Normativa e prassi

7 Maggio 2021

Nuovo soggetto in un Gruppo Iva, profili di ingresso in itinere

Con la risoluzione n. 30 del 7 maggio 2021 l’Agenzia delle entrate fornisce precisi chiarimenti sul caso di ingresso in itinere di una società già esistente alla data di costituzione del Gruppo Iva, rispetto alla quale si sono successivamente instaurati i vincoli finanziario, economico e organizzativo previsti dal legislatore.

Le precisazioni riguardano, in particolare, (i) la decorrenza dell’ingresso di un nuovo soggetto, (ii) la natura (sistematica o antielusiva) della norma che fissa il requisito del possesso della partecipazione almeno dal 1° luglio dell’anno precedente, (iii) la vigenza dei resi forniti con la circolare n. 19/2018 riguardanti l’ingresso nel Gruppo Iva di una società di nuova costituzione, interamente partecipata da un soggetto del medesimo gruppo, dante causa di un conferimento di ramo d’azienda e dei chiarimenti contenuti nel principio di diritto n. 16/2020 in tema di scissione parziale della capogruppo a favore della neocostituita, che coinvolga esclusivamente soggetti già inclusi nel perimetro del Gruppo, (iv) la decorrenza del termine ultimo per la presentazione della dichiarazione di inclusione (articolo 70-quater, comma 5 del decreto Iva).

Alla luce delle numerose e dettagliate precisazioni contenute nel documenti di prassi, l’Agenzia ritiene che, in ossequio al principio di tutela dell’affidamento e della buona fede (articolo 10 della legge n. 212/2000), esclude l’applicazione di sanzioni nei casi, anteriormente alla pubblicazione de presente documento, di ingresso di “nuovi” soggetti in un Gruppo Iva già costituito non in linea con i chiarimenti forniti, qualora tali ingressi abbiano effettivamente determinato un vantaggio fiscale per il Gruppo.

Condividi su:
Nuovo soggetto in un Gruppo Iva, profili di ingresso in itinere

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Tax credit investimenti Mezzogiorno, un pro-rata pari a zero alza la misura

La società che ha acquistato, dal 2017 al 2020, attrezzature e impianti strumentali per la propria attività, beneficiando del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno (commi da 98 a 108, legge n.

Analisi e commenti 23 Giugno 2021

Regimi speciali Iva Oss e Ioss – 3 Moss non Ue apre a tutti i servizi

Dal 1° luglio, l’attuale sistema del Mini one stop shop, regime non Ue applicabile ai soggetti passivi non stabiliti nell’Unione europea, che forniscono servizi TTE, verrà ampliato a tutte le prestazioni, territorialmente rilevanti ai fini Iva in uno Stato membro, fornite a consumatori finali.

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Esenzione Irap da “Rilancio” per la società costituita nel 2019

La società nata il 1° ottobre 2019, che ha stabilito una durata di 15 mesi per il primo esercizio sociale, con primo esercizio “a cavallo” (dalla costituzione al 31 dicembre 2020), non deve effettuare i versamenti dell’Irap in scadenza a giugno 2021, ossia il versamento del saldo relativo al periodo d’imposta 1° ottobre 2019 – 31 dicembre 2020 e la prima rata di acconto relativo al periodo d’imposta 1° gennaio 2021 – 31 dicembre 2021.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

“Legge Antispreco”, i chiarimenti sui beni non più commercializzabili

Nell’ambito dei beni ceduti per finalità solidaristiche e ambientali la presenza di imperfezioni, alterazioni, danni o vizi dei prodotti tali da non modificarne l’idoneità all’utilizzo o altri motivi similari, non si riferisce alla locuzione “non più commercializzati”, ma solo all’espressione “non idonei alla commercializzazione”.

torna all'inizio del contenuto