Normativa e prassi

12 Maggio 2021

Iscrizione al Pra, bollo virtuale anche sull’istanza alternativa

Considerato che l’acquirente di un veicolo può presentare come titolo per l’iscrizione al Pra un’istanza, in alternativa all’atto di vendita in forma di scrittura privata autenticata, è possibile in tal caso richiedere l’autorizzazione alla riscossione in modalità virtuale dell’imposta di bollo quando l’istanza dell’acquirente sia stata redatta su modulo a parte. L’istante dovrà presentare alla Dp competente delle Entrate una richiesta con il numero presuntivo delle istanze ricevute su modulo a parte nell’anno. È il chiarimento contenuto nella risposta n. 326 dell’11 maggio 2021 dell’Agenzia.

Con la risposta vengono fornite le istruzioni sul pagamento del bollo virtuale per l’iscrizione al Pra di un veicolo. L’Agenzia premette che l’acquirente di un veicolo può presentare, come titolo per l’iscrizione al Pra, in alternativa all’atto di vendita in forma di scrittura privata autenticata, un’istanza redatta ai sensi dell’articolo 38, comma 3, Dpr n. 445/2000. L’Agenzia ricorda, inoltre, che nel caso in cui l’istanza in questione sia stata redatta sulla nota di trascrizione (mod. NP2) l’imposta di bollo viene assolta una sola volta sulla nota di richiesta della formalità, mentre se redatta separatamente utilizzando un modulo a parte, denominato “istanza dell’acquirente ai fini della prima iscrizione al Pra”, l’imposta di bollo deve essere assolta sia per l’istanza che per la nota di iscrizione.

In tema di modalità di riscossione dell’imposta di bollo sugli atti di vendita digitali autenticati dallo Sportello telematico dell’automobilista, la circolare n. 33/2015 ha chiarito che l’Aci è autorizzato a riscuotere in modalità virtuale l’imposta di bollo sulle autentiche degli atti effettuati dagli Sportelli Telematici dell’Automobilista (“l’ACI sia legittimata a richiedere l’autorizzazione al pagamento dell’imposta di bollo in modo virtuale anche per l’autentica delle sottoscrizioni degli atti e delle dichiarazioni aventi ad oggetto l’alienazione di beni mobili registrati o la costituzione di diritti di garanzia sui medesimi, richiesta presso gli Sportelli Telematici dell’Automobilista”).

Considerato che anche la redazione dell’istanza dell’acquirente in modalità digitale rientra negli stessi processi inerenti alla vendita digitale, l’Agenzia, come prospettato dall’istante, ritiene che per analogia anche in tale ipotesi può essere consentito all’istante di richiedere l’autorizzazione alla riscossione in modalità virtuale dell’imposta di bollo quando la domanda dell’acquirente sia stata redatta su modulo a parte.

A tal fine l’istante dovrà presentare istanza alla competente Dp delle Entrate per integrare l’autorizzazione al pagamento dell’imposta in modo virtuale già rilasciata, indicando il numero presuntivo delle istanze dell’acquirente presentate su modulo a parte soggette all’imposta di bollo che potranno essere ricevute nell’anno.

Condividi su:
Iscrizione al Pra, bollo virtuale anche sull’istanza alternativa

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Esenzione Irap da “Rilancio” per la società costituita nel 2019

La società nata il 1° ottobre 2019, che ha stabilito una durata di 15 mesi per il primo esercizio sociale, con primo esercizio “a cavallo” (dalla costituzione al 31 dicembre 2020), non deve effettuare i versamenti dell’Irap in scadenza a giugno 2021, ossia il versamento del saldo relativo al periodo d’imposta 1° ottobre 2019 – 31 dicembre 2020 e la prima rata di acconto relativo al periodo d’imposta 1° gennaio 2021 – 31 dicembre 2021.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

“Legge Antispreco”, i chiarimenti sui beni non più commercializzabili

Nell’ambito dei beni ceduti per finalità solidaristiche e ambientali la presenza di imperfezioni, alterazioni, danni o vizi dei prodotti tali da non modificarne l’idoneità all’utilizzo o altri motivi similari, non si riferisce alla locuzione “non più commercializzati”, ma solo all’espressione “non idonei alla commercializzazione”.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

Remissione in bonis al consolidato, se l’omessa opzione è in buona fede

La controllante che, per un semplice disguido, quindi, in buona fede, non ha esercitato tempestivamente l’opzione per il consolidato fiscale per il triennio 2020-2022, cioè nel modello Redditi 2020 (come previsto dall’articolo 119, comma 1, lettera d), del Tuir) può rimediare, avvalendosi della remissione in bonis.

Attualità 22 Giugno 2021

Cfp “automatici”, in arrivo per 1,8 milioni di partite Iva

Disposti i pagamenti dei contributi a fondo perduto riconosciuti in via automatica dall’articolo 1 del decreto “Sostegni-bis” (Dl n.

torna all'inizio del contenuto