Attualità

3 Maggio 2021

Ancora un mese di sospensione per notifica cartelle e riscossione

Slitta al 31 maggio 2021 il termine di sospensione delle attività di riscossione, fissato al 30 aprile 2021 dal decreto” Sostegni” (articolo 4, Dl n. 41/2021). Il Mef anticipa la notizia con un comunicato stampa in attesa del provvedimento normativo che ufficializzerà l’ulteriore proroga della sospensione introdotta, a causa dell’emergenza determinata dalla pandemia Covid-19, a partire dall’8 marzo 2020, dal decreto “Cura Italia (articolo 68, Dl n.18/2020).

La misura riguarda tutti le cartelle di pagamento, gli avvisi di addebito e gli avvisi di accertamento esecutivi affidati all’Agente della riscossione, nonché l’invio di nuove cartelle e la possibilità per l’Agenzia di avviare procedure cautelari o esecutive di riscossione, come fermi amministrativi, ipoteche e pignoramenti.

Un altro mese di stop anche per le verifiche di inadempienza che le pubbliche amministrazioni e le società a prevalente partecipazione pubblica sono tenute a effettuare prima di disporre pagamenti di importo superiore a 5mila euro (articolo 48-bis, Dpr n. 602/1973).

Condividi su:
Ancora un mese di sospensione per notifica cartelle e riscossione

Ultimi articoli

Normativa e prassi 18 Ottobre 2021

Investimenti 4.0, in “trasferta” o in comodato, ma il bonus c’è

La ditta che investe in beni strumentali nuovi per sterilizzare le attrezzature del dentista usufruisce del tax credit introdotto dalla legge di bilancio 2020 anche se utilizza gli strumenti presso hub da lei istituiti in luoghi diversi dalla propria sede.

Normativa e prassi 18 Ottobre 2021

“Disallineamenti da Ibridi”: Aperta la consultazione pubblica

Disponibile in consultazione sul sito dell’Agenzia fino al 19 novembre 2021 lo schema di circolare che fornisce i chiarimenti sulla disciplina dei “Disallineamenti da Ibridi” contenuta nel decreto legislativo di recepimento della direttiva antielusione Atad (articoli da 6 a 11 del Dlgs n.

Normativa e prassi 18 Ottobre 2021

Firma digitale con marca temporale: la data dell’attestazione è certa

Con la risposta n. 725 del 18 ottobre 2021, è stato chiarito che lo strumento della firma digitale corredata da marca temporale, se rispondente ai requisiti previsti dalle norme e dalle regole tecniche vigenti, è idoneo a garantire la certezza della data di emissione, da parte dell’ente di certificazione accreditato, dell’attestato di conformità.

Analisi e commenti 18 Ottobre 2021

Prima casa under 36 – 1 Focus sul requisito Isee

La circolare n. 12/2021, firmata dal direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini, ha fornito, tra gli altri, chiarimenti in merito all’Isee quale requisito soggettivo, di carattere strettamente economico, previsto dall’articolo 64, comma 6 del Dl n.

torna all'inizio del contenuto