei partecipanti

Ufficiali da ieri, con la pubblicazione in Gazzetta del decreto 26 aprile 2021 a firma congiunta del direttore generale delle Finanze e del direttore dell’Agenzia delle entrate, i nuovi elenchi dei Paesi tenuti allo scambio automatico di informazioni sui conti finanziari.
Le liste aggiornate sono quelle riportate nell’Allegato C e nell’Allegato D al decreto 28 dicembre 2015, che ha dato attuazione alla legge n. 95/2015 e alla direttiva n.  2014/107/Ue.
In particolare, la legge 95/2015, ricordiamo, rappresenta un fondamentale passo nel campo delle iniziative volte a migliorare la compliance fiscale internazionale e a promuovere lo scambio di informazioni tra diverse giurisdizioni, attraverso la ratifica del Fatca (Foreign Account Tax Compliance Act), l’accordo tra Italia e Stati uniti d’America che introduceva le disposizioni per lo scambio bilaterale di informazioni sulla base degli obiettivi e degli adempimenti previsti dalla normativa tributaria Usa. La legge n. 95/2015 ha introdotto, inoltre, le regole e gli adempimenti a cui sono tenuti gli operatori e le istituzioni finanziarie italiane per attenersi allo scambio di comunicazioni in base agli accordi e intese tecniche conclusi dall’Italia con i governi di Paesi esteri.

Il decreto Mef del 28 dicembre 2015 ha sancito la disciplina per lo scambio automatico obbligatorio di informazioni nel settore fiscale, o meglio per la rilevazione, trasmissione e comunicazione all’Agenzia delle entrate delle informazioni relative ai conti finanziari e per l’applicazione delle procedure relative agli obblighi di adeguata verifica ai fini fiscali (due diligence). Il Dm, tra l’altro, all’articolo 3 reca disposizioni anche sulla disciplina degli obblighi di comunicazione che le istituzioni finanziarie italiane devono trasmettere all’Agenzia delle entrate e all’articolo 4 prevede l’aggiornamento degli elenchi, per tenere conto sia della effettiva implementazione degli accordi sottoscritti dai Paesi già partecipanti allo scambio di informazioni, sia di eventuali nuove  ratifiche di accordi per lo scambio automatico di informazioni sui conti finanziari da parte di altre giurisdizioni estere.

Con il decreto pubblicato ieri, in particolare, sono stati modificati l’Allegato C e l’Allegato D al decreto 28 dicembre 2015, che riporta le modalità di rilevazione, trasmissione e comunicazione all’Agenzia delle entrate delle entrate delle informazioni sui conti finanziari.
Nello specifico:

  • l’Allegato C elenca gli Stati o giurisdizioni oggetto della comunicazione
  • l’Allegato D individua la lista delle giurisdizioni partecipanti.

Nella prima lista sono elencati 79 Stati, con la new entry della giurisdizione di Curaçao, l’isola caraibica che è nazione costitutiva dei Paesi bassi.
Nell’elenco riportato all’allegato D sono invece arrivati  a 112 i Paesi partecipanti, con l’ultima aggiunta di Nuova Caledonia e Perù.

Condividi su:
Scambio automatico conti finanziari: riviste le liste dei partecipanti

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Esenzione Irap da “Rilancio” per la società costituita nel 2019

La società nata il 1° ottobre 2019, che ha stabilito una durata di 15 mesi per il primo esercizio sociale, con primo esercizio “a cavallo” (dalla costituzione al 31 dicembre 2020), non deve effettuare i versamenti dell’Irap in scadenza a giugno 2021, ossia il versamento del saldo relativo al periodo d’imposta 1° ottobre 2019 – 31 dicembre 2020 e la prima rata di acconto relativo al periodo d’imposta 1° gennaio 2021 – 31 dicembre 2021.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

“Legge Antispreco”, i chiarimenti sui beni non più commercializzabili

Nell’ambito dei beni ceduti per finalità solidaristiche e ambientali la presenza di imperfezioni, alterazioni, danni o vizi dei prodotti tali da non modificarne l’idoneità all’utilizzo o altri motivi similari, non si riferisce alla locuzione “non più commercializzati”, ma solo all’espressione “non idonei alla commercializzazione”.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

Remissione in bonis al consolidato, se l’omessa opzione è in buona fede

La controllante che, per un semplice disguido, quindi, in buona fede, non ha esercitato tempestivamente l’opzione per il consolidato fiscale per il triennio 2020-2022, cioè nel modello Redditi 2020 (come previsto dall’articolo 119, comma 1, lettera d), del Tuir) può rimediare, avvalendosi della remissione in bonis.

Attualità 22 Giugno 2021

Cfp “automatici”, in arrivo per 1,8 milioni di partite Iva

Disposti i pagamenti dei contributi a fondo perduto riconosciuti in via automatica dall’articolo 1 del decreto “Sostegni-bis” (Dl n.

torna all'inizio del contenuto