Normativa e prassi

23 Aprile 2021

Imu 2020 per immobili “turistici”: distribuite le risorse pro Comuni

Un comunicato del ministero dell’Interno dà notizia del decreto interministeriale del 16 aprile 2021, siglato dal ministero dell’Interno e il ministero dell’Economia e delle Finanze, con il quale si provvede a ripartire il Fondo previsto dal decreto “Rilancio” a favore dei Comuni dove si trovano immobili e relative pertinenze destinati ad attività turistiche per i quali è stata abolita l’Imu del 2020.

Storia dell’agevolazione
In considerazione della grave crisi economica determinatasi nel settore turistico-alberghiero a seguito della pandemia dovuta emergenza epidemiologica da Covids-19 l’articolo 177 del decreto “Rilancio” ha previsto la cancellazione della prima rata Imu del 2020 riguardante gli immobili dove sono ubicati stabilimenti balneari e termali, gli agriturismi, i villaggi turistici, gli ostelli della gioventù, le case e gli appartamenti per vacanze, i bed&breakfast, i residence eccetera, purché i proprietari siano gestori delle attività lì esercitate (vedi articolo “Dl “Rilancio” a piccole dosi – 4 cura fiscale e non solo per il turismo”).

Successivamente gli articoli 9 e 9-bis del decreto “Ristori” hanno abolito, per  i settori della ristorazione e della somministrazione di cibi e bevande, della ricettività alberghiera, del turismo, dello sport, del benessere fisico, dello spettacolo, della cultura, dell’organizzazione di fiere e altri eventi, anche la seconda rata Imu del 2020 a condizione che coincida il proprietario dell’immobile con il gestore dell’attività che vi viene esercitata (vedi articolo “Dl “ristori”, le misure – 2 Cancellata la seconda rata Imu”).

Un po’ di “ossigeno” per le casse comunali
Il decreto interministeriale del 16 aprile 2021 provvede a ripartire le risorse del Fondo tra i diversi Comuni, secondo il riparto riportato nell’allegato A con il metodo descritto nell’allegato B, ove sono ubicati gli immobili “turistici” identificati con i codici Ateco descritti nell’Allegato 2 del Dl n. 137/2020,
Per i comuni delle regioni a statuto speciale Friuli Venezia Giulia e Valle d’Aosta gli importi sono erogati per il tramite delle Autonomie speciali.

Condividi su:
Imu 2020 per immobili “turistici”: distribuite le risorse pro Comuni

Ultimi articoli

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Integratori alimentari liquidi: Iva al 10% se destinati alla salute

Le cessioni di integratori alimentari che si presentano in forma liquida e sono utilizzati per mantenere l’organismo in buona salute possono fruire dell’Iva ridotta, nella misura del 10%, non essendo i beni riconducibili alla categoria degli “sciroppi di qualsiasi natura” che è esclusa dall’applicazione dell’aliquota agevolata.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Non paga Ires e Irap il contributo anti-Covid erogato dalla Regione

Il sostegno economico erogato dalla Regione in forma di sovvenzione del prestito ricevuto in banca per far fronte all’emergenza sanitaria e per non chiudere l’attività è assimilabile ai contributi a fondo perduto erogati con gli stessi scopi dallo Stato nel periodo della pandemia e, di conseguenza, non è rilevante ai fini dell’imponibile Ires e Irap.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Crediti d’imposta “trasferiti”: le specifiche per richieste ed esiti

Approvate, con provvedimento del direttore dell’Agenzia del 29 luglio 2021, le specifiche tecniche per la trasmissione telematica massiva, alle Entrate, delle richieste di accettazione o rifiuto delle cessioni dei crediti presenti nella “Piattaforma cessione crediti”, accessibile dall’area riservata del sito dell’Agenzia, e per la comunicazione telematica, ai cessionari, degli esiti delle stesse richieste.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

La fattura elettronica tardiva non preclude il regime premiale

Il beneficio che prevede la riduzione di un anno del termine ordinario di accertamento per coloro che applicano il regime forfetario, subordinato al fatturato costituito esclusivamente da fatture elettroniche emesse tramite Sdi, non è perso per il professionista che  per errore ha emesso una fattura cartacea sanando la dimenticanza predisponendo il documento elettronico oltre i dodici giorni previsti dall’articolo 21, comma 4 del Decreto Iva.

torna all'inizio del contenuto