Normativa e prassi

23 Aprile 2021

Isa, pronte le regole tecniche per acquisire ulteriori dati

Approvate le specifiche tecniche per l’acquisizione degli ulteriori dati necessari ai fini dell’applicazione degli indici sintetici di affidabilità fiscale per il periodo di imposta 2020.
Il via libera arriva con il provvedimento del 23 aprile 2021 del direttore dell’Agenzia, Ernesto Maria Ruffini, “preannunciato” dal precedente dello scorso 28 gennaio nel quale sono state indicate le modalità con cui l’Agenzia delle entrate rende disponibili ai contribuenti o ai soggetti incaricati della trasmissione telematica le suddette informazioni (vedi articolo “Isa: disponibili online 175 modelli per la comunicazione dei dati”).
 
L’input è il decreto Mef del 2 febbraio 2021 secondo il quale, per la determinazione del punteggio di affidabilità relativo agli indici sintetici di affidabilità fiscale, sono necessari ulteriori dati, resi disponibili dall’Agenzia delle entrate, individuati nella Nota tecnica e metodologica allegata al decreto stesso. Si tratta di informazioni direttamente utilizzati dagli interessati per l’applicazione degli indici oppure, se ritenuti non corretti e se consentito, modificabili dai contribuenti stessi.
 
Il provvedimento odierno individua i percorsi informatici con cui predisporre i file contenenti l’elenco dei contribuenti per i quali i soggetti incaricati della trasmissione telematica richiedono i dati necessari per determinare il livello di affidabilità fiscale dei loro assistiti. Sono previste modalità diverse per chi è delegato alla consultazione del cassetto fiscale e per chi non possiede tale delega.
Definite anche le regole tecniche con cui sono rese disponibili i file contenenti le informazioni aggiuntive.
 
Nel dettaglio, il provvedimento approva le specifiche tecniche con cui:

  • predisporre il file contenente l’elenco dei contribuenti per cui i soggetti incaricati della trasmissione telematica risultano delegati alla consultazione del relativo cassetto fiscale e per i quali richiedono tali dati
  • predisporre il file contenente l’elenco dei contribuenti per cui i soggetti incaricati della trasmissione telematica, non provvisti di delega alla consultazione del cassetto fiscale del contribuente, risultano delegati alla richiesta dei dati in argomento
  • sono resi disponibili i file contenenti gli ulteriori elementi necessari alla determinazione del punteggio di affidabilità relativo agli indici sintetici di affidabilità fiscale applicabili per il periodo d’imposta 2020.

In definitiva il documento “promuove” la documentazione tecnica relativa ai contenuti già disciplinati con il precedente provvedimento del 28 gennaio 2021.

Condividi su:
Isa, pronte le regole tecniche per acquisire ulteriori dati

Ultimi articoli

Attualità 19 Ottobre 2021

Attenzione: nuove email truffa su pagamenti fiscali in sospeso

Un nuovo inganno in rete: da qualche giorno circolano email false relativi a non precisati pagamenti fiscali in sospeso.

Normativa e prassi 18 Ottobre 2021

Investimenti 4.0, in “trasferta” o in comodato, ma il bonus c’è

La ditta che investe in beni strumentali nuovi per sterilizzare le attrezzature del dentista usufruisce del tax credit introdotto dalla legge di bilancio 2020 anche se utilizza gli strumenti presso hub da lei istituiti in luoghi diversi dalla propria sede.

Normativa e prassi 18 Ottobre 2021

“Disallineamenti da Ibridi”: Aperta la consultazione pubblica

Disponibile in consultazione sul sito dell’Agenzia fino al 19 novembre 2021 lo schema di circolare che fornisce i chiarimenti sulla disciplina dei “Disallineamenti da Ibridi” contenuta nel decreto legislativo di recepimento della direttiva antielusione Atad (articoli da 6 a 11 del Dlgs n.

Normativa e prassi 18 Ottobre 2021

Firma digitale con marca temporale: la data dell’attestazione è certa

Con la risposta n. 725 del 18 ottobre 2021, è stato chiarito che lo strumento della firma digitale corredata da marca temporale, se rispondente ai requisiti previsti dalle norme e dalle regole tecniche vigenti, è idoneo a garantire la certezza della data di emissione, da parte dell’ente di certificazione accreditato, dell’attestato di conformità.

torna all'inizio del contenuto