Normativa e prassi

13 Maggio 2021

Scambio automatico conti finanziari: riviste le liste dei partecipanti

Ufficiali da ieri, con la pubblicazione in Gazzetta del decreto 26 aprile 2021 a firma congiunta del direttore generale delle Finanze e del direttore dell’Agenzia delle entrate, i nuovi elenchi dei Paesi tenuti allo scambio automatico di informazioni sui conti finanziari.
Le liste aggiornate sono quelle riportate nell’Allegato C e nell’Allegato D al decreto 28 dicembre 2015, che ha dato attuazione alla legge n. 95/2015 e alla direttiva n.  2014/107/Ue.
In particolare, la legge 95/2015, ricordiamo, rappresenta un fondamentale passo nel campo delle iniziative volte a migliorare la compliance fiscale internazionale e a promuovere lo scambio di informazioni tra diverse giurisdizioni, attraverso la ratifica del Fatca (Foreign Account Tax Compliance Act), l’accordo tra Italia e Stati uniti d’America che introduceva le disposizioni per lo scambio bilaterale di informazioni sulla base degli obiettivi e degli adempimenti previsti dalla normativa tributaria Usa. La legge n. 95/2015 ha introdotto, inoltre, le regole e gli adempimenti a cui sono tenuti gli operatori e le istituzioni finanziarie italiane per attenersi allo scambio di comunicazioni in base agli accordi e intese tecniche conclusi dall’Italia con i governi di Paesi esteri.

Il decreto Mef del 28 dicembre 2015 ha sancito la disciplina per lo scambio automatico obbligatorio di informazioni nel settore fiscale, o meglio per la rilevazione, trasmissione e comunicazione all’Agenzia delle entrate delle informazioni relative ai conti finanziari e per l’applicazione delle procedure relative agli obblighi di adeguata verifica ai fini fiscali (due diligence). Il Dm, tra l’altro, all’articolo 3 reca disposizioni anche sulla disciplina degli obblighi di comunicazione che le istituzioni finanziarie italiane devono trasmettere all’Agenzia delle entrate e all’articolo 4 prevede l’aggiornamento degli elenchi, per tenere conto sia della effettiva implementazione degli accordi sottoscritti dai Paesi già partecipanti allo scambio di informazioni, sia di eventuali nuove  ratifiche di accordi per lo scambio automatico di informazioni sui conti finanziari da parte di altre giurisdizioni estere.

Con il decreto pubblicato ieri, in particolare, sono stati modificati l’Allegato C e l’Allegato D al decreto 28 dicembre 2015, che riporta le modalità di rilevazione, trasmissione e comunicazione all’Agenzia delle entrate delle entrate delle informazioni sui conti finanziari.
Nello specifico:

  • l’Allegato C elenca gli Stati o giurisdizioni oggetto della comunicazione
  • l’Allegato D individua la lista delle giurisdizioni partecipanti.

Nella prima lista sono elencati 79 Stati, con la new entry della giurisdizione di Curaçao, l’isola caraibica che è nazione costitutiva dei Paesi bassi.
Nell’elenco riportato all’allegato D sono invece arrivati  a 112 i Paesi partecipanti, con l’ultima aggiunta di Nuova Caledonia e Perù.

Condividi su:
Scambio automatico conti finanziari: riviste le liste dei partecipanti

Ultimi articoli

Normativa e prassi 16 Agosto 2022

Soggetta a Iva l’attività in Italia anche con iscrizione all’Aire

La costituzione nel territorio italiano del domicilio fiscale, pur in presenza della residenza in un Paese terzo, come il Regno Unito, non impedisce di considerare la cittadina italiana, chiaramente intenzionata ad avviare la sua unica attività professionale, quale soggetto passivo Iva alla stregua di un qualsiasi altro residente.

Normativa e prassi 16 Agosto 2022

Cambi delle valute estere: online le medie di luglio 2022

È in Rete, sul sito dell’Agenzia delle entrate, il provvedimento del 16 agosto del direttore dell’Agenzia, con il quale sono accertate le medie dei cambi delle valute estere per il mese di luglio 2022, calcolati a titolo indicativo dalla Banca d’Italia sulla base di quotazioni di mercato.

Analisi e commenti 16 Agosto 2022

Il rilascio del falso “visto leggero” è sanzionabile penalmente

Al fine di contrastare i fenomeni “patologici” collegati alle compensazioni di crediti inesistenti e alle indebite cessioni di credito d’imposta non spettanti, e al fine di garantire ai contribuenti il corretto adempimento degli obblighi tributari e, conseguentemente, agevolare l’amministrazione finanziaria nei successivi controlli, il legislatore tributario, con il decreto legislativo n.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Rilascio obbligatorio delle frequenze, l’indennizzo è contributo in c/capitale

Con la risposta n. 427 del 12 agosto 2022, l’Agenzia chiarisce che il contributo percepito nell’anno corrente dalla società e previsto ex lege per la rottamazione obbligatoria delle frequenze inerenti al servizio televisivo digitale terrestre va qualificato come sopravvenienza attiva e, essendo ricompreso nell’articolo 88, comma 3, lettera b) del Tuir, concorre alla determinazione del reddito nell’esercizio in cui è stato incassato e nei successivi, ma non oltre il quarto.

torna all'inizio del contenuto