Attualità

30 Marzo 2021

Cfp “Sostegni”, operativo da oggi il canale per l’invio delle domande

Su input del direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini, è ora aperto il canale sul portale “Fatture e corrispettivi” per l’invio delle richieste di accesso al contributo a fondo perduto previsto dal Dl n. 41/2021.
 
Due le strade per presentare le istanze. I contribuenti in possesso dei requisiti potranno trasmettere le domande attraverso il desktop telematico oppure online tramite il servizio web presente sul portale “Fatture e Corrispettivi”, utilizzando il modello disponibile sul sito dell’Agenzia insieme alle relative istruzioni. È possibile eseguire l’accesso attraverso le credenziali Spid, Cie o Cns o quelle rilasciate dall’Agenzia  (vedi articoli “Per il “Sostegno” a fondo perduto, disposizioni operative immediate” e “Decreto “Sostegni” e start-up: determinazione del valore del cfp”).
 
In particolare le richieste potranno essere predisposte e inviate esclusivamente online attraverso:

  • un software di compilazione predisposto in base alle caratteristiche definite nelle specifiche tecniche approvate con il provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate dello scorso 23 marzo. Il file ottenuto potrà essere trasmesso utilizzando i servizi telematici Entratel /Fisconline. Questo sistema consente di inviare anche più domande con un’unica trasmissione
  • un’apposita procedura web messa a disposizione dall’Agenzia all’interno del portale “Fatture e Corrispettivi”, nella sezione “Contributo a fondo”. In questo caso è possibile predisporre e trasmettere una sola domanda alla volta. 

L’istanza, oltre che dal diretto interessato, può essere trasmessa anche da un intermediario preventivamente delegato dal contribuente all’utilizzo del proprio cassetto fiscale o al servizio di consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei loro duplicati informatici del portale “Fatture e Corrispettivi”. In mancanza di tali deleghe, il contribuente può delegare l’intermediario specificatamente per la trasmissione dell’istanza per il contributo a fondo perduto del decreto “Sostegni”.
 
La fase di compilazione dei dati dell’istanza è fondamentale ai fini dell’elaborazione, dell’erogazione e dei successivi controlli e, pertanto, nonostante l’ampia finestra per la presentazione, è necessario dedicarvi tempo e attenzione.
 
A una prima fase di elaborazione con l’esecuzione di controlli “formali”, che termina con il rilascio della ricevuta di presa in carico, segue una seconda fase di controlli più approfonditi, nella quale avviene il riscontro dei dati indicati con le informazioni presenti nel sistema dell’Anagrafe tributaria. In caso positivo, la seconda fase si conclude con la ricevuta di accoglimento e l’emissione del mandato di pagamento o il riconoscimento del credito d’imposta.
Ogni fase può essere monitorata dal contribuente attraverso le funzionalità presenti ai link “Invii effettuati” e “Consultazione esito” presenti nella sezione “Contributo a fondo perduto” del portale “Fatture e corrispettivi”.
 
Istruzioni puntuali e approfondite sono contenute nell’apposita guida predisposta dall’Agenzia delle entrate. La misura agevolativa è stata inoltre trattata su questo giornale nell’articolo “Dl “Sostegni” – 1: contributi per tutti i titolari di partita Iva”.

Condividi su:
Cfp “Sostegni”, operativo da oggi il canale per l’invio delle domande

Ultimi articoli

Attualità 20 Ottobre 2021

Tax credit servizi digitali 2021, le domande da oggi, 20 ottobre

Al via da oggi, 20 ottobre, e fino alla mezzanotte del 20 novembre 2021 le domande al dipartimento per l’Informazione e l’Editoria per accedere al credito d’imposta riconosciuto alle imprese editrici di quotidiani e periodici per l’acquisizione di servizi digitali.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Il contratto non lascia dubbi è una permuta di beni pubblici

Il contratto di trasferimento di un immobile dal Demanio, che agisce per conto dello Stato, a un ente territoriale, in attuazione di un accordo di programma quadro, se contiene l’elenco dei beni immobili reciprocamente trasferiti con il relativo valore e presenta gli elementi tipici dell’operazione, può essere considerato una permuta di beni pubblici e beneficiare dei relativi regimi di favore previsti per le imposte di registro, ipo-catastali e bollo.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

I registratori di cassa telematici non sono “iperammortizzabili”

L’interconnessione dei registratori di cassa telematici con il sistema informativo aziendale non comporta, di per sé, l’automatico riconoscimento dell’agevolazione prevista dalla legge di bilancio 2017 (articolo 1, comma 9) e più volte prorogata (articolo 1, comma 30, Bilancio 2018 e articolo 1, comma 60, Bilancio 2019), meglio conosciuta come “iperammortamento”.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Bonus “Restauro” edifici storici, le istanze partono a febbraio 2022

È pari al 50% delle spese sostenute nel 2021 e 2022 il credito d’imposta previsto per la manutenzione, la protezione o il restauro degli immobili di interesse storico e artistico.

torna all'inizio del contenuto